Articolo precedenteLe scimmie… (19)
Articolo successivoBeppe Sebaste risponde

Le scimmie… (20)

di Dario Voltolini

sotto il lenzuolo sopra il cuscino la stanza rotola
voltano i muri capovolgendosi
dalla finestra passa un fischio d’aria e alza le pagine del libro
torniamo a casa con l’incerto equilibrio e nauseati
siamo tornati a casa e ci siamo infilati a letto
siamo ancora per la strada
siamo già a letto
spegniamo le luci
c’è il lampione che ciondola che bella cosa
che muri lunghi a preservare proprietà
ma ce n’era uno più alto di tutti e irregolare
che scendeva morbido per la strada
di una delle nostre capitali incendiate boreali artificiali
Rague Oppido Campiglia Manzaré Caiobutirro Danhelaghan
Ofiura Aleppo Arraky Ablante le nostre capitali insignificanti
che rampollano solamente in superficie
Osamu Nicotera Haffa Calimene Pontremoli Nuoro Conseguencia
abbiamo preso a pugni l’uomo del bar
era davvero insopportabile
e poi dava fastidio alle ragazze
ma alla fine l’abbiamo ritrovato in fondo al vicolo
che si asciugava il labbro
ci ha riconosciuti
c’erano anche i suoi amici
e siamo andati tutti quanti a bere un boccale
in quel locale ai piedi della rocca
e sentivo una voce parlare
stavate alla finestra per tutto il pomeriggio
le ombre si allungavano sulla strada
si accendevano i lampioni verso sera e i passanti
pressati dall’ora formicolavano più veloci
attraversando il corso
stavate in casa appoggiati alla finestra
stavate alla finestra e tutto là fuori si muoveva
passavano i tram
si levava la nebbia
stavate in casa e il tempo non entrava
dalla vostra orribile finestra
passi in corridoio e luci accese
gli adulti erano in casa
questo è un cambiamento
senza nessun lamento diventavate
mi fate ridere
tristi
e non erano i giochi
non erano le fantasie che all’improvviso
perdevano i sensi
sul pavimento rannicchiate si consumavano
le ore future
queste erano il morto
colpa vostra
in automobile sul ponte George Washington come decollando
per la prima parte della gittata
la struttura possente robustamente tiene
liberi invece voialtri di viaggiare

Print Friendly, PDF & Email

26 Commenti

  1. Robeh crede di aver detto una cosa intelligente, mentre invece è semplicemente una cosa vera. Questo non c’entra un cazzo con la poesia, lo sappiamo tutti. Si tratta di un’altra cosa. Cosa sia non lo so, e non lo sa nemmeno Voltolini, secondo me. In più io dico che qualunque cosa sia, è ‘na schifezza. Basta vedere questi ultimi tre pezzettoni. Ma vi pare una cosa da fare? E preché Voltolini non risponde? E’ troppo umile o troppo pieno di sé? Io credo la seconda. E Barbieri, cosa continui a difendere l’indifendibile? Ma ce l’hai o non ce l’hai la “coscienza critica”? Ho detto “critica”, hai letto bene! Ma per quanto ‘na schifezza siano, devo però dire che queste scimmie mi stanno cominciando a essere simpatiche. Viste da dietro, cioè da “tergo”.

  2. E io che posso dire? Il testo è ancora lungo, luuuungo, lunghissimo. Ho deciso di metterlo in rete per collaudarlo, prima di decidermi a farne quello che avevo previsto di farne e che non mi è ancora venuta voglia di fare. I vostri commenti sono preziosi, lo dico davvero. Non prndo posizione, me li studio. A volte ho l’impressione di pensarla come tergo. Altre volte no. In ogni caso continuo, fino alla fine (lontana, ah quanto lontana!)

  3. Ma chi ti obbliga a romperti i cojono con quello che scrivo? Tu salta tutto, che ti frega? Qualcuno ti costringe?

  4. In tutto sono più di 5.000 righi. E io li metterei tutti a poco a poco. A meno di un veto che mi convinca a smettere.

  5. “Il testo è ancora luuungo, lungo, lunghissimo… ho deciso di metterlo in rete per collaudarlo” scrive Dario Voltolini. Tesoro, allora scaricacelo tutto in colpo, anziché per omeopatiche gocce tutt’altro che autonome, prese ciascuna di per sé.
    Non dimenticare, inoltre, che ti stai rivolgendo a un tipico pubblico da Ambra Jiovinelli (“Aho, ciai scassato i maroni!!!!!” eccetera). Forse faresti meglio a darlo direttamente in lettura a qualche rinomato uomocolto postmoderno, tipo la Gabriella D’Ina o l’Alberto Rollo:-/

  6. Quando in stazione sento annunciare i treni mi chiedo sempre se è una voce vera o sintetizzata. Rispondo sintetizzata pensando che ci sia una specie di macchina per scrivere, che il capostazione digiti il testo e che la macchina richiami il suono delle parole o addirittura delle lettere dalla sua memoria. Non so se funziona veramente così. So che le Scimmie sarebbero belle lette da quelle voci, sarebbero belle anche tra un treno e l’altro per riempire il non-luogo stazione ferroviaria.

  7. Aggiungerebbero uggia a uggia, sarebbero come la Torre di Pisa qui da noi a Piazza San Marco (avrai letto della recente trovata di Oliviero Toscani per rilanciare, più che altro, se stesso).

  8. a Angelini, hai rotto, mo’ te lo dico co’ e buone. Hai rotto proprio, tu, le storie tue Oliviero Toscani e tutta la famija tua. Omo avisato mezzo sarvato.

  9. Ma se Dario me lo postasse tutto insieme, lo so già che non lo leggerei, troppo lungo. Mi farebbe paura. Così, in pillole, omeopatico, so di farcela.
    E comunque non pagate nulla per leggerlo, quindi, dai, un po’ di tolleranza.

  10. A si? Ma varda ‘n po’. C’hai coraggio, pero’. Bbravo. Mo’ me stai meno ‘ntipatico. Pero’ hai stufato ‘o stesso, er prodotto nun cambia.

  11. Angelì, Ccita nun è er tipo mio, che stai a ddì??? Er probblema mo’ è Jane. S’è ingrifata de li versi de Vortoini. Me piaciono pure a mme, ma Jane è propio partita. Che devo fà? Stanotte me sa che nun me la da…

  12. E me pare ggiusto! Certo che noi Tarzan semo forti ma ce manca n’po’ d’imaginazione. Meno male che ce siete voi. Varda, Angelì mo’ me sei propio simpatico. M’hai dato la dritta ggiusta. Vado da Jane, la strappo dar computer e vvia!

  13. Se l’andare a capo prima di finire il rigo, se alternare righi più lunghi e righi più brevi, se spezzare la frase senza seguire le giunture sintattiche ha ancora significato, allora anche questa è poesia. Che lo si voglia o no. Si tratta poi di stabilire se bella o brutta. Qui c’entra il gusto. E il mio è pollice verso. Scusate, ma non mi vengono battute.

  14. Era un po’ che non riuscivo a ” navigare”, e stasera sono riuscita a farlo, con questo testo luungo da far tenere il fiato. Alcune cose mi piacciono, altre no: alla fine ho avuto l’impressione…vediamo se riesco a dirlo..come se in fondo tutto il mondo fosse organizzato in quadri, un enorme deposito di immagini, di parole, di fogli impilati alla rinfusa, di odori, di nebbie, di sere e di ferrovie, come questo lunghissimo blogdiscorso. Alla fine, ognuno di noi prende quello che gli serve per farsi i ricordi di una vita…e poi li ritrova, non tutti, ma qualcuno, che poi rimanda a qualcos’altro.. li ritrova nei deliri ( apparentemente) sensa senso, di uno scrittore. Comunque grazie Dario, ma non affidarli ad una voce sintetica: sarebbe bello un grandissimo coro di persone, e ciascuno che recita SOLO la parte di immagini e parole che sente propria.. o no?

  15. Cara Mariagiovanna, questo sproloquio che ho scritto, più simile a un diario che a un racconto e sicuramente diverso da quello che penso possa essere la poesia, io lo considero uno “spartito” da fare interptretare a un certo numero di voci sintetiche. Io ho lavorato anni fa in un laboratorio di tecnologie vocali ed è da allora che l’idea mi frulla in mente. Tuttavia, le voci sintetiche oggi a disposizione (quelle per intenderci ascoltabili sul sito di Loquendo), sono tecnologicamente di tutt’altra impostazione rispetto a quelle che erano le più aggiornate quando lavoravo io. Oggi sono voci “prelevate” da parlanti umani, quindi alla radice c’è una gola, un polmone, una corda vocale e dei setti nasali umani. Questo è quello che mi piacerebbe fare, lavorare tecnologicamente, se vuoi “freddamente”, con uno strumento che però alla sua origine ha un corpo. Ci devo pensare un po’ su, e nel frattempo distribuisco il mio delirio per testarlo. Ti ringrazio molto. Ciao. Dario.

  16. Eh già, Biondillo. Finisce alla fine del 2001, era cominciato, boh, nel ’98 o nel ’99, non ricordo. Insomma, una gamba in un millennio, una in un altro!
    Adesso ne ho messa un’altra palata. Ciao
    D

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LIGURIA MON AMOUR

di Dario Voltolini (illustrazioni di Marco D'Aponte e adattamento di Andrea B. Nardi; da un romanzo di Marino Magliani) È...

Berenice e il tabù

di Dario Voltolini (Sempre perseguendo l'intento di far conoscere ai nostri lettori qualcosa della storia più significativa di Nazione Indiana,...

Lo “Shōbōgenzō” di Sergio Oriani disponibile online

, titolo sotto cui sono comunemente raccolti molti scritti di Dōgen (1200-1253). Su richiesta dell'amico Dario riposto qui quell'intervista,...

Su Pacific Palisades, dal libro alla scena

di Mario De Santis Avevo letto Pacific Palisades prima di vederne la mise en scene fatta con la regia e...

“Pacific Palisades”. Un testo al confine

di Stiliana Milkova Pacific Palisades, il nuovo libro di Dario Voltolini, è appena uscito da Einaudi. Pacific Palisades racconta una...

waybackmachine#03 Roberto Saviano “Su Gustaw Herling”

3 marzo 2008
ROBERTO SAVIANO ”Su Gustaw Herling”

In un unico amarissimo sorso, dovrebbe essere bevuto Un mondo a parte di Gustaw Herling che riappare presso Feltrinelli in edizione economica. Leggere tutto in una volta, subendo un pugno nelle viscere, uno schiaffo in pieno volto, sentendo la dignità squarciata, la paura di poter crollare prima o poi nello stesso girone infernale descritto nelle pagine.
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: