Articolo precedenteLe scimmie… (30)
Articolo successivoLe scimmie… (31)

I sensi della poesia

In collaborazione con il Graffio (nuovo circolo culturale di via Podesti, Ancona), l’Associazione Culturale “NIE WIEM” Onlus organizza “I sensi della poesia”, cinque domeniche alla riscoperta dei sensi e delle parole perdute.

Al posto degli occhi avete delle melanzane grigliate dalle ustionanti immagini televisive? Nelle orecchie solo la reclame dei salami Rovagnati? Non abbiate paura di confessarlo: non sentite più gli odori perché lo smog ha inebriato una volta per tutte le vostre narici, per non parlare del tatto poi! Avete dimenticato persino che esista, a forza di battere meccanicamente sull’oleosa tastiera dei vostri pc…
Cibi precotti e congelati vi hanno fatto perdere l’ultimo residuo di gusto che vi rimaneva, ne siamo sicuri, e cercate le parole per esprimere tutte queste ineffabili sensazioni, ma non riuscite più a scrivere niente al di fuori di sms da 160 caratteri…

Non preoccupatevi: gli incontri de “I sensi della poesia” sono aperti a tutti, neofiti e praticanti della bistrattata arte del verso, e si terranno, a partire dal 14 novembre, presso il Graffio, alle ore 21.00, secondo questo calendario:

Domenica 14 novembre
OLFATTO: “La musa iNspiratrice”
a cura di Luigi Socci (poeta-performer)
Che cosa ci ispirano o, meglio, “inspirano” gli odori che sentiamo?

Domenica 21 novembre
GUSTO: “Saporatorio poetico”
a cura di Natalia Paci (avvocato, poetessa)
De gustibus disputandum est…

Domenica 28 novembre
TATTO: “Tocca che ti tocca”
a cura di Valerio Cuccaroni (ricercatore, scrittore)
Quando toccare diventa toccante

Domenica 5 dicembre
VISTA: “La danza del Mentre”
a cura di Barbara Coacci e Francesca Coluccini (psicologhe, scrittrici)
La copia dal vero: dipingere a suon di versi una modella che balla una silenziosa danza del ventre

Domenica 12 dicembre
UDITO: “Alter eCo”
a cura di Francesco Accattoli (insegnante, aedo)
Performance dei Noa Noa con scrittura creativa ispirata alla loro musica

Ogni incontro si svolgerà in tre momenti:

1) Introduzione: una lettura di poesie, tratte da classici e poeti contemporanei ed inerenti al senso protagonista dell’incontro, aprirà la serata.
2) Laboratorio di poesia sperimentale: ad ogni incontro verranno proposti degli stimoli relativi a ciascuno dei cinque sensi esplorati, i quali a loro volta ispireranno i partecipanti nella composizione di versi propri
3) Lettura dei testi prodotti: i partecipanti verranno invitati a leggere le loro composizioni.

Per informazioni e adesioni, si potrà contattare l’associazione via email. Si può partecipare anche ad una singola serata, senza impegno per le successive.
Si prega comunque di preavvisare della propria eventuale presenza per motivi logistici ed organizzativi.

Associazione Culturale “Nie Wiem” Onlus
Sito: www.niewiem.org
Email: info@niewiem.org

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Nella città più fredda, di Elisa Davoglio

Ho in mano un libro sul collasso del clima, sul crollo di un mondo personale, sullo straniamento emergenziale, sull'alienazione da conformismo, sulla scrittura? Prose in prosa dell'apocalisse? Cosa è accaduto alla città morbida, al suo tepore?

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.

L’Anno del Fuoco Segreto: L’Ombelico dell’Arno

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Andrea Zandomeneghi Conoscevo crackomani che si preoccupavano (seriamente) per la mia...

Da “solchi”

di Jacopo Mecca
Alcuni testi tratti dalla plaquette d'esordio "solchi" (Fallone editore, 2021).

Fotoromanzo urbano

di Gianni Biondillo
Il racconto di un piccolo desiderio, forse un po' puerile, nato dopo aver visto e ammirato le bellissime fotografie di Sofia Mangini.

Quella violenza non la dimenticheremo mai – Peter Genito

di Peter Genito
Timore, paura, terrore. Ma siamo sicuri che la nostra paura sia del virus? Siamo sicuri che sia stato così sin dall'inizio? E non di chi, in quel momento e ora, comandava e comanda il gioco?
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: