Articolo precedenteLaureata, 40 anni, 250 euro al mese
Articolo successivoAteismo per tutti

La via lattea 5

di Franco Arminio

lattea.gif Se c’è un solo motivo per odiarti

ti odieranno.

Se c’è un solo motivo per amarti

altri te ne chiederanno.

*

Dicono che vogliono servirci.

Sono fantasmi più che camerieri.

Portano il fumo nei bicchieri.

*

Il poeta è un cuoco morto.

Per cucinare

gli serve la carne

del suo corpo.

*

Le parole sono capre

sui sentieri

e loro stanno in un recinto

curando i loro averi.

*

Certe volte vorrei squarciarmi

la gola

la faccia,

scendere con una mano

a prendere il cuore

e chiedergli che vuole.

*

Non ti serve una donna

e questo è il guaio.

A te serve

l’ago nel pagliaio.

*

L’universo non è una pattumiera.

Ognuno dei potenti andrebbe chiuso

in una busta nera.

(Fine)

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. queste piccole occasioni sono intense vigilie. mettono voglia d’altro, d’oltre… capisco sempre di più che la terra di arminio è la stessa sostanza delle sue poesie: orizzonte, pale eoliche, visione di se stesso in frantumi di cose inconsuete e solite. a presto

  2. Io invece queste poesie le trovo piuttosto deboli. La prima mi ha fatto venire subito in mente la canzone di Antoine, e prima di Bob Dylan, “Se sei bello, ti tirano le pietre… se sei brutto, ti tirano le pietre”…
    Di cattivo gusto poi la cosa del cuoco morto.
    Non si ha molta voglia, né bisogno, di “piccole occasioni”, almeno dalle mie parti.
    Ciao, senza offesa

    Anna

  3. Adesso abbiamo bisogno anche del “buon gusto”, in poesia… Scusi tanto se non si usano le posate, qui. Il pollo qui lo mangiamo con le mani, madame, sa?
    Il buon gusto sarebbe quello di lasciar perdere Antoine. Vada a mangiarsi una pizza con Paolo Limiti.

  4. No no, per buon gusto non intendo mangiare con le posate invece che con le mani, intendo mangiare roba buona e sostanziosa e non pilloline.

  5. Anch’io li trovo squarci, anche se variamente intensi.

    E la similitudine poeta-cuoco morto, dal punto di vista stilistico in quattro versi condensa Vivian Lamarque e Giorgio Caproni. Dal punto di vista concettuale è verissima e molto forte.

    Grazie.

  6. forse perchè io sono disperata e vivo della disperazione altrui ma in queste righe trovo tanta disperazione e desiderio di vivere ma ci si è fermati…….

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il romanzo enciclopedico

di Marco Drago
Il 26 maggio sarà in libreria "Ferrovie del Messico" di Gian Marco Griffi. Il romanzo, ambientato nel febbraio del 1944, racconta l’avventura di Cesco Magetti, un milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria che riceve l’ordine di compilare una mappa delle ferrovie del Messico. Riproduciamo qui la postfazione di Marco Drago.

Post in translation: Rim Battal

di Rim Battal
tradotte dal francese da Angelo Vannini
e tratte dalla raccolta L’eau du bain, Éditions Supernova, 2019.
Puzza di bruciato
Sono giorni che puzza di bruciato ma non c’è alcun fuoco. Puzza di bruciato e non nella mia testa e non un’immagine.

Questo stratificarsi di gesti e tempi. Cinque fotogrammi di madri e figlie

di Chiara De Caprio
La foto, allora, dovrebbe consentirmi di capire che cosa trattiene la mia attenzione e fa scorrere un’emozione impercettibile e lontana, a cui non so, in prima istanza, assegnare un nome

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Overbooking: Qui non possiamo più restare

di Romano A. Fiocchi
È anche una storia di sentimenti, di relazioni che si instaurano e si dissolvono. Tant’è che il lettore finisce per innamorarsi di Marcenda, con quel suo gesto di toccarsi il petto per calmare la tachicardia del suo piccolo cuore.

Le competenze umane

di Giorgio Mascitelli
Durante i mesi invernali la Camera dei deputati ha approvato all’unanimità una proposta di legge per l’introduzione sperimentale nella scuola secondaria italiana delle cosiddette competenze non cognitive, quali ‘l’amicalità, la coscienziosità, la stabilità emotiva e l’apertura mentale’
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: