Articolo precedenteSangue marcio
Articolo successivoTerézia Mora a Torino

Coralli

di Giuseppe Impastato

onde.jpg

I miei occhi giacciono
in fondo al mare
nel cuore delle alghe
e dei coralli

(1977)

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Eccomi di ritorno dallo Yorkshire, dove ho coronato l’antico sogno di visitare il Brontë Parsonage Museum (la canonica in cui vissero le sorelle Brontë, fiancheggiata da un plumbeo cimitero) ad Haworth, sotto la brughiera omonima. Ho osservato il divano su cui, appena trentenne, tirò gli ultimi Emily Brontë (“Cime Tempestose”), cui erano già morte la madre (di cancro), le sorelline Maria ed Elisabeth (11 e 10 anni) e il fratello oppiomane Branwell (31 anni). Emily aveva preso freddo, appunto, al funerale di Branwell. Ho visto la stanza riservata alle amatissime oche Adelaide e Vittoria e quella in cui dormiva Charlotte, la più longeva (morì a ben 39 anni). La terza sorella scrittrice, Anne Brontë, malata anch’essa, era stato invano, nel frattempo, portata al mare a Scarborough (ricordate la canzone di Simon & Gaefunkel?) dove era morta a 29 anni. La sua tomba è fuori la chiesa di St. Mary, sotto il castello di Scarborough. Ho visitato anche quella.
    Peppino Impastato non c’entra nulla con Jane Eyre e con le sorelle Brontë, ma morì giovane anche lui. I suoi ingenui versi non sono entrati nella storia della letteratura (per inciso: il primo libro di poesie delle sorelle Brontë, pubblicato a pagamento, vendette solo due copie!), ma il suo ricordo di Peppinello Senzapaura, che immolò la propria giovinezza per combattere contro un terribile drago,
    mi commuove nello stesso modo.

  2. Che bello, ora finalmente potremo commentare le cose che ci sono su Nazione Indiana senza sentirci in dovere di cogliere l’occasione per schizzare fango su Moresco, Benedetti, Scarpa, Montanari eccetera. Che liberazione! Intravedo una nuova fase di obiettività in noi commentatori. Prima sembrava che tutto fosse un puro pretesto per parlar male di Moresco Benedetti Scarpa Montanari ecc., e ne facevano le spese i pezzi postati in home page degli incolpevoli autori che con i nomi suddetti non hanno nulla a che fare.

  3. Bisognerebbe avere la decenza di non scriverle certe cose gentile Veronica… non a caso queste recriminazioni escono fuori sempre dopo…

  4. “Un mare di gente
    a flutti disordinati
    s’è riversato nelle piazze,
    nelle strade e nei sobborghi.
    E’ tutto un gran vociare
    che gela il sangue,
    come uno scricchiolo di ossa rotte.
    Non si può volere e pensare
    nel frastuono assordante;
    nell’odore di calca
    c’è aria di festa”

  5. Tuo padre giace a più di nove metri di profondità.
    Le sue ossa sono diventate corallo;
    I suoi occhi ora sono perle.
    Non c’è in lui parte alcuna
    che non si trasformi per opera del mare
    In qualcosa di ricco e di meraviglioso
    Le ninfe del mare di continuo suonano per lui:
    Ding-dong.

    William Shakespeare, 1611

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Perché è importante leggere David Graeber

di Lorenzo Velotti
Il suo pensiero può essere d’aiuto a chi non si rassegna alla naturalizzazione del capitalismo, del patriarcato e delle burocrazie statali coercitive

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.

Crimes of the future, di David Cronenberg

di Mauro Baldrati
Già, perché in quel futuro remoto, l'arte consiste nell'aprire i corpi, infliggere ferite, tagliuzzare le facce, nell'assenza del dolore, che nessuno prova più, e nella scomparsa del sesso tradizionale, sostituito dalla chirurgia senza anestesia.

Morire, un anno dopo

Mi sono chiesta a lungo cosa sarebbe successo: come avrei reagito alla notizia – piangendo? con sollievo? –, come sarebbe stato il dopo – un senso di solitudine perpetua o, a un certo punto, un’abitudine? – e, sopra ogni altra cosa, che significato avrebbe avuto, per me, per noi, per tutti, la morte.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: