inediti

ESSENDO IL DENTRO UN FUORI INFINITO #1 Julia ha una macchina incastrata nello sterno

Pubblicato da
0
19 settembre 2014
ESSENDO IL DENTRO UN FUORI INFINITO #1 Julia ha una macchina incastrata nello sterno

di Mariasole Ariot

DIE FAHNEN wahren den Schein – LE BANDIERE salvano l’apparenza.
P. Celan

 

Julia ha una macchina incastrata nello sterno. Dal collo dell’utero a metà cuore, da cuore a collo,
da collo a sinapsi : condannata all’iper-reale di due voci : la prima dice you will die till...
Leggi il seguito »

Non deprime il cuore né lo stomaco: Ermanno Cavazzoni, La valle dei ladri

Pubblicato da
4
18 settembre 2014
Non deprime il cuore né lo stomaco: Ermanno Cavazzoni, La valle dei ladri

di Francesca Fiorletta

“Io me ne intendo. Quelli che dava agli altri erano baci di superficie, senza mordente, senza che ci fosse l’anima dietro, mentre a me era l’anima che mi suggeva; e io altrettanto.”

Esce per Quodlibet Compagnia Extra, uno dei migliori romanzi di Ermanno...
Leggi il seguito »

I poeti appartati: Andrea Leonessa

Pubblicato da
0
16 settembre 2014
I poeti appartati: Andrea Leonessa

 

Poesie

di

Andrea Leonessa

 

Tassidermia verbale

Non avendo che un tempo di curarsi, della bocca

aperta si fece spazio ad estrazione, a cassetto, vano

per Lego, d’un costrutto verbale la sede annacquata,

l’asporto delle braccia che non stanno all’incastro…


Leggi il seguito »

autocritica idraulica: Sergio Garufi

Pubblicato da
3
14 settembre 2014
autocritica idraulica: Sergio Garufi

Due cronopios: Cortázar e Jovanotti

di

Sergio Garufi

La critica idraulica, come la chiamava ironicamente Cortázar, è sempre alla ricerca delle “fonti”, dei libri che hanno influenzato il tuo libro, come se le idee non potessero sfociare che da lì. È un approccio che lui rifiutava, tipico di chi pone l’accento sul sapiens anziché sull’homo.…


Leggi il seguito »

La mala ora dell’Ultraliberismo

Pubblicato da
2
13 settembre 2014
La mala ora dell’Ultraliberismo

di Romano A. Fiocchi

Viviane Forrester, Una strana dittatura, traduzione di Fabrizio Ascari, TEA, 2003.

Viviane Forrester (qui in uno scatto di Jean-Marc Armani) è morta l’anno scorso. Era di nazionalità francese. E di origine ebraica. Conosceva Georges Perec.…


Leggi il seguito »

Violenza, silenzio e barbarie: quello che ho visto io della Siria

Pubblicato da
12 settembre 2014
10686879_585500408243030_7976464520832761048_n

di Lorenzo Declich

Le cose, sul campo, erano già molto chiare all’inizio.

La violenza del regime ha iniziato a manifestarsi subito, anzi, la rivolta nasce simbolicamente come risposta “civile” a un atto di violenza: un gruppo di ragazzini, picchiati e torturati per aver scritto su un muro quello che pensavano di Bashar al-Asad.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Simone Ghelli

Pubblicato da
0
11 settembre 2014
les nouveaux réalistes: Simone Ghelli

Più sopra il cielo è invisibile
di
Simone Ghelli

Uno scoppio rotondo, pieno d’acqua come la pancia d’una donna gravida, la sveglia per l’ennesima volta. Proprio sopra la sua testa. Tuuum!, e poi una vibrazione sorda da basso continuo.
Livia cammina sul pavimento freddo, le dita dei piedi contratte, eppure sensibili come antenne...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Leonardo Staglianò

Pubblicato da
0
9 settembre 2014
les nouveaux réalistes: Leonardo Staglianò

Maggio

di

Leonardo Staglianò

 

 

Lucia è morta all’età di ventun anni. Era maggio.

