Articolo precedente
Articolo successivo

DONNE (2/2) (elenchi # 1)

DSCN1063_r

 

 

 

di Giacomo Sartori

donne svenevoli

donne svenute

donne svenate

donne bennate

bullette imbellettate

bullette imbollettate

donne con gli occhi lucidi di pena

donne con gli occhi lucidi di birra

donne che si tengono bene

donne che si tingono bene

donne ministre

donne sinistre

spazzine

spezzine

cavallerizze con la coda di cavallo

cavillose con il sorriso equino

sbarazzine con il sorriso birichino

sborone con il birignao

donne prognate

donne con la fronte alta alta

donne con la schiena lunga lunga

donne che la sanno lunga

donne che la danno

(cosa? mi chiedevo io)

donne che te la fanno

donne che non sanno

donne che sanno tutto

donne che hanno sonno

donne che vogliono tonno

 

DSCN1154_r

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

nuotatrici

benefattrici

malfattrici

attrici atroci

citrulle precoci

bariste affabili

bariste ineffabili

bariste stanche

bariste stinche

bambine già donnine

vecchine truccatine

vecchine bambine

anziane nature

naturiste naturaliste

naturiste naziste

turiste pluraliste

 

DSCN1056_r

 

 

 

 

 

 

 

 

prime violiniste

seconde violiniste

primedonne

secondine

terzine

quattrocentiste delle cinque terre

borghesone con l’erre moscia

borghesone con la coscia moscia

vestali venali

donne banali

analiste con afflati anali

donne interessanti

donne in stati interessanti

sante martirizzate

sante marmizzate

fortemarmiste con il martini

ascete in ascensore

anacorete con le calze a rete

santerelline beffarde del Botticelli

gnocche con belle nocche

nocchiere con le ginocchiere

 

                                                   *   *   *

 

DSCN1162_r

 

 

 

 

 

 

 

 

donne con un gatto

donne con un matto

donne con la vagina fina e dritta

donne con la vagina buia

donne con i capelli come spaghetti

donne con i capelli come fusilli

rockstar nostrane

rockstar anglicane

suore di clausura

suore senza cuore

suore sensualone

messaline col messale

sommesse nelle sommosse

sottomesse commosse

commesse complesse

commesse messe male

 

DSCN1055_r

 

 

 

 

 

 

 

 

donne che sorridono mostrando i denti

donne che sorridono mostrando le gengive

donne che non sorridono proprio

donne che camminano a piedi nudi

con o senza catenina alla caviglia

donne coi sandali tedeschi

donne che bestemmiano

donne che si fanno i riccioli con l’indice

donne che si paracadutano nel futuro

donne che si paracadutano nel passato

donne che si maritano

donne che si meritano

donne che singhiozzano in silenzio

donne che singhiozzano nel microfono

donne afone

donne cafone

ortofoniste pazienti

ortofoniste spazientite

 

DSCN1093_r

 

 

 

 

 

 

 

 

donne che assaggiano con la mano sul fianco e respirando col naso

donne che ascoltano guardando negli occhi

donne che ascoltano guardandosi i ginocchi

donne che non ascoltano

donne che guidano con il sedile attaccato al volante

donne che non guidano

donne che ti tolgono i peli dalla maglia

donne senza peli sulla lingua

donne con peli ideologici sulle gambe

donne vendute al capitale

donne acquisite col capitale

contoterziste

contorsioniste

trapeziste

donne del lancio dei coltelli

donne lanciate

astronaute molto caute

donne linciate

nane lanciate

 

DSCN1104_r

 

 

 

 

 

 

 

 

feline veline

ferine libertarie

libertine neoliberiste

scrittrici viventi

scrittrici conviventi

scrittrici suicide

scrittrici sudicie

poetesse attiche

poetesse tattiche

architette senza tette

architette senza tetto

dottorande in tettonica

donne che soppesano con i piedi in dentro

donne che si bilanciano sul bordo esterno del piede

donne accucciate sul pavé

donne incappucciate del defilé

madonne in trono

madonne troniste

 

DSCN1062_r

 

 

 

 

 

 

 

 

(dagli “Elenchi”, dove ci sono peraltro anche gli uomini)

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. Pare proprio che ti sia andata male anche stavolta Giac, niente insulti femminili! Devi ritentare! (gran bei testi, complimenti)

  2. è un progetto assai ambizioso Giacomo ma su queste premesse non potrà che riuscirti
    effeffe

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Come allargare il fronte ecologista

di Fatima Ouassak
Siamo d’accordo sulla necessità di risolvere il problema del clima, ma dal punto di vista di chi e nell’interesse di chi? È l’umanità che vogliamo salvare o solo la ricca e fortunata minoranza bianca? Che tipo di ecologia garantisce tutte le libertà, compresa quella di movimento e di insediamento per tutti, indistintamente?

Sulla cultura pop

di Enrico Minardi
Questo libro è il risultato del mio ventennale soggiorno negli Stati Uniti, e della trasformazione mentale (fra altre, di diverso carattere) che mi ha obbligato a compiere. Essa riguarda in sostanza il valore da assegnare alla cultura, e se una gerarchia possa applicarsi fra le varie tipologie culturali esistenti.

Necrologio (nuovi autismi # 34)

di Giacomo Sartori
È sempre un compito penoso ricordare chi se ne è appena andato. Diciamo la verità, quando muore qualcuno ci si dice che sarebbe potuto benissimo capitare a noi, o insomma che i prossimi della lista forse siamo noi, senza che lo subodoriamo.

L’inarrestabile estrazione nelle Apuane

di Nunzio Festa
In tanti sostengono di conoscere i problemi delle cave. Forse sì ma non le cave, che andando avanti così senza valutare lo stato di salute della montagna-madre, si chiuderanno da sole.

Lo scrittore

di Mauro Baldrati
Il suo era un romanzo che avrebbe scosso la letteratura dalle fondamenta. Una scrittura spontanea e al tempo stesso perfettamente controllata. Una lingua scavata dall'interno, spezzata, risorta.

La storia come luogo delle possibilità

di Alessandro Zaccuri
A differenza di quanto cercano di fare gli storici, Plevano non pretende di fornire una ricostruzione incontrovertibile o, se non altro, a prova di smentita, Per lui, come per ogni romanziere, la storia è il luogo della possibilità.
giacomo sartori
giacomo sartori
Sono agronomo, specializzato in scienza del suolo, e vivo a Parigi. Ho lavorato in vari paesi nell’ambito della cooperazione internazionale, e mi occupo da molti anni di suoli e paesaggi alpini, a cavallo tra ricerca e cartografie/inventari. Ho pubblicato alcune raccolte di racconti, tra le quali Autismi (Miraggi, 2018) e Altri animali (Exorma, 2019), la raccolta di poesie Mater amena (Arcipelago Itaca, 2019), e i romanzi Tritolo (il Saggiatore, 1999), Anatomia della battaglia (Sironi, 2005), Sacrificio (Pequod, 2008; Italic, 2013), Cielo nero (Gaffi, 2011), Rogo (CartaCanta, 2015), Sono Dio (NN, 2016), Baco (Exorma, 2019) e Fisica delle separazioni (Exorma, 2022). Alcuni miei romanzi e testi brevi sono tradotti in francese, inglese, tedesco e olandese. Di recente è uscito Coltivare la natura (Kellermann, 2023), una raccolta di scritti sui rapporti tra agricoltura e ambiente, con prefazione di Carlo Petrini.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: