Articolo precedenteL’ultima Thule
Articolo successivoAmor, ch’a nullo amato amar perdona

Callimaco – Quattro epigrammi

trad. isometra di Daniele Ventre

A. P. V 6

Glielo giurò Callignòto, a Iònide, di non avere
altro più caro, nessuna altra più cara di lei.
Glielo giurò: vero è il detto però, giuramenti d’amore
dentro le orecchie immortali, oh, non ci penetrano.
Ora è un ragazzo la fiamma, per lui: della povera amica,
come di Mègara, ormai, conto e ragione non c’è.

A. P. V 23

Come mi fai riposare, Conopio, al cospetto di questa
gelida soglia, anche tu possa dormirci così.
Possa dormirci così, maledetta, come a chi t’ama
dài accoglienza, e non hai manco per sogno pietà.
Hanno riguardo i vicini, tu manco per sogno: la chioma
bianca fra poco, però, tutto al ricordo darà.

A. P. V 146

Quattro ne sono, le Grazie: eh già, poco fa se n’è aggiunta
una e di unguenti si fa bella con loro, le tre.
Lieta fra tutte c’è lei, Berenice chiara di luce:
senza non restano Grazie anche le Grazie, non più.

A. P. VI 121

Bestie del Cinto, coraggio: sì, l’arco di Echemma il Cretese
là presso Ortigia, oramai, e con Artemide sta,
quello con cui vi ha strappate al gran monte, e adesso riposa,
capre, da quando la dea, lei le preghiere adempì.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

articoli correlati

Inno ps.omerico a Pan

trad. isometra di Daniele Ventre Musa, raccontami tu la cara semenza d’Ermete, lo strepitante bicorne dai piedi caprini, che in valli d’alberi...

Odissea – Libro XIX – Il colloquio di Odísseo con Penelope – il riconoscimento fra Euriclea e Odísseo

trad. isometra di Daniele Ventre (da Omero, Odissea, ed. Mesogea, Messina, 2014) Dentro la sala, frattanto, lo splendido Odísseo...

Inno ps. omerico ad Apollo

trad. in esametri di Daniele Ventre Ricorderò, né potrei scordarmelo, Apollo l'arciere lui per cui tremano i numi, se avanza alla...

Kurdistan

di Daniele Ventre A tempo dato aprivano origini. Sul tetto a raso i nibbi planavano. Ci si attendeva. Un tempo d’ira batte alla...

IL JOKER *

di Sonia Caporossi La tendenza al male presente in ogni uomo è il pervertimento del fondamento soggettivo dell’uso della libertà, che consiste...

LUCANO, Farsaglia I, 1-127

traduzione isometra di Daniele Ventre Più che civili le guerre nel mezzo dei campi d’Emazia, dato diritto al delitto cantiamo, e...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: