New Italian Kritik : Giorgio Fontana

23 maggio 2011
Pubblicato da

Tag: , ,

14 Responses to New Italian Kritik : Giorgio Fontana

  1. antonio il 23 maggio 2011 alle 16:53

    serve davvero un libro del genere?

  2. francesco forlani il 23 maggio 2011 alle 17:18

    a cosa serve un libro? effeffe

  3. Ares il 23 maggio 2011 alle 17:32

    .a volte a fare spessore per addrizzare l’armadio.

  4. francesco forlani il 23 maggio 2011 alle 19:27

    anche.
    eppure a te questo libro può perfino piacere
    effeffe

  5. fabio teti il 23 maggio 2011 alle 20:17

    l’importante è non sia quello degli scheletri ;)

  6. francesco forlani il 23 maggio 2011 alle 21:00

    invece è un saggio molto scritto, al punto quasi da dire, romanzato se il termine non scostasse il racconto dalla verità, Essai, si dice in francese che può sostenere il peso perfino di quel tipo di armadio. Costruito alla francofortese – in certi momenti pensi alla colta prosa dell’Adorno, in altri alla rapidità della frase, di un Benjamin o a certi fermo immagine di un Horkheimer. L’inizio è una raccolta dei cocci, di quel che resta dei vetri o dello specchio andato in frantumi del contemporaneo Italia. Sovrasta su ogni tipo di attenzione il nano in piedi sulle spalle di altri nani e seppure, a tratti, un po’ troppo didascalico, nel viaggio che Gorgio Fontana compie nelle prime diciamo quaranta pagine , le sai quelle pagine necessarie per definire il piano d’immanenza del discorso, direbbe Gilles Deleuze. A partire da lì si declinano i segmenti che tentano – per questo è un essai- di spiegare certo ma ancor più di partecipare all’epoca e alle sue icone. Potrebbe essere un pamphlet ma vi è troppa pacatezza, lucidità, per esserlo, a tratti perfino poesia. E’ un libro coraggioso ma del coraggio dei vent’anni – l’autore ne ha appena appena trenta- e sicuro come di chi abbia già perso l’equilibrio. effeffe

  7. natàlia castaldi il 23 maggio 2011 alle 21:31

    beh, si potrebbe leggerlo soprattutto per la perdita di equilibrio. necessaria, miodio, necessaria.

  8. fabio teti il 23 maggio 2011 alle 23:31

    e si aveva vulìa di leggerlo, in effetti.
    (poi gli armadi alla francofortese sono tra i miei preferiti).

    grazie per la segnalazione :)

    f.

  9. laserta il 24 maggio 2011 alle 15:36

    Forlani,

    mi perdoni, ma non capisco per quale ragione tiri in ballo nomi come Adorno, Benjamin e compagnia per un saggio molto volenteroso ma assai grezzo e, nonostante le intezioni, piuttosto scontato (e dico, purtroppo).
    senza contare l’ego smisurato di Fontana: ma questi sono gusti personali.
    mi chiedo perché si debba fare un così cattivo servizio a un amico/conoscente/collega accostando il suo lavoro a filosofi o autori che stanno troppo in alto. capisco la ragione del consiglio per acquisti, ma si potrebbe fare con più eleganza. anche per giustizia nei confronti di Fontana.
    ancora una volta, non capisco.

  10. effeffe il 24 maggio 2011 alle 19:44

    laserta
    ritrovare l’eco dei grandi maestri in giovani intellettuali è cosa piuttosto, sorprendentemente positiva, non trovi? In fondo ho detto che certi passaggi ricordano eccetera eccetera e non che Fontana fosse il nuovo Adorno o Benjamin. Che certe letture si sedimentino nei lettori mi sembra perfino una buona notizia. Ti invito del resto a leggere per esempio con meno stati d’animo arretrati il finale, quando l’autore costruisce in una corrispondenza col padre una fiaba tutta moderna per combattere la paura del buio. Per quanto riguarda l’ego dell’autore, non so cosa risponderti. Non lo conosco né personalmente né indirettamente. Ho letto il suo libro su consiglio di una mia amica grande lettrice e ho avuto voglia di proporlo qui nella mia nuova rubrica bbuone, malamente. Se per te è malamente, per certe ragioni cui accenni, ma tralascerei la questione diciamo personale della tua nota, ti posso assicurare che per me è buone per le stesse ragioni.( un saggio mosso da volontà e aggiungo desiderio di capire l’epoca delle colonie infami. La sola cosa che non condivido è che sia un libro scontato. In casa editrice mi hanno assicurato che viene venduto al prezzo che è in copertina :-) effeffe
    ps
    approfitto della tua nota per spiegare sta cosa del bbuone malamente. In un’epoca in cui si chiedono recensioni di 2000 battute e in cui il lettore si lascia guidare dalle classifiche dei libri, una sorta di segnalazione o appello dei lettori ai lettori, la mia modesta proposta, bbuone o malamente è un invito a “comparire” alle critiche o a proporre esattamente come stai facendo tu, un punto di vista differente.

  11. effeffe il 24 maggio 2011 alle 19:46

    Non ti ho dato del lei. Spero che tu non ne abbia a male
    effeffe

  12. laserta il 25 maggio 2011 alle 10:59

    assolutamente no, effeeffe (mi permetto allora di passare dal cognome al nickname..).
    che ci siano sedimentazioni, echi, citazioni di grandi autori e critici non è un elemento decisivo. bisogna vedere come entrano in gioco nella scrittura. personalmente ho trovato piuttosto acerba questa prova critica di Fontana. E non c’è nulla di male: è giovane e per padroneggiare certi nomi ci vogliono anni di esperienza. preciso anche l’appunto sull’ego smisurato: mi sembra che manchi la consapevolezza dei propri sacrosanti limiti. Fontana si atteggia un po’ troppo a profeta. E si compiace parecchio nei passaggi autobiografici.
    Infine, la tua intuzione mi pare ottima e parecchio divertente. E proprio per l’attenzione che riservo ai giovani, io non mi sbilancerei questa volta né sul bbuone né sul malamente. Diciamo rimandato alla prossima, ecco…

  13. effeffe il 25 maggio 2011 alle 11:28

    bbuone
    effeffe

  14. Andrea Breda Minello il 30 maggio 2011 alle 01:43

    A me, questo libro, pare necessario. La parola-chiave è proprio: resistenza! Al di là del talento dello scrittore, che c’è e si nota, è indispensabile la testimonianza, il dire, di un giovane, che si sente uomo e partecipe del momento storico, in cui vive e viviamo.



indiani