Articolo precedente
Articolo successivo

Scusate, sono momentaneamente assente – Vito Riviello Tribute


di
Francesca Bellino
qui

Se il poeta raccoglie le voci degli altri, Vito Riviello lo ha fatto con estrema precisione di linguaggio, leggerezza clownesca e audace e continua pulsione verso la verità.
Grande affabulatore, portavoce della questione meridionale, comunista senza tessera, sessantottino ante litteram, anticonformista, dadaista, amico di grandi personalità da Ernesto De Martino a Rocco Scotellaro, da Pablo Neruda a Leonardo Sinisgalli ad Alfonso Gatto, ma soprattutto avant-poeta lontano dalla monumentalità della cultura ufficiale, Vito Riviello, scomparso a Roma il 19 giugno 2009, ha percorso e raccontato il mondo sempre con lo sguardo curioso di un bambino e il pensiero intuitivo di un genio.
E’ stato lungo il cammino di Vito Riviello, come è lunga la strada che fanno le parole che sgorgano spontanee nei suoi testi realisti-surrealisti.


Le sue poesie contengono le grida, i pianti, i gemiti della società che lo ha circondato, in particolare del Meridione in cui ha trascorso infanzia e adolescenza. Era come una spugna: assorbiva il contesto sociale sulla sua pelle sentendosene sempre coinvolto e poi lo traduceva con il linguaggio della derisione, del comico, della sorpresa, dell’invenzione e dell’ironia convinto che questo era “l’unico approccio possibile per difendersi dalla noia, dall’assurda normalità, dalla disperazione, dalla Storia come inganno e dalla sproporzione a cui spesso siamo condannati e della quale siamo testimoni”.
Vito Riviello è nato a Potenza nel 1933 e si è sempre sentito Ulisse. La sua Itaca, però, non è mai stata la sua città nativa, quanto la Coscienza, il vero Io, perché nel suo cammino leggero non ha mai previsto il ritorno al passato, ma solo tappe in avanti nell’infinita profondità di se stesso che sembrano ricordare al mondo che quando ci si mette in viaggio per qualsiasi Itaca, bisogna augurarsi che la strada sia lunga.
E la sua strada è stata lunga perché, come ripeteva spesso parlando di se stesso: “Vito è sempre in viaggio alla ricerca di Vito. Vito è sempre un altro che cerca Vito”. “In un’Italia senza contemporaneità”, oggi sono le sue parole a continuare il cammino. Non solo quelle stampate sui numerosi libri, ma anche quelle regalate nei suoi incontri pubblici e nelle sue relazioni d’amicizia, con grande generosità e curiosità verso l’Altro. In ogni scambio Vito lasciava un seme, caratteristica che oggi gli consegna meritatamente la definizione di “giardiniere delle parole”.
Vito non si annoiava mai e le poesie che ha donato rispecchiano l’intensità della sua ricerca nelle diverse tappe della sua vita, dall’infanzia trascorsa nei portoni e le strade di Potenza al sogno di vedere la sua città-campagna andare verso la modernità, dall’adolescenza a contatto con soldati e prostitute nel dopoguerra all’apertura della libreria “La Dogana” – subito fulcro degli intellettuali meridionali -, fino al trasferimento a Roma, al matrimonio con Daniela, l’arrivo della figlia Lidia, la concessione dei benefici della legge Bacchelli, l’obbedienza alla Natura, i viaggi per il mondo e il perenne peregrinare nelle infinite sfaccettature dell’animo umano.
Vito non ha mai avuto paura della morte. Credeva nell’eternità. Ecco perché per abbracciare amici, parenti e ammiratori del suo talento unico, accorsi numerosi al Tempio egizio del cimitero Verano all’indomani della scomparsa, ha scritto un unico verso: “Scusate, sono momentaneamente assente“. Vito, infatti, continua a esserci: l’eco della sua voce rimane nelle orecchie di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo e la presenza dei suoi versi è indelebile nella memoria di chi le ha comprese. Del resto, proprio lui amava ripeterlo spesso: “L’amore appartiene a chi lo vive” e Vito ne ha seminato tanto.

Al di…là
di
Vito Riviello

Lettura dell’autore

Visto da qua è aldilà
da là è aldiquà
se invece sbagliando
finissimo nell’aldilì?
Vedremmo attoniti un qui
fissi nell’aldilì
anche se in realtà
noi non possiamo venire
che dall’aldiquà
perché siam destinati all’aldilà
per tautologica omertà,
venendo dall’aldiquì
potremmo sbattere nel dilì
più in là dell’aldilà
e là più non si sa
se più vicino al dunque
è l’ aldilì o l’aldilà,
comunque di colà.

da “Monumentànee” 1992
Su Vico Aticillo
ps
Un abbraccio forte a Lidia (effeffe)

Print Friendly, PDF & Email

15 Commenti

  1. …però Pagliarani:

    «È nostro questo cielo d’acciaio che non finge
    Eden e non concede smarrimenti,
    è nostro ed è morale il cielo
    che non promette scampo dalla terra
    proprio perché sulla terra non c’è
    scampo da noi nella vita».

