Articolo precedenteLe scimmie… (11)
Articolo successivoDemolite quel liceo

Festa del racconto

Novelle&Novello
5 e 6 novembre 2004
Napoli, Biblioteca Fra Landolfo Caracciolo
Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore
Via dei Tribunali, 316

Alla sua prima uscita sul panorama culturale campano Officina Cultura, Associazione Onlus che nasce a Napoli con l’obiettivo di creare un polo culturale di riferimento per tutto il meridione, propone, la Festa del Racconto Novelle&Novello: un evento che abbina alla cultura lo spettacolo e la passione per i vini.

Il 5 e 6 novembre prossimo nella prestigiosa Biblioteca Fra Landolfo Caracciolo, si succederanno incontri letterari, esposizioni, mostre, musica, reading e appassionanti momenti di spettacolo conditi dalla leggerezza del vino novello che sarà offerto a chiusura di entrambe le serate.

La formula scelta per questa prima edizione del piccolo festival letterario nel cuore della città e in uno dei siti storici più entusiasmanti, offre ai lettori e agli amanti dei libri un modo nuovo di vivere la cultura.

Oltre alle presentazioni di libri, al centro del programma compare, infatti, una mostra del libro artistico. Il libro realizzato a mano e con tecniche di stampa e di rilegatura particolare oppure, ricco di immagini realizzate con varie e impegnative tecniche come le acqueforti, la serigrafia e l’incisione. La mostra che aprirà Novelle&Novello venerdì 5 alle 17.00, è essenzialmente allestita con alcune delle più belle opere dell’artista nolano Vittorio Avella. Accanto ai libri de Il Merlo, alle edizioni de Il Laboratorio, compare naturalmente la nuova collana d’arte, La tela di Partenope, realizzata da tre figure del panorama culturale napoletano: lo stesso Avella che ne cura le incisioni, il libraio e editore Raimondo Di Maio che appone il suo marchio “Dante & Descartes” e una anonima artista che realizza le meravigliose copertine impastando cellulosa con materiali vari che si ispirano al testo. La mostra resterà allestita fino al 25 novembre e sarà visitabile negli orari di apertura della biblioteca.

A fianco al percorso della mostra, inoltre saranno allestiti alcuni corner espositivi: il primo curato dalla Libreria Il Pavone Nero è intitolato “Tavolino apparecchiati”, cento titoli tra la cultura gastronomica e la letteratura. A cura della libreria Dante & Descartes sarà inoltre allestito il corner con libri sul tema de “Napoli nel viaggio”. Mentre, un terzo corner sarà dedicato al bookcrossing di Officina Cultura, dove ognuno può lasciare il suo libro in cambio di un altro.

La biblioteca Fra Landolfo Caracciolo sarà sede di una eventuale lettura di alcuni dei libri scelti da Officina Cultura Book Club: 56 titoli scelti per voi. Per leggere, approfondire, autori e racconti scelti dall’associazione per quei lettori continuamente alla ricerca di sorprese e percorsi culturali.

Naturalmente a Novelle & Novello non mancheranno gli incontri letterari con scrittori e artisti e i momenti di spettacolo. Tra i protagonisti di questa due giorni ci saranno gli scrittori e poeti Marco Fabio Apolloni, Diego De Silva, Sasà Di Natale, Davide Morganti, Sandro Pedicini, Giampaolo Rugarli, Michele Sovente e gli artisti Vittorio Avella, Riccardo Dalisi, Lello Esposito, Sergio Fermariello.

Un momento di spettacolo sarà curato da Brunella Cappiello e Stefano Petriccione che proporranno, la sera di venerdì 5, per festeggiare il Capodanno del Vino Novello, il reading Dai confini di Bevesi fino a Berrò.

Nell’ambito della manifestazione, inoltre, Officina Cultura in collaborazione con la Libreria Il Pavone nero, ha lanciato il concorso letterario Racconti divini. Un concorso a cui hanno partecipato più di 50 scrittori e il cui vincitore sarà designato da una giuria popolare, dopo un reading collettivo, sabato 6 novembre dalle 16,30 in poi.

La manifestazione si realizza con il patrocinio dell’Istituto Politeia e con la collaborazione della delegazione napoletana dell’Associazione Italiana Sommelier.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

SÀDEQ HEDÀYAT: una civetta cieca

di Luca Vidotto
Hedàyat ci narra questa storia dando voce a un io perverso che si rivolge alla sua ombra e che prende le sembianze di una civetta cieca – nella cultura persiana simbolo di sventura, di mala sorte, di un che di maligno.

La Genova di quattro scrittori liguri

di Marino Magliani, Laura Guglielmi, Guido Festinese e Emilia Marasco
Perché in fondo Genova è un isola, sotto il doppio assedio del sale e della pietra, assedio perso in entrambi casi, e chi scrive da Genova è un isolano.

La vita sfilacciata

di Francesco Segoni
Io, se dovessi compilare la lista dei miei Works, la dividerei in quattro tappe: il manager, l’omino del gas e della luce, lo pseudo-giornalista e l’operatore umanitario. Nessuna di queste definizioni mi sta bene a dire il vero, ma sono quelle che si capiscono più facilmente.

Su “Solenoide” di Mircea Cărtărescu

Fabio M. Rocchi
Come opera una delle logiche di racconto preponderanti nell’ultimo fluviale romanzo di Mircea Cărtărescu, Solenoide? La storia si concentra sulle ossessioni e sulla non-vita del protagonsita, un anonimo professore di scuola secondaria che presta servizio nella Romania degli anni Ottanta...

L’uomo post-storico

Lewis Mumford
L’uomo post-storico ossessiona da molto tempo l’immaginazione moderna. In una serie di romanzi sui possibili mondi futuri Jules Verne e il suo successore H.G. Wells hanno descritto come sarebbe una società se una tale creatura, fanaticamente votata alla macchina, fosse al posto di comando.

Alessio Paiano: s’inceppa tutto il discorrere

    Ospito qui -in anteprima- alcuni estratti da Punti di fuga di Alessio Paiano, pubblicato da Arcipelago Itaca, insieme alla postfazione...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: