Articolo precedenteCiao, compagno Lucio
Articolo successivoRoberto Baggio qui e altrove

NON E’ BELLO?

 

Mentre in Italia il 18 novembre scorso si teneva il Convegno nazionale di “Scienza e Vita”, aperto dalla lectio magistralis del Cardinale Bagnasco, alla presenza di Alfano, Maroni, Bersani e Casini, all’esterno, ignorato dai telegiornali, ha avuto luogo un sit-in dell’Associazione Luca Coscioni. Accanto ai manifestanti un tabellone elencava i “diritti in attesa”: coppie di fatto, divorzio breve, testamento biologico, fecondazione assistita, ricerca scientifica.

Nessuna lezione di democrazia e bioetica può venire dalla CEI e da Scienza e Vita, ovvero dai due protagonisti del sabotaggio al referendum sulla legge 40” – ha affermato Mario Staderini, Segretario dei Radicali Italiani – “Ai politici che sono dentro voglio dire che non servono larghe intese in salsa vaticana bensì i diritti civili che milioni di italiani aspettano da troppi anni”.

Michele De Lucia ha ricordato i costi economici che lo Stato sostiene per pagare le attività parapolitiche della Cei, mentre Marco Cappato ha parlato della capacità vaticana di imporre al disservizio pubblico radiotelevisivo di RAISET la sistematica falsificazione dei dati che emergono dalla ricerca scientifica.

 

1 commento

  1. Testamento biologico

    E’ necessario
    avere paura della morte?

    Cosa terribile
    e meravigliosa
    la vita:

    diritto di cercare
    la felicità
    e diritto di sparire,
    un attimo prima,
    di fare schifo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

XV Quaderno di poesia italiana contemporanea

Franco Buffoni Prefazione “Come si riconosce una poesia?” si chiede Antonella Anedda presentando in questo volume la silloge Diritto all’oblio di...

Mots-clés__Fuori

di Elisa Ghia
Mentre lui parlava io guardavo fuori dalla vetrata dello studio suo e mi sono accorto che stavo a piangere dopo tanto tempo e che non mi ricordavo più se avevo pianto qualche volta nella vita mia

Da “Betelgeuse e altre poesie scientifiche”

di Franco Buffoni
Circola un'arietta leopardiana, ironica e frizzante, a tratti glaciale, nell'ultimo libro di Franco Buffoni, BETELGEUSE e altre poesie scientifiche, Mondadori, 2021. Un'arietta rara nei libri di poesia contemporanea A. I.]

Poesia e perdita. Un’intervista di Gilda Policastro a Franco Buffoni

L'intervista-dialogo che segue nasce da un incontro di poesia, tenuto presso la scuola Molly Bloom nel 2017.   Poesia e perdita:...

Poesia e ragionevolezza

di Franco Buffoni C’è una scena dell’Amleto di Laforgue che mi viene sempre in mente quando si tratta di definire...

Silvia è un anagramma

di Franco Buffoni In che peccai bambina? “In che peccai bambina?” La domanda semplice di Saffo è quella che gli/le adolescenti si...
franco buffonihttp://www.francobuffoni.it/
Franco Buffoni ha pubblicato raccolte di poesia per Guanda, Mondadori e Donzelli. Per Mondadori ha tradotto Poeti romantici inglesi (2005). L’ultimo suo romanzo è Zamel (Marcos y Marcos 2009). Sito personale: www.francobuffoni.it