  2. ho ripreso in mano la mia edizione oscar mondadori 1978 e mi accorgo che quella di Pagliarani non è una lettura integrale del brano: dopo aver letto una trentina di versi, ne salta altrettanti e riprende da “Questo cielo…”.
    Evidentemente gli preme arrivare subito qui, dove il cielo “non promette scampo dalla terra”…

  3. Ulysse, viaggiatore poeta senza il rimpianto dell’isola natale.

    Mi piace la parola:
    “Vito è sempre in viaggio alla ricerca di Vito.”

    Il viaggio attraverso non fuga della sua mente, ma ricerca in identità.
    Il paesaggio in moto mi riflette, l’albero che mi ha visto per la prima volta sa molte cose di me, il nuvole fuggitivo conosce il mio desiderio,
    Incrocio il bambino che mi dà la mia innocenza della vita, il vecchio che mi dà la mia lucidità.

    Il viaggio continua…

  4. silloge,
    scia,
    sillage…

    Viaggio nella sagezza antica e poetica,
    mediterranea.

    Sensualità,
    amore,
    passaggio,
    sorriso.

    Poesie con due versi
    come due onde
    verso il lettore

    Ho ritrovato la traccia di Ulysse.

  5. sono molto dispiaciuto per questa scomparsa. Era un uomo gentile, affabile, molto attento alle persone. mi era stato presentato anni fa da in una libreria romana dal comune amico Velio Carratoni. Un grande abbraccio a Lidia .

  6. mi fu presentato alla fiera di roma da effeffe un uomo dolce pieno di ironia e disperazione
    un poeta
    c.

    la morte di un poeta è sempre la morte più triste

  7. Saluto il mio conterraneno a cui ho dedicato un articolo( molto modesto date le mie modeste capacità e conoscenze).
    Riviello ha espresso come nessuno lo humor lucano, un umorismo nero a volte, intriso di ironia pungente, che nasce dalla necessità di sdrammatizzare per sopravvivere in una terra, in una città come Potenza che ogni mattina vorresti bruciare, a cominciare da quei maledetti palazzi e da quel cemento che sta ingurgitando tutto. Potenza delle contraddizioni scrivera Riviello, “potenza della montagna e del fiume, potenza è la vita e la morte”, ma è anche una città chiusa, provinciale che lui ave a cercato di aprire e di animare. La libreria Riviello era un’eccezione nel capoluogo lucano, dove le librerie soo tristi e disordinati supermercati di libri nei queli se chiedi un Einaudi stile libero di rispondono:”ma sono quelli gialli?”. Riviello aveva creato un Simposio, un luogo in cui la cultura è scambio, condivisione, arricchimento, mentre oggi qui la cultura è appannaggio di pochi borghesi che ne cianciano tra un piatto di strascnat e un bicchiere di vino mentre quei giovani fuori continuano a morire di overdose. Se solo conoscessero certe bellezze, forse, non sceglierebbero la morte. Ma “nel mio paese dove tutti siamo gelosi degli altri”(Scotellaro) questo non è possibile, e accade anche che un genio come Riviello venga quasi snobbato.
    Ciao Vito, avrei voluto conoscerti in vita ma ero troppo intenta ad occuparmi delle fecce della mia terra per guardare in alto
    e avvicinarmi alle anime grandi e belle come te,
    perdonami Vito se per prendermela con i potenti che tu stesso
    amavi sbeffeggiare in versi non mi sono accorta in tempo di te
    ma ti dico grazie lo stesso per l’amore nei confronti di questa maledetta terra matrigna che hai riversato nei tuoi scritti e per la grande lezione di
    letteratura e di vita che mi hai impartito da lontano.
    ciao vito!

  8. E’ certo che abbiamo perso uno dei più grandi poeti del secondo Novecento . La sua caratteristica più vistosa era rappresentata dall’ironia demistificatrice e dalla giocosità in ambito di invenzione verbale sulla scrittura . I suoi sillogismi , le sue
    locuzioni , i suoi aggettivi “inventati” , di volta in volta popolari e “culti”, capaci di sorprendere in senso e suono le immagini della Storia e della contemporaneità , avevano la grazia e l’incisività della migliore Tradizione Quattro/Cinquecentesca nutrita dalla pratica del non sense e del limerik come ulteriore articolazione della contestazione avanguardistica della comunicazione poetica .
    Salutiamo con Vito Riviello anche la sua umanità e generosità , il suo amabile inesauribile istrionismo , il fascino discreto ma intrigante della sua affabulazione continuamente contaminata dalla sua poesia e dal suo antico fuoco di stella

  9. Hai portato con te \ i miei versi \ gli ultimi accolti \ nelle tue braccia \ suona la tua voce nella sala \ “sono venuto solo per te” \ e così fra gli astri \ in un pugno di terra fiorita \ e nell’immenso tuo \ liquido pensiero \ di pulcini e di amori \ di onde tempestose \ lasci al mondo \ la tua risata la tua malinconia \ soffia il vento la tua poesia \ sulle ali della farfalla \ ed io coltiverò \ la tua musica la tua leggerezza \ di clown \ in prati verdi per tutti

    Antonietta dell’Arte

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: