Articolo precedenteCritica letteraria di nomi e cose
Articolo successivoLa Gilda del Romano

le rire 3°: ZAMPIRONI

[ Alberto Savinio, OGGETTI NELLA FORESTA ]

Alberto Savinio [ 1891 – 1952 ]
Serenata per pianoforte

 

di Alberto Savinio

da NUOVA ENCICLOPEDIA

ZAMPIRONI. Quei piccoli coni di polvere insettifuga che si bruciano la sera nelle camere per stupefare le zanzare e renderle incruente; gli zampironi, altrimenti detti “sonni tranquilli”, che si consumano in accensioni e fumate intermittenti e danno idea di minuscoli vulcani in istato di eruzione; gli zampironi si chiamano così dal nome dell’inventore Gio Batta Zampironi, che fondò nel suo laboratorio in Mestre nel 1862. Per venti anni e più dal 1922 al 1943, gli italiani furono educati all’ammirazione di ogni sorta di ammazzatori e al disprezzo di coloro che hanno operato per il bene dell’umanità; e il secolo decimonono, eccellentemente umanitario, fu chiamato con le parole stesse di Lèon Daudet lo “stupido secolo decimo nono”. I vent’anni sono passati e gli italiani possono tornare senza pericolo a disprezzare gli ammazzatori e a onorare i benefattori, compresi i minimi come Gio Batta Zampironi, il quale per averci salvati dalle punture delle zanzare in un paese così dovizioso purtroppo di questi ditteri crudeli, può a ragion veduta esser tenuto egli pure un benefattore dell’umanità: Due anni or sono un giornalista romano propose di abbattere alcuni monumenti “ottocenteschi” della capitale e fondere col loro bronzo dei cannoni, e fra i monumenti da abbattere metteva anche il monumento a Terenzio Mamiani che non è di bronzo ma di marmo. Quel giornalista credeva probabilmente che le palle dei cannoni sono ancora di pietra come quelle che da Castel Sant’Angelo sparava Benvenuto Cellini. A partire da quale grado di merito l’uomo è degno di essere perpetuato nel marmo e nel bronzo? Ora che i monumenti eretti dalla dittatura sono stati rimossi, si potrebbe sostituirli con monumenti a Gio Batta Zampironi e ad altri italiani modesti ma degni della nostra gratitudine. Un altro ‘ piccolo ‘ benefattore è Pellegrino Artusi, autore di quella Scienza in Cucina e Arte di Mangiar bene che negli scaffali delle librerie potrebbe vantaggiosamente sostituire i Discorsi del dittatore. Pellegrino Artusi è il nostro Brillat Savarin e il suo libro uno dei maggiori successi dell’editoria italiana, è scritto come naturale in un italiano molto saporito. Pellegrino Artusi salì in fama di grande cuoco a Firenze, ov’ebbe a rivale il grande Doney, ma era nativo di Forlimpopoli, in Romagna. Prima di morire, questo artista della culinaria lasciò una somma da destinarsi in premio al primo grande uomo che fosse nato nel raggio di alcuni chilometri intorno alla sua città natale. Mancano poche centinaia di metri perché entro il raggio del Premio Artusi sia inclusa anche Predappio.
 

______________ ,\\’ ______________

 
[ fatto doverosamente un monumento – seppur letterario – al mitico Gio Batta Zampironi – fra i pochi ad avere il suo cognome assurto all’onore di parola d’uso comune – insieme a Montgolfier e Guillotin – Birò e Béchamel – Pullman e Sandwich – ed eretto un bel busto al saporoso Artusi – di cui consiglio – senza se e senza ma – a pag. 450 della vecchia edizione Marzocco de L’ARTE DI MANGIAR BENE – la deliziosa ricetta della Zuppa Inglese – e di annotarsi la massima – quasi fondo pagina – quasi un consiglio letterario – “I savoiardi badate di non inzupparli troppo nel rosolio perché lo rigetterebbero.” – si può parlare – non gastronomicamente – a proposito di ZAMPIRONI di riso – denti al posto dei chicchi bianchi – le rire severo di Bergson e un po’ quello jaune – dei francesi – giallo come il risotto dei milanesi – nel caso un ridere a denti stretti – un ridere acuto e spillante vizi e mezze figure di cui Savinio è maestro di fioretto e fantasia – oltre ad essere artista a 360 gradi su 360 – pittura – musica e letteratura – introvabili simili – anche lontanissimamente – tra gli odierni – per non parlare poi di quel che smuove l’effluvio bruciaticcio di piretro naturale – non certo la sintetica alletrina – dei suddetti zanzarifughi – ai tempi di Savinio con la forma di piccolo cono di certi incensi e poi spiraliformi – come il disegno patafisico della Grand Gidouille sull’opima ventraglia del Père Ubu – ma ora non più molto in voga e sostituiti da elettroemanatori&similia – piccoli punti rossi di brace di tante notti d’estate e giardini delle infanzie – dal sentore ancor più evocativo che addentar madeleinettes – di sicuro ]
 
 
Alberto Savinio
[ pseudonimo di Andrea Francesco Alberto de Chirico; Atene, 25 agosto 1891 – Roma, 5 maggio 1952 ]
NUOVA ENCICLOPEDIA
1977
Adelphi

 
 
le rire 1°: La vita del filosofo Kant di Cesare Zavattini
le rire 2°: à la Cage [ Water Walk ] di John Cage
 
 

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. “Lo specchio incorniciato di palme dorate, che dal marmo del caminetto levava la sua luce appassita al soffitto carico di stucchi, creava un’illusoria continuazione di quella camera piena d’ombra e di fato, e una felice anticipazione assieme della sorte del nascituro, la cui vita, infatti, si va consumando dentro il mondo degli specchi”

    Grazie!

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LINA MEIFFRET partigiana e letterata, amica del giovane Calvino.

di Daniela Cassini e Sarah Clarke
Tra le tante storie incontrate, in un campo largo che ha unito intenti e percorsi diversi, abbiamo voluto approfondire con curiosità e passione la storia di una figura rimasta ai margini...

PIER PAOLO PASOLINI 3. Il tempo della caduta. L’omologazione antropologica degli italiani

di Luca Vidotto
Pasolini si trova costretto in un’isola solitaria in mezzo al mare della modernità, è il poeta imprigionato in un mondo in cui tutto funziona con una precisione meccanica e l’uomo stesso è diventato un’“arancia ad orologeria”.

PIER PAOLO PASOLINI 2. Il tempo del disincanto. L’avvento della società dei consumi

di Luca Vidotto
Se la rivoluzione delle infrastrutture ha determinato un tale stravolgimento dal punto di vista materiale, ben peggiore è ciò che opera la televisione.

PIER PAOLO PASOLINI 1. Il tempo dell’innocenza. Il Friuli e Roma

di Luca Vidotto
Pasolini ebbe una doppia appartenenza: una legata agli ambienti cittadini bolognesi e di altri centri urbani, soprattutto veneti, in cui visse da ragazzo con la famiglia seguendo gli spostamenti del padre, e una totalmente differente nelle campagne casarsesi, a stretto contatto con il mondo contadino.

CRISTINA ANNINO [1941-2022] “Magnificat. Poesie 1969-2009”

di Nadia Agustoni
Un poeta è una voce. A volte, nella grande poesia, la voce è distanza e vicinanza insieme. Ci sono autori appartati che ci vengono incontro per un sorta di fortuna e aiutano chi non smette mai di cercare, interrogare le parole, perché proprio nella concretezza della parola un poeta dice qualcosa di sé e del mondo.

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: