quattro terzi pigreco erre al cubo

grey-sphere-bkrd.jpgdi Manuela Ardingo

m’avvolgo intorno una grandezza a metro
spira su spira abbòzzolo lo spazio
s’umilia il tempo scivolando dietro
s’irradia il raggio srotolando sazio

col filo attenta spigoli inviluppo
onirica imbastisco lievidanze
respiro ansiosa vibrando d’oltranze
nutrendo più che posso lo sviluppo

esplosi gli infiniti piani inquieta
mi sveglio sfera isotropa e completa

come lampo enne secondi dal tuono
tu disti raggio erre da chi sono

io disto raggio erre da chi sei
e tengo care le isolate stanze
se fossi punto non avrei distanze
se fossi punto non ne (s)offrirei

è quattro terzi pigreco erre al cubo
di quanto siamo grandi la misura
di quanto siamo soli e con che cura

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

In uscita

Condivido in pieno il messaggio di Antonio. Anch’io ho deciso di uscire da Nazione Indiana. Non descriverò qui le...

Busi: 4 sì ai referendum

di Flavio Marcolini A sostegno della campagna referendaria per i sì alla consultazione del 12 e 13 giugno...

Tutto su sua nonna e molto altro

Giuseppe Caliceti intervista Silvia Ballestra Con Tutto su mia nonna, da pochi giorni nelle librerie per Einaudi Stile Libero,...

I leoni

di Beppe Sebaste All’incontro torinese sulla Restaurazione dello scorso 9 maggio, Beppe Sebaste aveva inviato questo brano tratto da un...

Il male dell’America

Intervista a Emmanuel Todd L’ultimo numero di Una Città si apre con questa intervista allo storico e antropologo francese Emmanuel...

“Guadagno più di te e quindi ne so più di te”

di Aldo Nove Leonardo ha più di 30 anni e dirige una piccola e agguerrita casa editrice. Per vivere, dopo...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: