Parole rima

di Daniele Ventre (1)

1.

Ancora sul confine della nube
attendo forma che mi parli segno
e si riscriva al termine d’un volto
comparso al limitare della sera,
al senso stretto fra silenzi e voce
inciso nella mente in solchi d’ombra.
 
Lo sguardo all’orizzonte chiuso d’ombra,
velo i pensieri d’una quieta nube,
stretti in un suono d’interrotta voce
che di ragioni non conosce segno:
così la fioca luce della sera
sfuma lontano il margine d’un volto.
 
Preso del nulla non intendo volto,
ma solo lente fughe in giochi d’ombra
che stringono i ricordi alla mia sera.
Raccolta è la matrice della nube
in questa forma labile del segno
teso sul vuoto della spenta voce.
 
La mia parola non conosce voce
che inscriva attese alle linee d’un volto.
Così rimane muto il fioco segno
che lasciano alla rena il vento e l’ombra
e instabile al profilo della nube
che fugge in dissolvenze nella sera.
 
Solo a volte la calma della sera
parla a un ricordo di tranquilla voce,
nel fruscio silenzioso della nube,
a sfiorare sul limite d’un volto
presto svanito per le vie dell’ombra
l’orma della memoria in vuoto segno.
 
Ma la memoria non rinnova segno
per i fuochi annidati oltre la sera,
quando si libra notte in reti d’ombra
a cingere l’abisso senza voce
dove l’occhio smarrisce orma di volto
per opaco addensarsi in cupa nube.
 
E porosa la nube elude il segno
che un vuoto volto perde nella sera,
quando ogni voce si fa fioca d’ombra.
 
 
 
 
 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Saffo, fr. 1

trad. isometra di Daniele Ventre Afrodite eterna dal vario trono, tessi-inganni, figlia di Zeus, ti prego, non dannarmi con sofferenze e angosce l’anima,...

Buena Vista Social Club: Alessandro Trocino

Questa  rubrica è dedicata alle “cose belle” trovate sui Social, a dimostrazione del fatto che fare rete è oggi,...

Il cielo per Roma – l’ipercalisse ilarotragica di Mariano Bàino

di Daniele Ventre “Chiamatemi Chiaffredo. Ma non chiedetemi il perché…”: così si inizia, con richiamo evidente all’Ismaele del Moby Dick,...

Dialogo assorto

di Antonia Santopietro Conoscere se stessi e gli altri è il modo più intenso di essere responsabili. Ma la vita è, insieme,...

Dante: una rima petrosa

di Antonio Sparzani Come si diceva qui Dante, grande ammiratore di Arnaut Daniel, il trobadour provenzale del trobar clus, l'oscuro,...

Kant à la boulangerie

di Francesco Forlani         Un pays des merveilles Con estrema grazia, la mia vicina pianista ha una discrezione aristocratica e moscovita, mi aveva...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
Print Friendly, PDF & Email