Odissea X 28-79

trad. in esametri di Daniele Ventre

Per nove giorni continui viaggiammo, di notte e di giorno,
e finalmente nel decimo apparvero l’aie paterne,
giunti ormai presso, vedemmo degli uomini accendere fuochi.
Sonno soave su me sopraggiunse, tanto ero stanco;
sempre un timone di nave reggevo, né ad altri compagni
mai lo lasciai, perché presto toccassimo terra di padri;
gli uni con gli altri i compagni scambiavano intanto parole,
e immaginavano che mi portassi a casa oro, argento,
da parte d’Eolo cuore magnanimo, Ippotade, doni;
E così disse qualcuno, volgendosi a un altro vicino:
“Ah, che amicizie e che onori costui si procura fra tutti
gli uomini, quelli di cui la città, la terra raggiunga!
Molti tesori si porta con sé, sin da Troia, stupendi,
della sua preda; noi invece, compiuta la stessa sua via,
ce ne torniamo qui in patria ed a mani vuote restiamo.
E gliene ha dato ora un altro, compiace così l’amicizia,
Eolo. Ma in fretta, suvvia, vediamo che dono è mai questo,
la quantità d’oro e argento che chiusa nell’otre si cela”.
Dissero, e vinse così fra i compagni malo consiglio;
sciolsero l’otre, ma tutti i vènti balzarono fuori,
presto con rapido moto ben via dalla terra dei padri
ci trascinò la procella; piangevano; ed ecco che io
mi ridestai, ed allora nel nobile cuore fui in dubbio
se dalla nave dovessi gettarmi e morire nel mare,
o sopportare in silenzio e restare ancora tra i vivi.
E sopportai e rimasi, velatomi, dentro la nave
giacqui; nell’isola Eolia l’avversa tempesta di vento
trasse di nuovo le navi; gemevano intanto i compagni.
Là in terraferma scendemmo, ed attingevamo dell’acqua,
svelti prendevano il pasto fra le agili navi i compagni.
Ma non appena ci fummo saziati di cibo e bevanda,
ecco che allora al mio fianco avendo un araldo e un compagno,
d’Eolo le case gloriose raggiunsi; e così lo trovai
che banchettava seduto accanto a sua moglie, ai suoi figli.
Giunti che fummo alla casa, vicino ai pilastri alla soglia
noi ci sedemmo; essi in cuore stupirono e chiesero, infine:
“Come tornasti qui, Odìsseo? Che demone avverso ti incalza?
Ti rimandammo con tutta amicizia, sì che giungessi
alla tua patria, alla casa, dovunque a te fosse gradito”.
Dissero, ed io fra di loro parlai con in cuore l’angoscia:
“Fu per follia dei malvagi compagni e con loro fu il sonno
perfido. Voi rimediate, amici: oh, ne avete il potere!”
Sì, così dissi, volgendomi a loro con blanda parola:
essi rimasero muti; ma il padre rispose parola:
“Vattene via da quest’isola, in fretta, tu, vile fra i vivi;
no, non è giusto che io dia soccorso e in patria rimandi
uomo che sia fatto segno dell’odio di numi beati;
vattene via, ché per l’odio di numi immortali qui giungi!”
Disse così e mi scacciò di casa, che grave gemevo.
Via navigammo di là, più oltre, angosciati nel cuore.
E per la nostra follia e per il dolente remeggio
stretto era agli uomini il cuore, ché a noi non si offriva più guida.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. Hai fatto una traduzione molto buona, a mio avviso, molto leggera e lontana da quelle traduzioni che fanno della lettura di Omero una tortura. Bravo!

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Bacchilide – Ditirambi III-IV

trad. di Daniele Ventre III I GIOVANI O TESEO - PER I CEI A DELO La nave scura di prua portava Tèseo...

SPLENDE A CASCATA/ L’ORO DEI CEFALI

Nota sull’ultima silloge di Giancarlo Consonni (Pinoli, Einaudi, 2021) di Giuseppe Cinà “Nel suo andare per il mondo, la poesia è...

La poesia di Edgar Allan Poe nella traduzione di Raffaela Fazio “Nevermore. Poesie di un Altrove” (Marco Saya Edizioni, 2021)

Trad. di Raffaela Fazio Postfazione di Leonardo Guzzo È nel breve saggio Filosofia della composizione, scritto nel 1846, che Poe...

Il cielo per Roma – l’ipercalisse ilarotragica di Mariano Bàino

di Daniele Ventre “Chiamatemi Chiaffredo. Ma non chiedetemi il perché…”: così si inizia, con richiamo evidente all’Ismaele del Moby Dick,...

Inno ps.omerico a Pan

trad. isometra di Daniele Ventre Musa, raccontami tu la cara semenza d’Ermete, lo strepitante bicorne dai piedi caprini, che in valli d’alberi...

Appunti su “EDENICHE” di Flavio Ermini. Ovvero: Il tramonto della luna.

di Bruno di Pietro “Un pensatore lo si onora pensando” (E.Jünger) 1. Il tramonto della luna Giunge a compimento con “Edeniche” (Moretti...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: