Articolo precedenteSi può recensire un tramonto?
Articolo successivoIl primo amore

Quotidiana camorra

Festival Racconto – Teatro Palladium (Roma)

Venerdì 27 gennaio ore 21:00 Ingresso Libero

Roberto Saviano – QUOTIDIANA CAMORRA

Esistono giornali che raccontano solo dei clan di camorra, segnalano arresti, motivano faide, avvertono delle scarcerazioni e sono i portavoce dei boss in carcere e dei boss latitanti. Attraverso le prime pagine di questi giornali, si raccontera’ il fenomeno camorra, il potere dei clan napoletani e casertani, la forza economica, la ferocia militare di un gruppo criminale che ha superato per fatturano e numero di affiliati Cosa Nostra. La tragedia di un territorio quello campano che conta il numero più elevato di morti ammazzati del mondo occidentale. Saranno letti da Angela De Matteo, Giovanni Meola e Enrico Ottaviano alcuni brani di Nanni Balestrini, Goffredo Fofi, Antonio Franchini, Joe Marrazzo e Roberto Saviano

_____________________

Immagine, “Morto di camorra a Giugliano” Photo Magnum

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. Iniziativa importante. Ma a quando anche le immagini? una foto come questa può valere quanto le parole ben scritte.
    The horror! diceva Kurz.

  2. Grazie Gianni. Io non sono un attore e non so stare sul palco…ma certe cose vanno fatte e punto!!!

  3. Circa le foto, Carlo, sto cercando di organizzare una mostra…con tutti i reporter che hanno fotografato faide e clan…ma credo passerà ancora un anno…

  4. Sono un ragazzo calabrese che studia a Roma Tre. Stasera non mancherò, spero di riuscire a trascinare una mia amica Avellinese…perchè molti campani non è che sono così sensibilizzati.

  5. Quando sei sceso giù dal palco volevo chiederti tante cose, ma poi ci hanno praticamente cacciato fuori perchè dovevano chiudere il teatro.
    Una domanda devo comunque fartela.
    Da quando hai iniziato a studiare ciò di cui ti occupi e a cercare di rendere pubblico un qualcosa di cui tutti sanno ben poco, hai mai avuto qualche soddisfazione? Ovvero: credo che il primo motivo per cui si fa una scelta come la tua è senz’altro quello di arrivare a più gente possibile e soprattutto di immettere negli altri la stessa voglia di capire e di cambiare. Ebbene, c’è stato qualche effetto? Ti è capitato un qualche episodio che ti ha fatto dire “sì, sono sulla buona strada”?

  6. Andrea P., grazie d’essere venuto. Peccato che non ci siam visti, appena c’hanno dato l’ordine di sgombrare dopo pochi minuti sono uscito dal teatro…

    Le soddisfazioni sono molte, ma privatissime e hanno sopratutto il profilo del viso. Insomma le persone incontrare, i coraggi innestati e annodati, la condivisione tra persone incontrate

    Per il resto so di star battendo un sentiero che non può esser buono, ma ovviamente è lercio, trasversale, ambiguo, buio, che procede non andando verso nulla. Mi accorgo di star seguendo la traccia giusta proprio perchè aumenta solitudine e aumentano i guai.

    Non pretendo assolutamente di poter mutare nulla, testimonio, scrivo e descrivo. Questo è stato.

    Tutto qui. E’ poco. Ma per raggingerlo bisogna essere disposti a giocarsi tutto.

    Grazie Andrea.

  7. Da comune cittadino ringrazio Roberto Saviano per il coraggio di testimoniare, a dispetto di solitudine e guai.

  8. In altre parole quando inizi a farti male…sai che stai facendo bene.
    Sei troppo bello, Roberto!

    Il grazie lo dobbiamo a te.
    In bocca al lupo. Continua così.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Da “solchi”

di Jacopo Mecca
Alcuni testi tratti dalla plaquette d'esordio "solchi" (Fallone editore, 2021).

Fotoromanzo urbano

di Gianni Biondillo
Il racconto di un piccolo desiderio, forse un po' puerile, nato dopo aver visto e ammirato le bellissime fotografie di Sofia Mangini.

Quella violenza non la dimenticheremo mai – Peter Genito

di Peter Genito
Timore, paura, terrore. Ma siamo sicuri che la nostra paura sia del virus? Siamo sicuri che sia stato così sin dall'inizio? E non di chi, in quel momento e ora, comandava e comanda il gioco?

SÀDEQ HEDÀYAT: una civetta cieca

di Luca Vidotto
Hedàyat ci narra questa storia dando voce a un io perverso che si rivolge alla sua ombra e che prende le sembianze di una civetta cieca – nella cultura persiana simbolo di sventura, di mala sorte, di un che di maligno.

La Genova di quattro scrittori liguri

di Marino Magliani, Laura Guglielmi, Guido Festinese e Emilia Marasco
Perché in fondo Genova è un isola, sotto il doppio assedio del sale e della pietra, assedio perso in entrambi casi, e chi scrive da Genova è un isolano.

La vita sfilacciata

di Francesco Segoni
Io, se dovessi compilare la lista dei miei Works, la dividerei in quattro tappe: il manager, l’omino del gas e della luce, lo pseudo-giornalista e l’operatore umanitario. Nessuna di queste definizioni mi sta bene a dire il vero, ma sono quelle che si capiscono più facilmente.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: