Libra, la figlia che verrà

Libra (Bilancia) è il cortometraggio su donne, lavoro e maternità della regista spagnola Carlota Coronado. Il film è stato girato nel 2006 con protagonisti Helena Castañeda e José Ángel Egido. Se lo girassero oggi che storia racconterebbe? I nuovi aut-aut sono sempre peggiori dei vecchi.

3 Commenti

  1. video molto carino, la tipa pretende il libero arbitrio, m’è parso di capire.
    Che io sappia si confonde l’intelligenza con un flusso di connessioni necessarie: siamo telecomandati dal Caso.

  2. il corredo di argomenti al su scritto ci sono, non saprei come sintetizzarli con efficacia. questa poesia un pò forse…
    Libiamo nei lieti calici

    Tutto è follia nel mondo ciò che non è piacer.
    Superfighe e creativi
    in cerca di confidenze
    subliminali
    coloniali
    metafisiche
    fisiche
    il vaniloquio non è nocivo
    il demenziale serioso o allegorico propositivo
    due modi di parlare a vanvera :
    uno sciocco l’altro ozioso
    congetture molto sensate
    nascoste
    tra suggestioni suggerite dal caso
    danno forma poetica al pragmatico
    la droga non serve
    quello che serve è il facile profitto
    in un silenzio liquido
    un cecchino con occhiali
    accecati dal fango
    se la ride
    la fortuna
    il modo più facile d’esser intelligenti
    la convenzione è circoscritta
    dal manganello con lo stipendio
    no global
    bacia la mazza .
    Tutto è follia nel mondo ciò che non è piacer.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La Heimat è una cosa da matti? Intervista a Maddalena Fingerle

di Giovanni Accardo
“Lingua madre” è il romanzo d’esordio di Maddalena Fingerle. Proviamo a farci raccontare qualcosa in più da un'autrice che i lettori di Nazione Indiana conoscono: proprio qui ha pubblicato alcuni suoi racconti

I giorni della Comune. Dichiarazione al popolo francese

Nel 150mo anniversario della Comune, proponiamo un estratto da "I giorni della Comune. Parigi 1871", a cura di Goffredo Fofi e Mariuccia Salvati, Edizioni E/O

Quando Alberto perse il signor Gilberto e si mise a cercarlo

di Davide Orecchio

Alberto e il signor Gilberto vivono assieme e si prendono cura l’uno dell’altro. Quando se lo ricorda, il signor Gilberto fa la spesa e cucina, paga le bollette, bada a che in casa non manchi nulla. La pensione del signor Gilberto basta appena perché i due ne possano vivere, e Alberto ricambia col suo affetto e calore

«El comunismo no pasará». La destra latinoamericana alla prova della pandemia

di Camillo Robertini

L'America Latina, da almeno sei anni a questa parte, vive uno dei periodi di maggiore incertezza dalla fine delle dittature militari degli anni Ottanta

22 frammenti di testo e immagini per una cronaca casuale

di

Filippo Polenchi (testo) e Andrea Biancalani (immagini)

Sono dieci anni che non lo vedo. Levi entra nell’ufficio. Sto scrivendo una lettera commerciale con un’offerta, da inviare via mail. Ho la giacca e la cravatta, i pantaloni neri comprati all’Oviesse che mi stringono al cavallo

La Parigi occupata di Sartre

di Diana Napoli

Ripercorrendo l’evoluzione del pensiero di Sartre, tutti gli studiosi hanno sottolineato il ruolo centrale, il significato di vera e propria svolta, costituito dall’esperienza della guerra
davide orecchio
davide orecchio
Vivo e lavoro a Roma. Libri: L'isola di Kalief (con Mara Cerri, Orecchio Acerbo 2021), Il regno dei fossili (il Saggiatore 2019), Mio padre la rivoluzione (minimum fax 2017. Premio Campiello-Selezione giuria dei Letterati 2018), Stati di grazia (il Saggiatore 2014), Città distrutte. Sei biografie infedeli (Gaffi 2012. Nuova edizione: il Saggiatore 2018. Premio SuperMondello e Mondello Opera Italiana 2012). Provo a leggere i testi inviati, e se mi piacciono li pubblico, ma non sono in grado di rispondere a tutti. Perciò, mi raccomando, non offendetevi. Del resto il mio giudizio, positivo o negativo che sia, è strettamente personale e assolutamente non professionale. Questo è il mio sito.