Una storia fascista

Udienza finale del processo penale di 1° grado a carico dello scrittore Divier Nelli, per la ricostruzione di una vicenda fascista.

Si terrà nella tarda mattinata di venerdì 11 giugno 2010, nel Tribunale Penale di Città di Castello (Pg), l’ultima udienza di 1° grado che vede imputato lo scrittore viareggino Divier Nelli, accusato (Delitto di cui artt. 595 c. 1° e 3° Cp.) di avere offeso la reputazione dei congiunti di Marcello Casella (defunto durante la Seconda Guerra Mondiale) attribuendo a questi, nel romanzo giallo Falso Binario (Passigli Editori, 2004), la responsabilità dell’efferato omicidio del diciottenne Ottavio Barsottelli (legato ai binari ferroviari e fatto mutilare da un convoglio), avvenuto a Viareggio (Lu) l’11 settembre del 1931.

Nel corso dell’udienza, sarà ascoltata la testimone della difesa Didala Ghilarducci, presidente della sezione provinciale dell’Anpi di Lucca.

gianni biondillo

GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee. 

Tags:

  1 comment for “Una storia fascista

  1. Ares
    14 giugno 2010 at 10:37

    Che figata di storia.

    Si potrebbe riaprire il caso ??..

Comments are closed.