Picnic sull’erba

di Nadia Agustoni

Il primo maggio dei vecchi socialisti
era un picnic sull’erba . Il giornale italiano
pubblicava la foto del gruppo, uomini e donne
di una bella età che guardavano
non più il sol dell’avvenire
ma il crepuscolo. Nessuno di noi giovani
commentava. Tutt’al più si correggeva socialisti
con anarchici, ma mentalmente. E sempre a mente
facevamo finta che fossero parenti americani
di città in cui la storia era finita ( secolo breve, secolo
corto) prima che da noi.

A malapena potrei dire un cognome
né se avessero amato troppo
o avessero appreso
a dire thank you, very well, good
come se ne fossero fieri.

Poi ci furono meno foto
e l’annuncio di quelle e quelli che erano mancati.
La penuria fu un principio di realtà.

Abbiamo pareggiato con i sogni.
Le cose ultime ( sia detto tra parentesi)
le scriviamo imitando il silenzio
andando a capo
aggiornando il computer, gli ideali…

non ne va più della vita…

Questa poesia è stata inserita nel volume che commemora i 10 anni della scomparsa di Aurelio Chessa fondatore dell’Archivio Famiglia Berneri di Reggio Emilia. Vedi anche: Camillo Berneri in Wikipedia.

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. E in una giornata in cui ci si interroga sul senso e la direzione del nostro agire, in cui ci si chiede quanto e come “ne va della vita” queste parole ridanno memoria e desideri.

  2. tornare ai vecchi pic nic sull’erba,
    un tuffo nei ricordi…
    Trovo molto belli questi versi:

    “Abbiamo pareggiato con i sogni.
    Le cose ultime ( sia detto tra parentesi)
    le scriviamo imitando il silenzio
    andando a capo

  3. [da là,dove (ancora) batte il cuore, buon Primo Maggio!.]

    Dimmi bel giovane

    Canto tratto dalla poesia “Esame di ammissione del volontario alla Comune di Parigi” di Francesco Bertelli”

    https://www.youtube.com/watch?v=ecXp1MK5-sg

    Dimmi bel giovane,
    onesto e biondo:
    dimmi la patria
    tua qual’è

    Adoro il popolo
    la mia patria è il mondo
    il pensier libero
    è la mia fe’

    La casa è di chi l’abita
    è un vile chi lo ignora,
    il tempo è dei filosofi
    il tempo è dei filosofi

    Addio mia bella
    casetta addio,
    madre amatissima e genitor

    Io pugno intrepido
    per la Comune
    come Leonida
    saprò morir

    La casa è di chi l’abita
    è un vile chi lo ignora,
    il tempo è dei filosofi
    la terra di chi la lavora.

  4. bei versi, davvero, evocadi una dimensione liberale (nel senso gobettiano) e solidale –
    non avvevo mai letto alcunché di Berneri, solo di recente ho letto un’antologia sua, “Anarchia e società aperta” – resta una figura la cui opera ha ancora tanto da darci come parecchi “eretici” dimenticati (da Rosselli a Silone, da Buonaiuti e Simone Weil a Camus, da don Saltini a Terracini…)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

I nati di contro

di Giorgiomaria Cornelio
«Lepri a buchi, ganimedi, bestie torte, femmine / con ruggine: questo eravamo»

Virgilio Sieni: Danza Cieca

    Per Cronopio è stato pubblicato Danza Cieca di Virgilio Sieni, raccolta di riflessioni «sull'esperienza fisica, estetica ed emozionale vissuta nella...

Essere italiani, essere pugili, essere umani (secondo round)

di Federica Guglielmini
Eccomi dentro una Nazione Indiana, che si trasforma in un ring, luogo di incontro per tutti noi. Accorciamo le distanze fra il pugilato e gli italiani, allontaniamo i pregiudizi attraverso una verità storica e contemporanea. Qui e ora.

Francesco Iannone: il mestiere della cenere

È uscita per peQuod la raccolta poetica Prima opera del gesto di Francesco Iannone. Ospito qui alcuni estratti dal libro,...

Medeatiche

di Beatrice Achille
io scurissima notte come ti trattengo nemmeno pronuncio nemmeno l’iniziale e già poni e già muovi nel buio il distolto fino a che non sciogli quel senso di totale criterio una totale abnegazione aperta

Moira Egan: i cuori bruciati delle stelle

    È stato recentemente pubblicato, per le edizioni Tlon, Amore e morte di Moira Egan. Ospito qui, per gentile concessione...
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: