Articolo precedentepost-it
Articolo successivoTema dell’addio

La via lattea 2

di Franco Arminio

lattea.jpg

Se la vivi
è mezza eternità la vita.

*

Non ha mai detto niente
dei miei versi.
E anche per questo
ho preso a scrivere
stasera.

*

Siamo i musei delle falle.
Si nota perfino
a vederci di spalle.

*

La moglie dell’infermiere
ama Bonolis
mi ha detto stasera il secondo figlio.
Poco prima avevo pensato
che fino a quando ci sarà il festival di Sanremo
non potrò credere all’esistenza di dio.

*

Intanto mio padre non ha più bocca a quest’ora
e non ha più dormito
dal giorno della sua morte.

*

Animosamente cerco di non cedere.
Non se se in frane larghe
la mia storia s’imperla e impreca
potrebbe darsi che ogni giorno io ripeto
il calco di una crepa.

*

Una volta, per esempio,
lei poteva scendere dall’altalena
e venire baciarmi.
Invece continuò a dondolare
fino a farmi morire.

*

Molti amori inessenziali
potevo vivere se avessi vissuto.
Se alle verità eccessive
della paura
non avessi creduto.

*

Nessuno ha giardini
intorno al cuore.
Non a caso
i fiori crescono in bocca.

*

Intorno a me c’è sempre qualcuno
che gioca a nascondino.
La prova perfetta
che sono rimasto bambino.

*

L’universo era un capogiro
quando lei parlava
a me che fuggendo la inseguivo.

*
Ognuno piange il suo decesso.
Ognuno è l’idolo
di se stesso.

*
per a.b.

Poche parole in verità
servono a qualcosa.
Pochi silenzi.

*

Molte volte la storia
ha messo le mani nel ventre agli inermi.
Per la gloria dei vermi.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. hit parade tutta personale. il più bel verso: siamo i musei delle falle (un’eco di Michaux). La più bella poesia: Intanto mio padre non ha più la bocca a quest’ora…
    La moglie dell’infermiere, la includero’ nell’antologia delle poesia atea.

  2. la quinta poesia la assimilo a “la morte non mi avrà vivo…” di caproni! esistenza e paradosso

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il romanzo enciclopedico

di Marco Drago
Il 26 maggio sarà in libreria "Ferrovie del Messico" di Gian Marco Griffi. Il romanzo, ambientato nel febbraio del 1944, racconta l’avventura di Cesco Magetti, un milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria che riceve l’ordine di compilare una mappa delle ferrovie del Messico. Riproduciamo qui la postfazione di Marco Drago.

Post in translation: Rim Battal

di Rim Battal
tradotte dal francese da Angelo Vannini
e tratte dalla raccolta L’eau du bain, Éditions Supernova, 2019.
Puzza di bruciato
Sono giorni che puzza di bruciato ma non c’è alcun fuoco. Puzza di bruciato e non nella mia testa e non un’immagine.

Questo stratificarsi di gesti e tempi. Cinque fotogrammi di madri e figlie

di Chiara De Caprio
La foto, allora, dovrebbe consentirmi di capire che cosa trattiene la mia attenzione e fa scorrere un’emozione impercettibile e lontana, a cui non so, in prima istanza, assegnare un nome

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Overbooking: Qui non possiamo più restare

di Romano A. Fiocchi
È anche una storia di sentimenti, di relazioni che si instaurano e si dissolvono. Tant’è che il lettore finisce per innamorarsi di Marcenda, con quel suo gesto di toccarsi il petto per calmare la tachicardia del suo piccolo cuore.

Le competenze umane

di Giorgio Mascitelli
Durante i mesi invernali la Camera dei deputati ha approvato all’unanimità una proposta di legge per l’introduzione sperimentale nella scuola secondaria italiana delle cosiddette competenze non cognitive, quali ‘l’amicalità, la coscienziosità, la stabilità emotiva e l’apertura mentale’
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: