L’antologia di RicercaBO

di Leo Canella

Ritratto tanto poetico di un autore tanto contemporaneo (sull’antologia di RicercaBO)

0.

E’ in uscita l’Antologia di RicercaBO (2007-2023) da Manni Editore a cura di Renato Barilli e Leonardo Canella. Che io Barilli so chi è ma l’altro? Canella c’ha due sopracciglia pelose due bruchi bellissimi che vatteli a vedere su Google. Metti Canella.

1.

io c’ho due bruchi bellissimi al posto della sopracciglia che sono tanto contemporaneo e le coscette di pollo sul divano sotto il cuscino. Poetico.

Poetico c’ho due bruchi bellissimi al posto delle sopracciglia che la sera guardano Bruno Vespa che c’ha le sopracciglia pelose come le mie. Poetiche. Bruno Vespa è il più grande autore contemporaneo perché è peloso.

2.

che lo dice anche la mia grande amica la poetessa Lalla (ha appena pubblicato due libri). La mia grande amica la poetessa Lalla è su Facebook e foto e sorrisi che presentazioni con la mamma morta in prima fila e sei bravissima che ti leggo se tu mi leggi. Che se non mi leggi io non ti leggo però comincia prima tu. La mia grande amica la poetessa Lalla è tanto poetica perché legge Bruno Vespa. Che legge anche Canella Giovenale e Andrea Inglese però comincia prima tu. La mia grande amica la poetessa Lalla è sperimentale, dice. La mia grande amica la poetessa Lalla è su Facebook.

3.

e poi io so fare il bel discorso che sono tanto poetico e tanto contemporaneo, anche. E il cut up e Adorno la globalizzazione e i funghi secchi che in sconto alla Despar vicino casa dodici euro mezzo chilo. Un affare!! (che ti danno pure un libro, vedi sotto). Cuki gelopiù sacchetti freezer sette strati ultra resistenza spessore maggiorato massima tutela dei liquidi fondo con saldatura multipla rinforzata igienizzati all’interno procedimento ‘Stery System’. Che io faccio il bel discorso e c’ho i video su YouTube col bel discorso tanto Cuki sette strati. Io sono un autore tanto poetico e tanto contemporaneo perché c’ho due sopracciglia pelose.

4.

e c’ho la mamma morta nel freezer che quando presento le nughette la metto in prima fila. Anch’io. E foto applausi like. E mi becco pure la pensione. IO scrivo perché c’ho la mamma morta nel freezer. Se non c’hai la mamma morta nei freezer non sei tanto poetico e contemporaneo, secondo me. E neanche sperimentale che non fai il cut up. Se c’hai la mamma morta nel freezer fai il cut up che però devi usare Cuki gelopiù sacchetti freezer sette strati che sono trasparenti. E postmoderni, tanto.

5.

e c’è questa cosa dell’antologia di RicercaBO che la devi prendere coi bei nomi dentro (quarantuno). PRENDILA! (te la danno anche alla Despar vicino casa coi funghi secchi dodici euro mezzo chilo, cfr. supra). E dai con l’intervista che non me l’hai chiesto però va bene lo stesso. E i like su Facebook e Instagram e Porta a porta con la mia mamma morta in prima fila. Trasparente e postmoderna. Tanto. E applausi e TV che c’è pure Rosaria Lo Russo e Renata Morresi e Silvia Tripodi che però Bruno Vespa è più peloso. Anche Michele Zaffarano è peloso.

6.

se vieni a RicercaBO ci sono poi le pizzette. RicercaBO è un laboratorio di ricerca di nuove scritture perché c’ha le pizzette (l’idea l’hanno avuta Renato Barilli e Nanni Balestrini). Che però le pizzette a RicercaBO sono pelose perché sono tanto poetiche e contemporanee. Alessandro Broggi ha mangiato un sacco di pizzette pelose a RicercaBO. Anche Marilina Ciaco e Carlo Sperduti. E sono diventati tanto pelopoetici e contemporanei perché hanno mangiato le pizzette a RicercaBO. TANTE! Ti aspettiamo.

7.

che adesso ti ho detto chi sono io e come la penso, secondo me. E ti ho detto pure che c’è l’antologia di RicercaBO in uscita da Manni Editore coi bei nomi dentro (quarantuno) tanto poetici e contemporanei che sanno fare il cut up perché sono pelosi. E c’hanno pure la mamma morta nel freezer perché sono contemporanei. Tanto.

Fine.

*

Immagine: Renato Barilli, ritratto.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

articoli correlati

Autenticità e poesia contemporanea # 3

di Marilena Renda
...Personalmente trovo molta più verità poetica nei saggi e nei romanzi che nella poesia, e più ancora nella forma del saggio narrativo; ci trovo spesso una verità al grado zero, non inquinata dagli sfarfallii e dalle sovrastrutture estetiche che spesso usiamo per raccontare la verità con il risultato a volte di evitarla, di nasconderla.

Il contenitore è il suo contenuto: su “Stellare nero” di Alessandra Greco

di Antonio Devicienti
...tale caleidociclo si [chiama] "Stellare nero" (Benway Series, Colorno, Tielleci 2023), autrice Alessandra Greco, solido geometrico complesso, ma di pochi grammi di peso, capace di caricarsi, nello sguardo e nella mente di chi guarda e legge, d'una densità concettuale ed estetica particolarmente suggestiva...

Il voto francese che interessa tutta l’Europa

di Andrea Inglese
A sentire qualche amico italiano, la situazione francese è davvero preoccupante, perché l’estrema destra francese non è come quella italiana, in fondo moderata e “bonacciona”, come il nostro popolo che sembrerebbe intrinsecamente inefficace anche nel fare il male.

Su “Scritture verticali. Pizzuto, D’Arrigo, Consolo, Bufalino”

di Mariano Baino
Riguarda la prosa di quattro grandi “irregolari” della letteratura italiana contemporanea questo studio di Gualberto Alvino: quattro autori «d’eccezionale competenza linguistica e consapevolezza estetica», i quali «lavorano al trivio fra prosa, poesia e speculazione lato sensu filosofica...

La caduta

di Walter Nardon
E così arrivò anche la caduta. Del tutto inattesa, simile a una perdita d’attenzione che non si può recuperare e che poi, vista da vicino, si mostra spaventosa. Una messa in minoranza nel consiglio di amministrazione del Comitato Promotore di Sviluppo lo aveva indotto a presentare le dimissioni.

Da “Note di servizio per Franco Fortini”

di Luca Lenzini Il nucleo di convinzioni allora acquisite e la nuova prospettiva che si forma a partire da un punto di vista di parte, costituisce la base mai più revocata dell’esistenza e dell’attività intellettuale di Fortini, la bussola cogente e definitiva dell’uomo e dello scrittore.
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Il rumore è il messaggio, Diaforia, 2023. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Stralunati, Italo Svevo, 2022. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: