In lungo e al largo

6 agosto 2010
Pubblicato da

di

Alessandro Zannoni

“Qui il fiume si allarga e si confonde col mare, e forse è già mare senza che io possa saperlo, in effetti come si fa a capire dove finisce uno e dove inizia l’altro, non è che ci sia un confine esatto, non esiste un netto mutamento di colore o densità o che ne so, neppure un cartello che ne proclama la precisa demarcazione, però so che da qui le cose cambiano e c’è una netta trasformazione in corso, non la vedo ma esiste e la accetto, e penso a questa cosa liquida in modo diverso, e la chiamo in un altro modo, pure; non più acque limpide, forti correnti, rapide tumultuose, argini selvatici, stagioni di secca o stagioni di piena, ora e per sempre un’unica infinita massa d’acqua.


Anche il sole non fa distinzioni, di questo sono certo, e sfolgora identico sulle increspature mosse dal vento e mi acceca per piccoli istanti nonostante gli occhiali scuri; stringo gli occhi e inspiro a fondo col naso, magari proprio il salmastro e lo iodio e la nafta delle barche e la puzza della fogna che scarica qui vicino, e mi metto a pensare che ‘sto fatto del fiume e del mare è una cosa curiosa, perché mentre mi veniva in mente e ci ragionavo, in automatico una parte della mia testa metteva in relazione la cosa con la vecchiaia e la giovinezza, e quello che pensavo e tutte le argomentazioni non erano più sul fiume e sul mare, ma su me stesso e la mia trasformazione, io che sono fiume e mare, io giovane e io vecchio, e mi cade addosso una tristezza indicibile e faccio sì con la testa senza volerlo, faccio sì con la testa senza averne voglia ma lo faccio, perché so che è così, c’è poco da fare, sto inesorabilmente scendendo verso la foce e forse dovrei aver perso da tempo i miei argini selvatici e le rapide tumultuose – avrei dovuto accorgermene, perlomeno – e magari sto solo facendo finta di non essermene accorto perché in realtà so tutto e la cosa mi spaventa.
Sì, credo di sapere le cose come stanno.
Tutto puzza di vecchiaia.
Mi è cambiato il fisico e la resistenza alla fatica e al sonno, comincio ad ingrigire nella barba e nei capelli, e sono perfino cambiati i desideri, quelli che ho adesso sono desideri piccoli, comuni, minimi, anche non troppo difficili da raggiungere e abbastanza facili da mantenere; e sono arrivato al punto di saper apprezzare le piccole cose. È una grande conquista, questo è certo, un punto d’arrivo importante, è lo spartiacque che manca tra fiume e mare, il confine concreto che non c’è qui, davanti ai miei occhi, in queste acque docili che lambiscono la mia terra costellata da posti barca e ville con attracco privato…”

Tag: ,

5 Responses to In lungo e al largo

  1. jacopo galimberti il 6 agosto 2010 alle 13:49

    furlen, ma lo sai che avessi dovuto postare due canzoni balneari avrei postate esattamente questa e ‘un’estate la mare’!!

    Tuttavia, nella piovosa londra dove mi trovo a lavorare sono una vera e propria pugnalata nel culo.

  2. francesco forlani il 6 agosto 2010 alle 14:29

    affinità selettive eh!
    Jaco mi scrivi un pezzo per “in lungo al largo”?
    effeffe

  3. jacopo galimberti il 6 agosto 2010 alle 15:06

    volentieri, se trovo il tempo ti mando nei prossimi giorni.

  4. francesco forlani il 6 agosto 2010 alle 16:20

    decisamente OT questo scambio (e intanto ringrazio Alessandro di aver accettato la sfida) effeffe

  5. véronique vergé il 7 agosto 2010 alle 12:05

    Alessandro Zannoni è di fiume e di mare, cosa rara- si sente o di fiume o di mare- ma nella scrittura di lungo compagnia all’acqua, il poeta canta l’inestricabile frontiera tra fiume e il mare. E’ molto bello di vedere/leggerequeste nozze,
    quando il mare penetra il fiume.

    Poetica questa scrittura al punto dell’avventura per chi ha una passione :acqua modellata alla melanconia. Ho sempre ritenuto il fiume mai affrancato dal paesaggio dove è nato- il mare a parte- sempre in partenza-
    Il fiume non si bagna più per l’inquinamento- e questa vecchiaia del narratore è il viaggio del fiume, in una frontiera dove qualcosa sta cambiado, sta colorando. Una traccia è venuta da mancare.

    Quando torno nel sud, nel paesaggio materno, valico la frontiera del fiume a Bordeaux, che non è un porto- nell’acqua gialla e sabbia, vedo
    il lutto tra l’oceano e la terra di sabbia che viene all’incontro, una terra
    che resista al mare con il pino o la vite, e nello stesso tempo rapisce il mare. Credo farlo, perché questo fiume è lo più triste che conosco con il suo colore ammalato.

    Di affinità acquatica,

    véronique



indiani