La cultura nasce copiando


All creative work is derivative
Nina Paley, questioncopyright.org

6 Commenti

  1. Giusto.
    O meglio, la copia in se, fine a se stessa, non credo sia positiva.
    E’ il rielaborare qualcosa di preesistente che invece può essere considerato positivamente “produttivo”, nel senso di (ri)creazione di senso (peraltro, nel caso di questo video, comicamente efficace!) mediante elaborazione di materiale già esistente.
    D’altronde, se ci pensate, anche la scrittura di un libro, ad esempio, comporta la “copia” di un qualcosa, nello specifico le lettere che, grazie ad una particolare forma di relazione che l’autore crea fra loro, danno un prodotto presumibilmente, si spera, unico.
    Credo che la chiave sia nell’uso che si fa di ciò che viene “copiato”.
    Se copio un quadro, non creando nulla di (nuovamente) unico, magari merito particolari riconoscimenti che si fermano però ad un livello meramente materiale e “superficiale”.
    Diversa è una copia che riesce invece a conferire originalità e diversità rispetto al precedente artefatto.

    • Vi ringrazio degli interventi. Sebastiano centra bene il problema, il linguaggio stesso è una copia di segni condivisi. Comunque esistono cuture dove la copia di un’opera d’arte, di una calligrafia o di una poesia ha un valore in sé. In Cina una tale copia non è plagio, ma espressione di rispetto ed apprezzamento. Grazie ancora!

  2. E’ un video incredibile.Non si riesce a collocarlo.Originale,quindi.Riguardo al copiare, è sempre sbagliato,tranne che per la Zecca.
    Lucia D.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Copiare non è rubare

http://www.youtube.com/watch?v=aV8Sy7f4BEw Una nuova versione di Copying Is Not Theft di Nina Paley, questa volta in italiano cantata e suonata da...

Il diritto di leggere

di Richard Stallman Da La strada per Tycho, una raccolta di articoli sugli antefatti della Rivoluzione Lunare, pubblicata a Città...

La minaccia per autori ed editori

A proposito di questo ebook - di Cory Doctorow C'è un pericoloso gruppo di attivisti anti-copyright che rappresenta una minaccia...

Il Minottino: un manuale di sopravvivenza giuridica in rete

Con oltre un anno di ritardo (da maggio 2008) segnalo un testo ancora importante nonostante le nuove leggi sulla...
jan reister
jan reisterhttps://www.nazioneindiana.com/author/jan-reister
Mi occupo dell'infrastruttura digitale di Nazione Indiana dal 2005. Amo parlare di alpinismo, privacy, anonimato, mobilità intelligente. Per vivere progetto reti wi-fi. Scrivimi su questi argomenti a jan@nazioneindiana.com Qui sotto trovi gli articoli (miei e altrui) che ho pubblicato su Nazione Indiana.