Articolo precedenteIL POETA E LA FOGNA
Articolo successivoLa compassione del vero scrittore

La via lattea 3

di Franco Arminio

via lattea.jpg

Ora la letteratura è morta

perché la prudenza

le ha limato le unghie.

Eccola, è come vedere un insetto

che salta mille volte dentro un fiore

senza mai uscirne fuori.

*

Sprecano le gioie

figuriamoci i dolori.

Mangiucchiano passatempi

con un’esistenza immorale

che nessuno vieta.

Il loro organo genitale

è la moneta.

*

Non so come mia madre

potrà fare a rassegnarsi

alla serenità dei morti.

Il timore di essere salma

sarà dunque il timore

di essere calma.

*

Ai fenici le navi

agli indiani le frecce

a noi i televisori.

*

È un animale fatto

d’aria la mia morte

e io non sono capace

di salvarmi dai suoi morsi.

*

Sentiamoci qualche volta

senza fare i cattivi,

i pavidi,

Usiamolo

l’amore degli atei.

*

Io quando vado a un funerale

se qualcuno piange veramente

piango anch’io.

Gli uomini politici ai funerali

li vedo sempre ad occhi

asciutti. In queste e in altre circostanze

sono assai simili ai farabutti.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. nuovamente sulla via lattea… morte leggera coma una spolverata di zucchero a velo sul pandispagna delle contingenze. ma non è un dolce che si può mangiare senza sensi di colpa. in questo caso la poesia entra ed esce morde e fugge. non mangia per saziarsi, ma per mera esigenza fisiologica…

  2. volevo aggiungere solo che oggi pomeriggio alle 17.30 al palazzo ducale di Bisaccia, in provincia di Avellino, sull’autostrada Napoli-Bari uscita Lacedonia, Arminio presenterà la lettura della poetessa russa Alexandra Petrova.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il romanzo enciclopedico

di Marco Drago
Il 26 maggio sarà in libreria "Ferrovie del Messico" di Gian Marco Griffi. Il romanzo, ambientato nel febbraio del 1944, racconta l’avventura di Cesco Magetti, un milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria che riceve l’ordine di compilare una mappa delle ferrovie del Messico. Riproduciamo qui la postfazione di Marco Drago.

Post in translation: Rim Battal

di Rim Battal
tradotte dal francese da Angelo Vannini
e tratte dalla raccolta L’eau du bain, Éditions Supernova, 2019.
Puzza di bruciato
Sono giorni che puzza di bruciato ma non c’è alcun fuoco. Puzza di bruciato e non nella mia testa e non un’immagine.

Questo stratificarsi di gesti e tempi. Cinque fotogrammi di madri e figlie

di Chiara De Caprio
La foto, allora, dovrebbe consentirmi di capire che cosa trattiene la mia attenzione e fa scorrere un’emozione impercettibile e lontana, a cui non so, in prima istanza, assegnare un nome

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Overbooking: Qui non possiamo più restare

di Romano A. Fiocchi
È anche una storia di sentimenti, di relazioni che si instaurano e si dissolvono. Tant’è che il lettore finisce per innamorarsi di Marcenda, con quel suo gesto di toccarsi il petto per calmare la tachicardia del suo piccolo cuore.

Le competenze umane

di Giorgio Mascitelli
Durante i mesi invernali la Camera dei deputati ha approvato all’unanimità una proposta di legge per l’introduzione sperimentale nella scuola secondaria italiana delle cosiddette competenze non cognitive, quali ‘l’amicalità, la coscienziosità, la stabilità emotiva e l’apertura mentale’
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: