Fine delle Trasmissioni

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Il problema non è vedere o non vedere Santoro in tv. Come diceva un mio amico questa mattina al bar, Santoro potrebbe aprire una sua televisione e andare in onda indisturbato per altre venti serie di “AnnoZero”… L’eventuale passaggio a La7 favorirebbe una rete che a me personalmente piace perché relativamente libera da certi giochi politici e penalizzerebbe giustamente e meritatamente una televisione – la Rai, la NOSTRA televisione nazionale e non dei partiti – che sta diventando lentamente un’emittente omologata e piatta. Dopo AnnoZero chiederanno la testa di Floris, Augias, Dandini, Gabanelli… ?
    Il problema non è rivedere Santoro su un’altra rete: il problema è non avere più una voce alternativa allo strapotere di Berlusconi su una rete che è di tutti e che dovrebbe assicurare un’informazione eterogenea (e non ‘faziosa’ come dicevano quei due subumani invitati ieri nell’ultima puntata di AnnoZero).
    Stanno pilotando il pensiero dell’italiano medio tramite lo strumento televisivo come ho già sottolineato anche in un mio post
    http://michelenigro.wordpress.com/2011/05/03/palinsesto/

  2. Qualcuno mi saprebbe dire chi ha scritto (se mai è stato scritto qualcosa di tosto sull’argomento) sul rapporto tra Samarcanda e il movimento della Pantera?
    effeffe

  3. non li fanno più i finali di una volta(più che altro mi premeva rimarcare che se buttassimo la tv tutti insieme tenendo a portata di mano radio e intenet probabilmente saremmo una società di persone migliori.E poi mi sarebbe piaciuto che qualcuno non della destra stracciona turbocapitalista de noantri avesse fatto notare a santoro che questo continuo fare lo splendido in riferimento ai sucessi mietuti,non paragonabile a quello mediaticamente più interessante di vieni via con me,è piuttosto in contrasto anche se in maniera non diretta con la difesa delle opinioni altrui in particolare quando minoritarie valore che dovrebbe stare nell’oggetto sociale di chi fa riferimento a sinistra.Perciò risulta particolarmente tedioso quando fa lo smargiasso agitando come una clava i dati relativi allo share,ci sarebbe più simpatico se non si fosse dimenticato di nessuno.Volevo inoltre spendere qualche parola per Lutazzi che nonostante attraversi una fase non felice in quanto sospettato con indizi fortissimi di plagio,come peraltro capitò allo stesso Poe,fu il primo invitando Travaglio a farci sospettare che il premier non fosse soltanto quell’impiastro che dimostra tutti i giorni di essere governando.Si ho finito)

    http://www.youtube.com/watch?v=Yt_8a0UHWks

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: