SIT IN

SIT IN GIOVEDI’ 17 SETTEMBRE ORE 19
Consolato generale di Spagna a Milano
piazza Cavour sotto il palazzo della stampa.

Le Associazioni lesbiche, gay, bisessuali e transgender della Lombardia desiderano reagire al crescente clima di omofobia che si respira nel nostro paese.

Per questo Giovedì 17 Settembre alle ore 19.00 saremo vicino al Consolato spagnolo di Milano in piazza Cavuour per chiedere a quella nazione asilo politico per un giorno.

Non desideriamo fuggire da una nazione che sentiamo pienamente nostra, ma rompere quel muro di silenzio e di colpevole omertà con cui la classe politica ha risposto in questi anni alle nostre molteplici sollecitazioni.

Chiederemo ad una nazione civile come la Spagna, che ha saputo riconoscere piena cittadinanza alle persone e alle coppie lesbiche, gay e transgender, di portare la nostra voce in Europa.

La tutela della nostra integrità fisica, la dignità dei nostri amori e la realtà delle nostre famiglie necessitano di risposte legislative concrete, in grado di collocare l’Italia fra le nazioni che già hanno raggiunto quel livello di civiltà e diritto capace di sconfiggere definitivamente il pregiudizio omofobico.

Le Associazioni LGBT della Lombardia

Arcilesbica Zami Milano
Arcilesbica XX Bergamo
C.I.G. Comitato provinciale Arcigay Milano
Orlando Comitato provinciale Arcigay Brescia
Coming Aut Comitato promotore Arcigay Pavia
Cives Comitato provinciale Arcigay Bergamo
La Rocca Comitato provinciale Arcigay Cremona
La Salamandra Comitato provinciale Arcigay Mantova
Como gay lesbica
Associazione La Fenice – Transessuali & Transgender Milano
AGEDO (Associazione genitori, parenti e amici degli omosessuali) Milano
LeSovversive
Associazione radicale Certi Diritti Milano
KOB Collettivo omosessuali bicocca
Milano contro l’omofobia
GSI – Gay Sport Italia
“Renzo e Lucio” gruppo glbt di Lecco
Le Rose di Gertrude – Magenta
gruppo LGBT “Arcobaleni in marcia” Milano
gruppo GayStatale studenti dell’Università degli Studi di Milano

12 Commenti

  1. Ci sarò anch’io e porterò un’amica..

    ma si poteva anche pensare a un coordinamento nazionale, possibile che ogni città, e ogni comune deve fare sempre storia a se??..

    chi fa la fiaccolata, chi il sit in, ma sempre in date, orari diversi ..

    ma possibile che le lotte carbonare non hanno insegnato niente ?!

    .. va bè, che ve lo dico a fare!!

    a domani!! ^__^

  2. Perchè non create una polizia politica omosessuale?
    Potreste chiamarla OMODIGOS, oppure OMOCEKA, o ancora OMOGESTAPO…
    E come si fa a denunciare qualcuno per omofobia? Con una lettera anonima ai carabinieri? Oppure con una delazione ai danni di un vicino di casa che ti sta sulle palle? Oppure con un certificato medico che attesta l’eterosessualità di un soggetto?
    E chi decide quando un’opinione è reato? Il Parlamento italiano? Oppure quello europeo? O magari l’Arcigay?
    E poi perchè non vi decidete a mettere in atto lo sterminio della popolazione maschile, così finalmente avrete risolto tutti i problemi?
    (cfr Valerie Solanas MANIFESTO PER L’ELIMINAZIONE DEI MASCHI)

  3. Non vorrei essere frainteso: a me non interessa assolutamente niente di quel che la gente fa in camera da letto. Che i gay vogliano frequentarsi in locali appositi o che Berlusconi vada a puttane sono cose che non mi riguardano. Rendetevi conto, però, di quanto sia pericoloso introdurre dei reati d’opinione per proteggere gruppi di presunte categorie a rischio. Nello stato di diritto la legge deve essere uguale per tutti, altrimenti si va verso lo stato etico, e dopo gli esperimenti del XX secolo è meglio lasciar perdere…

  4. Satana, ti cito “Nello stato di diritto la legge deve essere uguale per tutti”, questo non ti fa suonare un campanello in testa? Non è che forse manifestiamo proprio per questo?
    Altro punto e altra citazione: “rompere quel muro di silenzio e di colpevole omertà con cui la classe politica ha risposto in questi anni alle nostre molteplici sollecitazioni”, come vedi il programma è ben chiaro nella sua semplicità; con questo si intende anche essere ripristinati all’interno dell’agenda del Ministro delle pari opportunità.
    Un ringraziamento a Franco Buffoni anche per la splendida presentazione del suo libro. E’ stato illuminante.

  5. http://fiaccolataglbt.wordpress.com/ qui trovate altre iniziative simili, le fiaccolate di Roma alle quali ho potuto partecipare, civili e belle. Sarò gay fino a quando non sarà tanto normale esserlo da non doversi notare in alcun modo, essendo una cosa rilevante per la persona a cui si riferisce. Non mi sento di non appoggiare e partecipare solo perché ho un altro tipo di orientamento affettivo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Xenofemminismo

di Ceci Kulp “Mentre il capitalismo è inteso come una totalità complessa e in continua espansione, molti aspiranti progetti...

Audre Lorde, l’outsider

di Nadia Agustoni A pochi mesi di distanza nel 2014, sono usciti due libri di Audre Lorde, poeta americana di...

Audre Lorde: una giornata-dibattito, una poesia

Padre Figlio e Spirito Santo Non ho mai visto la tomba di mio padre. Non che la sentenza dei suoi occhi...

Avrei fatto la fine di Turing

di Franco Buffoni Avrei fatto la fine di Alan Turing O quella di Giovanni Sanfratello In mano ai medici cattolici Coi loro coma...

Simone

di Franco Buffoni Dalle cronache dei giorni scorsi ho appreso che a Roma il 21enne Simone si è ucciso gettandosi...

Supereroi da paura

di Helena Janeczek Questo testo l'ho scritto in primavera e l'ho consegnato a Alfabeta con questo titolo. Poi, in attesa...
franco buffonihttp://www.francobuffoni.it/
Franco Buffoni ha pubblicato raccolte di poesia per Guanda, Mondadori e Donzelli. Per Mondadori ha tradotto Poeti romantici inglesi (2005). L’ultimo suo romanzo è Zamel (Marcos y Marcos 2009). Sito personale: www.francobuffoni.it