Articolo precedenteLaconia senza làconi
Articolo successivoPadri, cameriere e purgatori

Play Time: Giulia Niccolai

Frisbees della vecchiaia
di
Giulia Niccolai

Quando le telecamere inquadrano la facciata del Quirinale, al lato sinistro del televisore, in primo piamo, possiamo vedere quasi sempre parte di un monumento con un giovane a torso nudo accanto a un cavallo maestoso. Notandolo l’altra sera mi sono detta, come se lo riconoscessi (non so se a ragion veduta o per qualche associazione campata per aria): i gemelli! I Dioscuri!
I Dioscuri? Molto bene, ma come si chiamano …? e Polluce. Del primo (di quello che non vedevo?) non ricordavo il nome. Alla mia età e a ogni dimenticanza ci hanno insegnato di temere i primi segni della demenza senile e così mi sono data da fare per arginare la paura.
Alluce e Polluce? Alluce e Polluce? mi chiedevo mentalmente e a voce alta. Parte della mia mente era convinta che il nome fosse sbagliato, ma un’altra parte lo trovava convincente.
Solo quando capii che Alluce e Polluce erano i nomi storpiati dei ditoni di mano e piede, si accese la lampadina di Castore .
Raccontai brevemente l’aneddoto a Paola De Pirro in un SMS perché sapevo che l’avrebbe divertita, e infatti lei mi rispose: Che delizia! è proprio l’”indice” del tuo humour innato.
Quel suo “ indice” non potevo proprio lasciarmelo scappare, così le risposi: Possiamo anche dire che mi batti?
E lei di rimando a me: No. E’ che forse in una vita precedente facevamo cabaret insieme.
Monstre!!
Paola batte Giulia 2 a 1!
A meno che non fossimo state anche gemelle in quella vita, allora saremmo pari: 2 a 2.
(No, non per avere l’ultima parola, ma per il doppio senso della frase).

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un gelido dicembre milanese

di Antonella Grandicelli
Un gelido inverno in viale Bligny (Morellini Editore, 2021), è il convincente debutto nella narrativa gialla della scrittrice genovese Arianna Destito Maffeo,

L’Anno del Fuoco Segreto: Su Monomeri e Futuro

di Gabriele Merlini «E comunque, se ti interessa, lascia perdere e ascolta me.» Vicino al materasso la lampadina ha la silhouette della befana e il telefono trasparente, nel caso provi a inclinarlo, emette ancora quello strano rumore di oggetti che scoppiano per inattese pressioni dei polpastrelli.

Il fermo di Ferlinghetti

di Giorgio Mascitelli ( la scorsa primavera un amico mi aveva chiesto di immaginare qualche testo per ricordare Lawrence Ferlinghetti,...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...

La bestia che ci portiamo dentro

di Paolo Carfora
I conigli divorano spesso i propri cuccioli per potersi accoppiare nuovamente. Capita a volte che le lontre stuprino a morte le femmine. I delfini si drogano con il veleno del pesce palla.

REQUIEM

di Luca Vidotto
Mentre guardo la tua foto dietro al fragile velo di vetro che la ricopre, vedo sui tuoi occhi il riflesso dei miei. Ti sarei piaciuta, sai? Saresti rimasto incantato nel vedere i solchi che il tempo ha iniziato a scavare sulla mia pelle.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email