Articolo precedenteLe narrazioni della paura. Un anticorpo.
Articolo successivoRacconto bianco

Le basiliche paleocristiane di Cimitile

basiliche paleocristiane di Cimitile
testo di Tiziana Verde, fotografie di Luigi Verde

Due anni fa, in occasione del convegno internazionale “Cimitile, patrimonio dell’Umanità” patrocinato dal consolato d’Italia a Dortmund e dall’Università di Bochum (programma pdf 1.3 MB), si tenne una mostra in cui vennero esposte le fotografie di Luigi Verde qui pubblicate.

basiliche paleocristiane di Cimitile

Esse testimoniavano di un complesso paleocristiano davvero unico in Italia, giacché vi si intrecciavano arte ellenistica, romana, bizantina. Il costruttore, Paolino, era un console romano d’Aquitania giunto a Nola (Na) nel 395 d.C., col sogno di edificare una “città del sole”. Nella vicina Cimitile, già sorgeva un’antica necropoli pagana, fu adattata al culto cristiano, vi era sepolto Felice, santo siriano sfuggito miracolosamente al martirio e morto intorno al 300, la cui tomba richiamava ogni anno folle di pellegrini.
Paolino edificò la città e raccontò progetti e lavori attraverso i carmi, componimenti poetici che scriveva ogni anno in occasione della festa di San Felice.

basiliche paleocristiane di Cimitile

Certi gesti sopravvivono ai millenni, tracciano un non cancellabile solco, anche una corrispondenza tra quanti quello stesso sogno coltivavano, pensosi delle stesse domande… ultimi della catena abbiamo ereditato parole e pietre.
Tuttavia, per anni le basiliche sono state abbandonate. Quando infine la Sovrintendenza si è decisa a dare il via ai lavori di restauro, l’appalto l’hanno vinto degli incompetenti e dopo il sito è rimasto a lungo chiuso, per rimediare almeno agli scempi più vistosi.

basiliche paleocristiane di Cimitile

Alla riapertura aveva assunto un’apparenza più composta: l’ingresso è stato rifatto, il percorso pavimentato e arricchito di fioriere, panchine…eppure veniva un po’ di nostalgia a ripensare alla sua precedente nudità, quando le pietre non rinviavano a nessun ‘confort’, e parlavano piuttosto di un rapporto tra la terra, il cielo e lo spirito di uomini che avevano potuto, con libertà e fatica, contemplare entrambi.

basiliche paleocristiane di Cimitile

Comunque a Cimitile, Felice Verde (mio padre) che da sempre e con molta ostinazione, si occupava delle basiliche, sognò insieme ad altri appassionati, di farle rientrare nell’elenco dei siti che l’Unesco classifica come ‘Patrimonio dell’Umanità’ e di poterle in questo modo proteggere da ulteriori restauri o speculazioni edilizie (ci sarebbe ancora da scavare intorno e se si costruisce…)

basiliche paleocristiane di Cimitile

La mostra si collocò in questo ambito, grazie ad Antonio Trinchese, cimitilese allora console a Dortmund che fece da tramite tra gli studiosi tedeschi e quelli italiani.
Mio padre è scomparso un anno fa, il tentativo è continuato per ora senza risultati concreti, giacché i requisiti richiesti perché le Basiliche rientrino nell’elenco dell’Unesco sono lontani dall’essere soddisfatti e, né i comuni interessati, né la regione sembrano avere a cuore il problema.
Ne traggo una riflessione non priva di ironia: alla fine ci resisteranno due tipi di luoghi: quelli che, curando abbiamo conservato e quelli di cui ci è sfuggita la presenza, sopravvissuti in grazia di questo oblio…


Altri lavori di Tiziana Verde e Luigi Verde su Nazione Indiana: Il carro, Il cesto di pomodori.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Un bel post, un argomento ahimè molto comune in Italia. Cambia l’oggetto, il tempo, il luogo, ma sono innumerevoli i casi in cui – guardando ai nuovi restauri- torna nostalgia per quella che tu definisci “nudità”.

    E’ anche vero però che quello che noi avvertiamo come nostalgico e struggente non è pertinente al monumento che fu, appena esso fu costruito. La storia aggiunge sempre una connotazione di logoro e vissuto ben lontano dall’originale nuovo di zecca, che non abbiamo mai visto.

    Non sono un restauratore, ma ho letto e visto abbastanza per desiderare mai di esserlo. Le polemiche infinite danno il segno di una disciplina molto in formazione e di una rivalità così spietata da esser persino sospetta (troppi soldi in palio? Del resto manca sempre un finanziamento altrettanto corposo invece per la ricerca preventiva, per l’analisi e per lo studio).

    Ma ti dico una cosa: nella mia provincia negli ultimi anni sono stati assegnati ben sei siti Unesco. Abbiamo fatto il boom: siamo i primi in Europa. Pur tuttavia, quello che io ho visto, dalle nomination in poi, è stata una sequenza di soldi buttati per convegni, pranzi e cene, viaggi e ambasciate. Voglio vedere dove si arriva.

    Quindi non ti preoccupare per la consacrazione. E’ molto più difficile poi mantenere il titolo che ottenerlo. E io credo che a noi, qualcosa, se continua così, lo toglieranno. E di fatto, alla fine, non sarà cambiato nulla, se non un po’ di pubblicità in più e i fondi che fioccano sempre nelle stesse mani. Anche perché, da questo riconoscimento, si sono inorgogliti ancor di più gli stessi funzionari che hanno maldestramente amministrato quei luoghi fino ad ora.

  2. Non ho mai visto il complesso di Cimitile e sono contento che qui se ne parli, le foto in bn sono espressive e quasi romantiche ( aggettivo, certo, che non si addice al luogo). Anche rievocare Paolino è bello, di svolgerlo un poco dalla leggenda agiografica per farlo diventare un costruttore di begli ambienti. Spero che in un un futuro, non remoto, proseguano interventi di recupero decenti.
    grazie a voi

    MarioB.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...

In principio fu il male

    Pubblichiamo qui di seguito un estratto dell'ultimo libro di Davide Gatto, In principio fu il male, Manni, 2021. Il capitolo...

Niente di personale, di Fabrizio Venerandi

ho scoperto il corso di laurea in fisioterapia ho cliccato e aumentato in modo sicuro la mia potenza sessuale ho scoperto i vantaggi a me riservati ho approfittato subito di questa offerta
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.
Print Friendly, PDF & Email