inediti

Permunian come genere letterario

Pubblicato da
2
21 luglio 2014
Permunian come genere letterario

di Romano A. Fiocchi

Francesco Permunian, Il gabinetto del dottor Kafka, Nutrimenti.

Il gabinetto del dottor Kafka non è un romanzo. Non è una raccolta di racconti. Non è un blog. Non è  un libro di documenti fotografici. Non è un saggio.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Ilaria Seclì

Pubblicato da
2
18 luglio 2014
les nouveaux réalistes: Ilaria Seclì

Avvertimento al forestiero

di Ilaria Seclì

Arriverai alle tre.
Verranno a prenderti compassi, righelli, inchiostri neri. Ti spingeranno, non finirai il nome, e saranno archi e finestre vuoti, tempere azzurrefuoco, impasti fitti di grano e stoppie.
Bentrovate geometrie del silenzio, dovrai dire.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Alessio Arena

Pubblicato da
2
16 luglio 2014
les nouveaux réalistes: Alessio Arena

Simón Mago

di

Alessio Arena

“In un lontano paese visse tanti anni fa una pecora nera.
Fu fucilata.
Un secolo dopo, il gregge pentito le eresse una statua equestre molto bella,
in mezzo al parco.
Così, da quel momento in poi, ogni volta che apparivano pecore nere venivano subito fucilate
affinché le future...
Leggi il seguito »

Azzurro a nessuno

Pubblicato da
3
15 luglio 2014
Azzurro a nessuno

di Federica Di Blasio

Cassiopea – Mia cara, niente squarci e niente sentimentalismi oggi.

Lira – Forse dovrei solo allontanare la mia mano dal viso e l’occhio dall’unghia di melograno. Distinguo l’elemento triste e tragico nel momento in cui spalle si stagliano all’orizzonte.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Claretta Caroppo

Pubblicato da
0
14 luglio 2014
les nouveaux réalistes: Claretta Caroppo

Lovematic

di

Claretta Caroppo

Lavoro in una lavanderia a gettoni, di quelle che in uno stanzone contengono grandi lavatrici, otto per la precisione, tre da cinque chili, tre da sette chili e due da nove chili, più quattro asciugatrici. Il funzionamento è semplice: si inseriscono le monete in un distributore e si preme il tasto...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Alessandro Zannoni

Pubblicato da
1
12 luglio 2014
les nouveaux réalistes: Alessandro Zannoni

 

Genesi di un principe azzurro

di

Alessandro Zannoni


Sono figlio di quella che una volta veniva chiamata pettinatrice.
Ho trascorso gran parte della mia infanzia nel negozio di mia madre circondato da donne di ogni età, ceto sociale e bellezza.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Ivan Ruccione

Pubblicato da
3
11 luglio 2014
les nouveaux réalistes: Ivan Ruccione

Chiedi alle ceneri

di

Ivan Ruccione

Sono ancora rincitrullito dalla sbronza solenne di ieri sera, penso seduto a tavola, ma i filetti di manzo li ho cucinati alla perfezione. Tu ben cotto ed io al sangue. Tu una porcheria ed io burro, in pratica.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Anna Giuba

Pubblicato da
3
9 luglio 2014
small

il corpo sommerso e la lingua salvata

di

Anna Giuba

L’opaca impenetrabilità del corpo che noi avvertiamo e viviamo come la resistenza delle cose è, dunque, la precategorialità di cui parla Husserl, per il quale il corpo si dà come materia (impenetrabile, opaco, passivo) ma proprio nel suo essere tale è contemporaneamente una modalità del...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Stefania Hauser

Pubblicato da
0
6 luglio 2014
les nouveaux réalistes: Stefania Hauser

“I don’t like Mondays”

di Stefania Hauser

 

Il lunedì non è un giorno come un altro. Non che gli altri siano migliori, semplicemente il lunedì è noioso. Non so perché, ma lo penso da sempre. Di certo, lo penso da trentacinque anni e voglio sperare che a San Diego non ci sia una fottuta...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Olga Campofreda

Pubblicato da
0
27 giugno 2014
les nouveaux réalistes: Olga Campofreda

Lezioni di italiano

di

Olga Campofreda

 

A South Kensington c’è una strada che si chiama come un giardino, c’è poi il numero quarantanove, interno due, citofono laccato in oro. Mi ci specchio ogni volta in superficie mentre qualcuno, dall’altra parte, percorre il tragitto che da una poltrona costosa arriva ad aprirmi il portone, che fa...
Leggi il seguito »

da L’ambasciatrice (inediti)

Pubblicato da
6
26 giugno 2014

di Viola Amarelli

 

difficile

 

-Troppo difficile da dire

-E tu non dire.

Un riccio rosso, rosari di sabbia
Le vene, l’arterie
L’avviene.

 

 

la candida, l’intatta

 

Cuore bambino dove
la briciola diventa meraviglia
e l’orco resta ucciso grasso
e sciocco
la candida, l’intatta
noncuranza.…


Leggi il seguito »

“Piazza” Gino Valle, Cleveland

Pubblicato da
8
25 giugno 2014
“Piazza” Gino Valle, Cleveland

di Gianni Biondillo

Quand’ero bambino mio padre diceva “vado in piazza” e tutti in casa capivamo, non c’era altro da aggiungere. Andava in Piazza del Duomo, da Quarto Oggiaro. Milano, in fondo, ha sempre avuto una sola piazza, e neppure bellissima.…


Leggi il seguito »

Le strane rapine da morbo di Primavera ( 2)

Pubblicato da
1
22 giugno 2014

di Pino Tripodi

Due mesi esatti dopo la rapina più bizzarra della storia del crimine, quella avvenuta a Milano in un supermercato, sembra essersi diffuso in tutto il Paese un morbo che potrebbe definirsi il morbo di Primavera. Il gesto di un uomo ancora oggi unanimamente ritenuto sconsiderato è stato emulato così tante volte che...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Paolo Valoppi

Pubblicato da
5
22 giugno 2014
les nouveaux réalistes: Paolo Valoppi

Regoli

di

Paolo Valoppi

 

«’Mazza quanto è bono ‘sto hamburger».

Il tono solenne, grave, con una punta di compiacimento, come si addice a chi in questa serata sta mangiando per la prima volta i panini e i piatti dell’Hamburgeseria Burger di Piazzale Flaminio, quella nuova, “quella che ha aperto da poco”.…


Leggi il seguito »

Le strane rapine da morbo di Primavera (1)

Pubblicato da
1
22 giugno 2014

di Pino Tripodi

Faccio la commessa all’Esselunga di via Bazzi, a Milano. Sabato 8 febbraio 2014 intorno alle tredici e trenta non c’era tanta gente, non quanta ce ne sarebbe stata un paio d’ore più tardi né quanta ce n’era stata ore prima.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Matteo Cavezzali

Pubblicato da
1
20 giugno 2014
les nouveaux réalistes: Matteo Cavezzali

 

La libertà dura sette giorni

Azione di popolo per il centenario della settimana rossa

di Matteo Cavezzali

 

[NOTA: Il testo è stato scritto facendo fedele riferimento alle testimonianze dell’epoca: gli atti dei processi, i diari e le lettere inviate dai preti al Vaticano per chiedere il risarcimento dei danni arrecati alle chiese.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Giorgio Di Gennaro

Pubblicato da
1
15 giugno 2014
les nouveaux réalistes: Giorgio Di Gennaro

Lettera a un editore

di

Giorgio Di Gennaro

 

Lei mi chiede di dirle qualcosa di me. Intanto la ringrazio per l’interesse e la disponibilità; poi, come si fa spesso quando ci si presenta, le dico cosa faccio per campare: sono un operaio meccanico, aggiusto auto, o almeno ci provo (proprio ora, le sto scrivendo dal computer...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes : Attilio del Giudice

Pubblicato da
5
14 giugno 2014
les nouveaux réalistes : Attilio del Giudice

 

Per Elisa

di

Attilio del Giudice

 

Ieri ho rivisto zio Sergio, il fratello di mia madre. Ci siamo incontrati in occasione di una spartizione proprietaria davanti al Notaio, insieme ad altri parenti. La ricchezza della nostra famiglia ci garantisce una vita agiata, ma i rischi di un declino finanziario sono sempre in agguato e una maggiore vigilanza...
Leggi il seguito »

La curva del giorno

Pubblicato da
5
12 giugno 2014
La curva del giorno

di Biagio Cepollaro

(molto volentieri pubblico questi testi di Biagio, dal secondo volume, ancora inedito, de Le Qualità, raccolta di cui abbiamo parlato su Nazione Indiana qui e qui. Il titolo provvisorio è La curva del giorno, a.s.)

*
occorre stabilire i confini del silenzio non rispondere sempre
non sempre essere informati...
Leggi il seguito »

Due racconti

Pubblicato da
1
11 giugno 2014
Due racconti

di Gianluca Garrapa

Errore di calcolo

Sebbene le paresse d’avercela fatta, c’era ancora un buco da colmare nella sua vita e che non avrebbe potuto riempire semplicemente di cose, oggetti, surrogati materiali. Certo, non le bastava mica un marito che fosse uomo, anche, e padre, e non semplicemente padrone, un dialettico,...
Leggi il seguito »

Esporsi, non ostante tutto

Pubblicato da
11 giugno 2014
Esporsi, non ostante tutto

di Gianni Biondillo

 

Osservo un gruppo di turisti cinesi. Uno dietro l’altro si mettono a roteare tre volte attorno ai testicoli del toro in Galleria. Mi ha sempre incuriosito sapere come nascano le ritualità… chissà chi fu il primo a inventarla, chissà come negli anni sia diventata una prassi di ogni turista che...
Leggi il seguito »