Articolo precedenteNon c’è altro tempo da perdere
Articolo successivoIl volo del colibrì

Intervento di Gianni Lannes su libertà di stampa, centrali nucleari, navi dei veleni e… «leggerezze» di Stato

Questo accadeva a Palermo appena qualche mese fa (il 12 dicembre 2009), all’assemblea del Popolo delle Agende Rosse convocato in Via d’Amelio…

di Evelina Santangelo

10 Commenti

  1. non ho capito una cosa? ci sono scorie nucleari in italia? ci sono centrali funzionanti? e da quando? ho i miei dubbi. e senza questa informazione è un delirio…

  2. Gianni Lannes vive da mesi sotto l’assedio di ripetute minacce di morte da parte della criminalità organizzata pugliese, come molti altri giornalisti e cronisti che si occupano di mafia.
    In proposito c’è un rapporto periodico, a cura dell’FNSI – un sindacato dei giornalisti con a capo Alberto Spampinato, fratello di Giovanni (giornalista dell’Ora, assassinato nel 1972 da cosa nostra) – che si chiama Ossigeno per l’Informazione:
    http://www.fnsi.it/Pubbliche/Pag_osservatorio_o2.asp

  3. “siamo soli stiamo morendo…” dice ad un certo punto e non è l’inizio di “Tropico del cancro” di Henry Miller, è nuda vita, e nessun amore per i corpi, è cancro vero.

    In Italia ci sono diversi luoghi dove da anni si promuovono
    genocidi. Perché non cominciare a raccogliere firme affinché sia dia protezione (scorta) a uomini come Lannes ?

    Grazie Santangelo per questo video.

  4. Cari ragazzi, a Bosco Marengo o altra vicina località fra Volpedo e Alessandria ci sono delle scorie e lo sanno tutti, a meno che per le persone parlare di petrolio e di residui nucleari non faccia differenza, e su questo meriterebbe parlare perchè il senso comune fa presto a definire “il caro vecchio puzzo di benzina o di gasolio” e altri luoghi comuni, pure nella letteratura, tutti siamo homen e tutti con piccoli crimini inconsapevoli.

    A presto
    Franco Fallabrino

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un selvaggio che sa diventare uomo

di Domenico Talia Mico, Leo e Dominic Arcàdi, la storia di tre uomini. Tre vite difficili. Una vicenda che intreccia...

L’agenda ritrovata

C'è un progetto a cui tengo molto. Nasce da un'idea dell'associazione culturale l'Orablù di Bollate. Il 19 luglio di quest'anno sono 25...

Il saltozoppo: uomini e donne tra l’Aspromonte e la Cina

di Domenico Talia La prima pagina inizia narrando di due uomini, Alfonso e Silvestro, nemici fino alla morte e l’ultima...

La «Garduña» e le mafie. Ogni origine ha un mito

di Antonella Falco La Garduña è una leggendaria società segreta di matrice criminale che avrebbe svolto la sua attività in...

Le botte in piazza

di Giulio Cavalli (Giulio Cavalli, dopo anni di teatro, inchieste e impegno civile che lo obbligano ancora oggi a vivere...

Sicilia Spa

una lettera pubblica promossa da Evelina Santangelo e Fabio Stassi   L’accesso al mare alla tonnara di Scopello è uno spazio...