L’estinzione

un microracconto di Gianluca Morozzi

“Scusa?” disse lei mordendosi il labbro. “Sì?” disse lui fumando una sigaretta. “Sei sicuro che…?” mormorò lei “…che sei uscito in tempo, vero?” “Uh?” bofonchiò lui mascherando il dubbio “Certo, bimba, certo. Ora però devo scappare”.
E ancora una volta l’umanità scongiurò il rischio estinzione.

3 Commenti

  1. Immaginario riproduttivo superato.
    Auspicabile farsi assistere durante la fecondazione.
    Possibilmente da provette, piu’ affidabili dei portatori sani di pene.

    sorrido.

  2. comunicazione di sevizio:
    non volevo denigrare il genere maschile umano appartenente a NI che si riproduce ancora classicamente e che scrive sui bagni della stazione:W la Fuga!
    Solo uno sguardo al futuro prossimo.
    grazie di esistere con le vostre prostate di frutta candita:-)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’ironia socratica

di Emanuela Monti La scala di pietra si arrampicava ripida nell’oscurità, tra le pareti del palazzo. Salii al secondo piano...

Appunti di scena

(un mese fa Piero Sorrentino mi aveva spedito questi appunti. Per problemi miei non ho trovato il modo di...

Essere Paolo Sorrentino

di Piero Sorrentino È da tempo che accarezzo l’idea di curare un libro di interviste, intitolato “Onomastici”, o qualcosa del...

Love Out

di Pierfrancesco Pacoda C’è una doppia, possibile interpretazione del titolo della raccolta che Mauro Baldrati ha curato per Transeuropa, Love...

Il bisogno di verità

di Piero Sorrentino Giuliana è medico. Venerdì scorso – l’ultimo venerdì di luglio – si è specializzata, ha sostenuto l’ultimo...

“Un perfetto Cavaliere combatte perfino dall’aldilà”

Gli uomini che si fanno carini/ per venire a ammazzarti ...