Articolo precedenteLe scimmie… (11)
Articolo successivoDemolite quel liceo

Festa del racconto

Novelle&Novello
5 e 6 novembre 2004
Napoli, Biblioteca Fra Landolfo Caracciolo
Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore
Via dei Tribunali, 316

Alla sua prima uscita sul panorama culturale campano Officina Cultura, Associazione Onlus che nasce a Napoli con l’obiettivo di creare un polo culturale di riferimento per tutto il meridione, propone, la Festa del Racconto Novelle&Novello: un evento che abbina alla cultura lo spettacolo e la passione per i vini.

Il 5 e 6 novembre prossimo nella prestigiosa Biblioteca Fra Landolfo Caracciolo, si succederanno incontri letterari, esposizioni, mostre, musica, reading e appassionanti momenti di spettacolo conditi dalla leggerezza del vino novello che sarà offerto a chiusura di entrambe le serate.

La formula scelta per questa prima edizione del piccolo festival letterario nel cuore della città e in uno dei siti storici più entusiasmanti, offre ai lettori e agli amanti dei libri un modo nuovo di vivere la cultura.

Oltre alle presentazioni di libri, al centro del programma compare, infatti, una mostra del libro artistico. Il libro realizzato a mano e con tecniche di stampa e di rilegatura particolare oppure, ricco di immagini realizzate con varie e impegnative tecniche come le acqueforti, la serigrafia e l’incisione. La mostra che aprirà Novelle&Novello venerdì 5 alle 17.00, è essenzialmente allestita con alcune delle più belle opere dell’artista nolano Vittorio Avella. Accanto ai libri de Il Merlo, alle edizioni de Il Laboratorio, compare naturalmente la nuova collana d’arte, La tela di Partenope, realizzata da tre figure del panorama culturale napoletano: lo stesso Avella che ne cura le incisioni, il libraio e editore Raimondo Di Maio che appone il suo marchio “Dante & Descartes” e una anonima artista che realizza le meravigliose copertine impastando cellulosa con materiali vari che si ispirano al testo. La mostra resterà allestita fino al 25 novembre e sarà visitabile negli orari di apertura della biblioteca.

A fianco al percorso della mostra, inoltre saranno allestiti alcuni corner espositivi: il primo curato dalla Libreria Il Pavone Nero è intitolato “Tavolino apparecchiati”, cento titoli tra la cultura gastronomica e la letteratura. A cura della libreria Dante & Descartes sarà inoltre allestito il corner con libri sul tema de “Napoli nel viaggio”. Mentre, un terzo corner sarà dedicato al bookcrossing di Officina Cultura, dove ognuno può lasciare il suo libro in cambio di un altro.

La biblioteca Fra Landolfo Caracciolo sarà sede di una eventuale lettura di alcuni dei libri scelti da Officina Cultura Book Club: 56 titoli scelti per voi. Per leggere, approfondire, autori e racconti scelti dall’associazione per quei lettori continuamente alla ricerca di sorprese e percorsi culturali.

Naturalmente a Novelle & Novello non mancheranno gli incontri letterari con scrittori e artisti e i momenti di spettacolo. Tra i protagonisti di questa due giorni ci saranno gli scrittori e poeti Marco Fabio Apolloni, Diego De Silva, Sasà Di Natale, Davide Morganti, Sandro Pedicini, Giampaolo Rugarli, Michele Sovente e gli artisti Vittorio Avella, Riccardo Dalisi, Lello Esposito, Sergio Fermariello.

Un momento di spettacolo sarà curato da Brunella Cappiello e Stefano Petriccione che proporranno, la sera di venerdì 5, per festeggiare il Capodanno del Vino Novello, il reading Dai confini di Bevesi fino a Berrò.

Nell’ambito della manifestazione, inoltre, Officina Cultura in collaborazione con la Libreria Il Pavone nero, ha lanciato il concorso letterario Racconti divini. Un concorso a cui hanno partecipato più di 50 scrittori e il cui vincitore sarà designato da una giuria popolare, dopo un reading collettivo, sabato 6 novembre dalle 16,30 in poi.

La manifestazione si realizza con il patrocinio dell’Istituto Politeia e con la collaborazione della delegazione napoletana dell’Associazione Italiana Sommelier.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

V. & V. Nabokov & son

di Chiara Montini
Vera e Vladimir Nabokov decidono di far entrare anche il figlio al servizio della loro piccola impresa letteraria, in principio affidandogli traduzioni sotto la loro supervisione e responsabilità.

‘O paese

di Giorgio Sica
Ispirato dalla poesia che canta il ritorno al paese, al selvaggio borgo natio che assurge a luogo di purezza ed eroico furore, dove poter amare davvero la donna, liberata dalla retorica stilnovista e tornata finalmente femmina, ho composto un piccolo ciclo di componimenti

Willy e luglio

di Arjuna Cecchetti
Okay, vederla tuffarsi dal pontile non era da mozzare il fiato, le mancava qualche curva nei punti giusti, per lo stesso motivo non mozzava il fiato nemmeno quando risaliva spingendo con le braccia sulle tavole di legno.

Giamaica e malinconie

di Nick Casini
A Winnifred Beach c’è una signora che prepara zuppe bollenti. Non è Cynthia - la ristoratrice che compare con Anthony Bourdain in un episodio di Parts Unknown - ma un’altra signora. Gestisce un chiosco a dieci metri dal mare

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

Vasyl’ Stus e Marina Cvetaeva

di Ornella Tajani
Nella collana DieciXuno di Mucchi dedicata alla traduzione poetica [...] è uscito stavolta un volumetto dedicato non a uno ma a due poeti: l'ucraino Vasyl' Stus insieme a Marina Cvetaeva
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: