Articolo precedente
Articolo successivo

SCooP!

manifestazione1.jpg
della serie
Idee per la sinistra

da
http://www.italianoleggio.it

DIMOSTRANTI A NOLEGGIO SU INTERNET
Un catalogo che offre pattuglie di dimostranti da noleggiare per le manifestazioni di piazza, pronti a marciare in corteo agitando cartelli e scandendo slogan di protesta. Accade in Germania,
dove il portale tedesco Erento, specializzato nel noleggio di qualsiasi cosa, da gennaio fornisce a chi ne ha bisogno falsi manifestanti da impiegare per dare maggiore sostegno e visibilità pubblica alle rivendicazioni sociali. In Germania, infatti, ai dipendenti pubblici lo sciopero è vietato per legge, e non è facile trovare gente disposta a scendere in piazza per difendere i propri diritti. Anche i partiti politici hanno sempre maggiori difficoltà a reclutare gente per i comizi, ed ecco quindi che l’idea di rivolgersi ad una claque da noleggiare per l’occasione diventa una soluzione sempre più praticata.

Ma chi sono questi dimostranti a noleggio? In prevalenza si tratta di studenti universitari: sul sito ne compaiono già 320 con foto allegata, breve profilo e richieste economiche che vanno da 120 a 145 euro per 6 ore di manifestazione.

La prima associazione che si è avvalsa di questa domocrazia a noleggio è stata quella dei medici tedeschi, i quali, per protestare contro la riforma sanitaria del governo di Grosse Koalition, ha messo in atto lo scorso dicembre una protesta dal sicuro effetto mediatico. A Berlino circa 200 falsi medici hanno manifestato in fila davanti al Reichstag, mentre sulla schiena dei loro camici bianchi le lettere stampate in rosso componevano la scritta Geiz macht Kranke (La tirchieria crea malati). Il giorno dopo tutti i giornali riportavano le foto.

Insomma, come il nostro portale va ripetendo da tempo, il noleggio non soltanto dà lavoro, ma crea addirittura nuovi mestieri, anche se precari e occasionali…

(Fonte: estratto da Dimostranti in affitto su Internet, Claudio Guidi, Il Secolo XIX 25/01/2007)

Nota di effeeffe
Per accedere alle schede dei candidati
http://www.erento.com/mieten/agenturen,_personal_dienstleistungen/personal/demonstrant/

Print Friendly, PDF & Email

15 Commenti

  1. ma perchè, quelli degli anni settanta non erano a noleggio? io credo di si. si fanno noleggiare anche oggi, facendosi pagare di più perchè adesso si portano dietro pure la prole con il passeggino.

  2. in germania non è permesso il diritto di sciopero ai dipendenti pubblici(che certamente lavorano non essendo scioperati come le nostre vecchie conoscenze).Bel paese davvero.Dal 1934 in poi colazioni da campione a oltranza(una garanzia)

  3. Mi hai fatto ricordare lo scandalo delle “appropriazioni indebite” nei supermercati quando entrò in vigore l’euro. La gente in massa entrava nei supermercati e prelevava i prodotti senza pagare, impunemente… perché era impossibile fermare tutti quanti. Successe in vari supermercati e in qualche libreria, nonché in qualche catena di elettrodomestici (dove sparirono le playstation!!!). Poi saltò fuori che era tutta una campagna pubblicitaria. Che quella gente era stata pagata per farlo e che esisteva una azienda che organizzava queste cose, con tanto di sito internet e listino prezzi. In questo modo le catene commerciali apparivano gratuitamente su tutti i telegiornali (la merce, ovviamente, veniva restituita sottobanco) e, visto il costo degli spot pubblicitari in TV, ci guadagnavano un bel po’! :-/

  4. Ben tornato, effeffe!

    La foto storica rammenta l’anno 68 in Francia, ahimé quegli anni sono lontani da noi… 70 La libertà delle donne, i miei genitori non sono d’accordo a proposito di questa libertà: ” Le torchon brûle, Le MLF”
    Mio padre era furioso, normale.
    Adesso tutto sembra tranquillo, in apparenza…

    PS Sono andata alla libreria Babel oggi, ho pensato a te e a Andrea.
    L’ultima volta au salon du libre, lo spectacolo era magnifico.

    Ciao !

  5. Cosi&come,

    Sei BRAVISSIMA!

    Sono autorizzata a manifestare per il diretto di sognare, di fare cose stravaganti, di amare Italia fino all’ossessione, di vivere di cioccolato, di lettura, di Nazione Indiana?

    BACI!

  6. mica l’ho inventato io!
    se si apre il menù in alto a tendina dove c’è scritto demonstation ci sono altre opzioni da scegliere… si clicca go e c’è da riderci ancora di più

    il mio preferito è

    scribblin baby

  7. Ah, ma che forte, che forte!!!
    starei delle ore incantata guardare quel pupo da pasticciare che pasticcia !
    :-)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: