Articolo precedenteGranTorino: Francesco Forlani
Articolo successivoRiscavi

Photoshoperò#27 the street traversade

9 Commenti

  1. una poesia piena di ricordi.
    stranamente non trovo altre parole. Ti abbraccio e ti aspetto ancora insieme ad Anto e famiglia al completo, con granite di limone e terrazza pronta per reading.
    “a sòru”, n.c.

  2. Il senso del mare

    per Maria (inventare la tua libertà)
    per effeffe ( flâneur dei mari e delle strade, tornato nella sua terra per trovare felicità)
    per Andrea Raos e Andrea Inglesi poesti cosmopoliti, in altro tempo a Parigi.
    Per Natalià ( il sua mare antico, Sicila divina)
    Agli esiliati o prigionieri in terra natale

    Il mare mi guarda
    Sulla terra mia non posso essere madre
    La mia città natale è immersa
    vedo il tremare delle mura
    i sole ha mangiato i nuomi delle vie
    i giardini annegano
    vedo il cielo nuvole di sale

    La mia lingua riccaciata dentro
    in una rissaca assente

    Il mare è un capogiro

    La mia citta nuota
    veloce
    la mia città di guerra interiore
    irrespirabile

    Il mare sarto mi indossa
    nudità straniera
    annunziata.

    L’ago dell’acqua
    cuce la traccia
    con filo di lingua e sesso
    a consolidare

    La città nuova
    è dritta
    come palma siciliano.

    Spero che effeffe mi perdonerà il mio commento ( ispirato dalle immagine e del suo bellissimo testo)

  3. mi piacciono i tuoi encadrements (visti su myspace seguendo il link)
    diciamo poetiche cugine
    effeffe

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

I poeti appartati: Francesca Canobbio

Muta per amore       Prendi le tue ore di distanza quando parto mentre mimo per eccesso di ego una qualsiasi delle mie pose...

I cattivi maestri: Aldo Braibanti

  di Francesco Forlani     Dal 1 marzo i giurati voteranno la cinquina del David di Donatello. Su 150 opere, "Il caso Braibanti"...

Dia Logue: stop making sense

  Rivista è cosa mai vista (effeffe)     https://issuu.com/esp.mau/docs/dia_logue_03?fbclid=IwAR0y6KFIb7ZygqnoVRpF_g_qg1-YSoH2j1pxDPoFJU7Gg21r1lvWMWoUYIs   https://www.youtube.com/watch?v=jhF3zHm9Vz8    

Zibaldoni: divenire in stato d’eccezione

  di Enrico De Vivo «Qual è colüi che sognando vede, che dopo ’l sogno la passione impressa rimane, e l’altro a la mente...

Internauti – day four day five day six (the end?)

di Francesco Forlani & Andrea Inglese L'assedio di effeffe Come Konrad Johnson, l'operaio protagonista del magnifico romanzo di Folke Fridell, che decide...

Internauti – day two, day three

di Francesco Forlani & Andrea Inglese           Giaculatoria dell'amore indifferente / Canio Loguercio-Raiz-Daniele Sanzone ('A67)-Maria Pia De Vito http://www.suave-est-nus.org/Giaculatoria.mp3 Memorie del sottosopra di effeffe Oggi...
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux