inediti

La stabilità del caos

Pubblicato da
5
15 aprile 2014

di Giacomo Verri

(Un estratto dal nuovo romanzo di Giacomo Verri)

Due alunne di Arturo hanno cercato il loro palpito di notorietà. “Che c’è?” chiede Àlice. “Una cosa. Me l’hanno data a scuola. Ambra e Barbara, dai, quelle che si fanno interrogare lo stesso giorno, sempre insieme”.…


Leggi il seguito »

Una storia violenta

Pubblicato da
1
4 aprile 2014
Una storia violenta

di Antonio Soler

(Si terrà a Perugia dal 4 al 6 aprile 2014 la prima edizione di Encuentro. Festa delle letterature in lingua spagnola, una manifestazione dedicata alle letterature di lingua spagnola in Italia, promossa dal Circolo dei Lettori di Perugia e dal Comune di Perugia, con l’Associazione Banana Republic, in collaborazione...
Leggi il seguito »

Ave Bernhard: cantus responsorius

Pubblicato da
3 aprile 2014

black cat bone - www.behance.net

di Martial Pyrrhus e Lucretius Porphirogenitus

1 Ave Bernhard

… morte le gore, morte le campagne,
morta la morte e morta la rimorte
(un sole nero in pieno giorno guarda
sul golgota due morti ed un rimorto),
rimorti i morti e i non ancora nati,
morti i sepolti, morti gli esumati,
gli agnelli divorati, con le cagne
morte già prima di averli sbranati … Continua a leggere »

Pesci d’aprile – Una poesia di Rita Filomeni

Pubblicato da
0
1 aprile 2014
Pesci d’aprile – Una poesia di Rita Filomeni

Ci sono battaglie che nascono con la camicia, altre meno. Lo Stato, di questi tempi, ha la vista disgiunta del camaleonte, e se con un occhio punisce con l’altro assolve e la coerenza è un mestiere per eremiti. Il rimpallo e il rimando, allora, rappresentano...
Leggi il seguito »

Il ritardo all’asilo

Pubblicato da
4
29 marzo 2014
Il ritardo all’asilo

  di Andrea Inglese

Quando è venuto il momento di portare la bambina all’asilo, è stato un momento solenne, è banale ovviamente portare il proprio bambino all’asilo, dal momento che tutti i bambini vanno all’asilo, salvo quelli che vengono piazzati dalle balie, o negli asili privati, l’asilo comunale, in fondo, è meno banale...
Leggi il seguito »

Reader’s digest: Filippo Deodato

Pubblicato da
5
23 marzo 2014
Reader’s digest: Filippo Deodato


Un incontro inatteso

di

Filippo Deodato

Aveva terminato la sua lezione su I Fratelli Karamazov quel pomeriggio. Aveva chiarito a se stesso e forse anche ai ragazzi presenti ad ascoltarlo, che le figure del Cristo e del Grande Inquisitore, convivono nel fondo dell’anima di ciascun uomo.…


Leggi il seguito »

Boum Boum Za zà

Pubblicato da
4
22 marzo 2014
Boum Boum Za zà

La domenica pomeriggio su Radio Tre, c’è un programma che mi piace assai e si chiama Zazà . A loro, in particolare all’indiano Piero Sorrrentino dedico questo divertissement. Seconda puntata effeffe

Second Act

(megafòn du shoperò)

Ke lu effeffe mo mo proprie steve ‘n miezze è ssirene de touti li...
Leggi il seguito »

I poeti appartati: Giuseppe Cornacchia

Pubblicato da
7
21 marzo 2014
I poeti appartati: Giuseppe Cornacchia

 

 

 

Popolari

di

Giuseppe Cornacchia

 

 
Tweet dopo 10 anni

condividendo metri
ne occupi lo spazio
non pensi quale spazio
connoti la misura
nel tutto vivo della grazia
che metro è un metro
*
Nuovi poeti italiani (22 Jan 2014)

Alla quarta stazione
di questa via crucis del cuore
mi è riemersa la voce:
io...
Leggi il seguito »

Primo capitolo di un romanzo noir

Pubblicato da
1
21 marzo 2014
romanzonoirthumb

di Orso Tosco

Il contenimento della lotta

Gesù disse “Ho gettato fuoco sul Mondo, ed ecco, lo custodisco fino a che divampi”.

E tu sei il Porco.

E devi trovare Denise Brown.…


Leggi il seguito »

Reader’s Digest: Maria Luisa Putti

Pubblicato da
0
15 marzo 2014
Reader’s Digest: Maria Luisa Putti

La confessione

di

Maria Luisa Putti

 

Arrivare a Bellagio in gennaio non è una gran fortuna. Passate le feste di Natale non ci si vede più un’anima e fa veramente un freddo boia.

I negozi sono chiusi; le saracinesche abbassate e mucchi di posta infilati a forza nelle cassette.…


Leggi il seguito »

Toporlandia

Pubblicato da
1
8 marzo 2014
Toporlandia

di Romano A. Fiocchi

 

Roland Topor, Memorie di un vecchio cialtrone, a cura di Carlo Mazza Galanti, Voland, 2013.

 

Erik Satie, musicista francese poco noto in Italia, è stato innovatore stravagante e ricercatore di suoni. Il vecchio cialtrone lo segue sino alla sua abitazione e svela il suo segreto improbabile: “In ogni angolo della...
Leggi il seguito »

Reader’s Digest

Pubblicato da
3 marzo 2014
Reader’s Digest

 

Senza atipie

 

di

Matteo Cavezzali

 

E poi c’è questo posto che si sono inventati per venirci a nascere e a morire. Tanti corridoi lunghi e identici. Quasi deserti.

Qui ho incontrato una donna grassa con le stampelle, un bambino che piangeva di stanchezza e una anziana seminuda.…


Leggi il seguito »

Ando caz sta Zazà?

Pubblicato da
0
2 marzo 2014

La domenica pomeriggio su Radio Tre, c’è un programma che mi piace assai e si chiama Zazà . A loro, in particolare all’indiano Piero Sorrrentino dedico questo divertissement. effeffe

Boum Boum Za zà
di
Francesco Forlani

(campanella da schola)

Ke lu effeffe mica se capacitava de sta cosa, une chose simplex à l’orecio,...
Leggi il seguito »

I poeti appartati: Nunzio e Giuseppe Festa

Pubblicato da
3
28 febbraio 2014
I  poeti appartati: Nunzio e Giuseppe Festa

Gli alberelli del dopolavoro

di

Nunzio Festa

Nella loro innata semplicità, sono creazioni che riempiono due momenti vitali.

I loro compiti: coprire il momento del riposo prossimo al lavoro e posizionato quotidianamente tra lavoro e lavoro, dopo una giornata di...
Leggi il seguito »

Quattro poesie

Pubblicato da
24 febbraio 2014
Quattro poesie

di Matteo Fantuzzi

Da La stazione di Bologna, inedito.

Questi testi sono dedicati a tutti quelli
che si trovavano a Bologna il giorno della strage.
Tutti tranne alcuni.

 

scoppia una bomba
nel cuore di Bologna.
due agosto ottanta…
Se dalla Piazza ti incammini e...
Leggi il seguito »

Un rapporto a metà

Pubblicato da
0
21 febbraio 2014

[Un passo tratto dal romanzo inedito Memorie di un rivoluzionario timido. Anche qui. E qui.]

di Carlo Bordini

mi ricordo quando andai al funerale della madre di Seb, era morta due giorni prima. Era estate. Ci andai con B. arrivammo in questo estremo quartiere di periferia, in mezzo al verde, dove c’erano le case che gli operai si erano costruiti con le loro stesse mani e che erano state sostituite da grandi palazzi medio-borghesi (o forse mi sbaglio, forse semplicemente la famiglia di seb si era trasferita da una casa costruita con le proprie mani in una casa medio borghese) il padre di seb faceva l’operaio del gas, ma non era neanche medio borghese, c’erano case che sembravano medio borghesi, e arrivammo e c’era una marea di gente che saliva e scendeva per quelle strette scale, sembrava qualcosa come un pic nic, tutti che salivano, e c’era quella confusione, il caldo, il padre di seb ripeteva che disgrazia che disgrazia. Continua a leggere »

Poesie e prose

Pubblicato da
4
19 febbraio 2014
Poesie e prose

di Gianluca Garrapa

da Poevisioni , inedito.

3

crismi e tele angolari, sì. linee e triangoli babelici, sì. babilonie di generi diversi e caos, sì. purezza di spirito senza il pandemonio, sì. cerchi e perfezione, no. cenacoli di diffrazioni acustiche, sì.…


Leggi il seguito »

I poeti appartati: Massimiliano Damaggio

Pubblicato da
13 febbraio 2014
I poeti appartati: Massimiliano Damaggio

da “Edifici pericolanti”

 

 #

1) Sell in, sell out

#

 

 

 

Poesia della forza vendita

 

Esiste il tempo degli uomini in affitto

ripiegati in due dentro il contratto

nell’atto di spalancare la bocca

per ingoiare la moneta: Complimenti

mi dice il manager, Lei è in progressione

tuttavia non sa gestire le persone

ci vuole la...
Leggi il seguito »

Tre poesie

Pubblicato da
10 febbraio 2014
Tre poesie

di Maria Grazia Calandrone

da Serie fossile, inedito.

(°) – semehai una debolezza di spiga, muscoli di cavalla, un’arsura di sabbia calpestata nella spina dorsale e un solco di aratura, la solitudine di una bestia santa all’angolo destro della bocca, dove un’intelligenza appena nata ti sfiora quasi senza svegliartimetti il dito nel...
Leggi il seguito »

La luce prima, il turbamento poi

Pubblicato da
5 febbraio 2014
La luce prima, il turbamento poi

Lettera a Emanuele Tonon scritta da Alessandro Chiappanuvoli

 

Caro Emanuele,

è quasi un mese ormai che ho finito di leggere La luce prima, ma finora ho aspettato a scriverne, seppure una reazione me l’abbia scatenata il tuo libro. Ho aspettato perché ho avuto un po’ di paura, lo confesso.…


Leggi il seguito »