Una mattina, mentre si truccava, è svenuta. Non è caduta a terra, ma su un divano. Si trovava in salotto, davanti a uno specchio. È rimasta lì mezz’ora, fino a quando non si è svegliata Elena, la sua coinquilina.…


Leggi il seguito »

5 inedite (ossessioni)

Pubblicato da
5
9 settembre 2014
5 inedite (ossessioni)

 

di Pasquale Vitagliano

Non so come dire
ma in alcuni momenti
ho paura
anche della mia ombra.
Ci penso e mi sembra strano.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Angelo de Matteis

Pubblicato da
0
6 settembre 2014
les nouveaux réalistes: Angelo de Matteis

 

Il documento

di

Angelo De Matteis

 

Prima di arrivare al punto, signori, m’è d’obbligo premettere alcune circostanze così da far comprendere appieno quanto ho scritto in conclusione del presente documento: i fatti prima di tutto, altrimenti si rischia di essere fraintesi.…


Leggi il seguito »

Tre prose da Oggettistica (testi inediti)

Pubblicato da
4 settembre 2014

di Marco Giovenale

Tutta vita

Dopo il semaforo è tutta campagna. Dopo il semaforo è tutta enciclopedia. Da qui in poi è tutta campagna, da qui in poi è tutta enciclopedia. Da qui in avanti è tutto cambiato, è tutto cambiato negli ultimi trent’anni.…


Leggi il seguito »

L’umanità generica, Kant e i rifugiati: un collage e qualche riflessione

Pubblicato da
3 settembre 2014
L’umanità generica, Kant e i rifugiati: un collage e qualche riflessione

Di Andrea Inglese

1.
Il profugo è un uomo?
pròfugo s. m. (f. -a) e agg. (pl. m. -ghi). – Persona costretta ad abbandonare la sua terra, il suo paese, la sua patria in seguito a eventi bellici,...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Barbara Gozzi

Pubblicato da
1
2 settembre 2014
les nouveaux réalistes: Barbara Gozzi

La prima persona

di

Barbara Gozzi

 

Erano anni che non usava la prima persona e non le viene granché bene.

L’ultima volta era il 1997 anche se poi aveva dovuto riprendere tutto nove anni dopo quando era sbucato l’editore, ma non le va di ricordate per filo e per segno di quando aveva creduto davvero che...
Leggi il seguito »

La laica religione (2/2)

Pubblicato da
1
1 settembre 2014
La laica religione (2/2)

di Giacomo Sartori

 

 

Un amico poeta

filosofo radicale

scrive che la scienza

è venduta al capitale

nonché serva

di ideologie padrone

queste sono verità astratte

lui non scava negli occhi

di questi apostoli…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Emmanuele Bianco

Pubblicato da
1
31 agosto 2014
les nouveaux réalistes: Emmanuele Bianco

Acconciature

di

Emmanuele Bianco

Non era solo per i cinquant’anni di acqua, sole e vento; per il fascino di una cosa che invecchia con sfrontatezza, per una nota di armonia acidognola rimasta sotto la pelle del rione, né per quell’angolo, girato il quale si staglia, come un bambino smascherato, l’anfiteatro Flavio; e né, tantomeno, per...
Leggi il seguito »

Il colpo di biliardo

Pubblicato da
30 agosto 2014

di Michelangelo Zizzi

Poesia per il Padre

Quando s'incagliò il treno di sud-est nel letame tu del sud all'insegna di bar intermittente sapesti che la vita allotria invecchia come nella resistenza di fanghiglia una chiglia d'antiquario mentre tu la trama disfatta ricuci e non da sarto di contrada perché davvero possiedi congruo filame di carne nella tessitura d'occhio di rosone d'iride di donna che...
Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Annarita Briganti

Pubblicato da
2
30 agosto 2014
les nouveaux réalistes: Annarita Briganti

Lettera a un bamboccione

di

Annarita Briganti

 

Io a una donna ho dato il male e preso il bene (Claudio Baglioni)

 

Prologo

 

«Sono arrabbiata. Sono furiosa. Mi ha mostrato come avrebbe potuto essere, mi ha amata per ciò che ero.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Stefano Felici

Pubblicato da
1
28 agosto 2014
les nouveaux réalistes: Stefano Felici

Il progetto Ms

di

Stefano Felici

 

«Ma il meccanismo è un’illusione, e consiste proprio in questo: ti compare una schermata di parametri e linee, grafici senza senso, percentuali di completamento, e poi, sempre con tutto bene in vista, come se un’infinità di ingranaggi avesse trovato l’allineamento perfetto, finalmente uno, due, tre, quattro messaggi che in...
Leggi il seguito »

La laica religione (1/2)

Pubblicato da
3
27 agosto 2014

di Giacomo Sartori

alberi caduti_2014_07_14-18 198

 

 

 

 

 

 

Per tutta la settimana

David ha contato i lombrichi

e Miguela la spagnola

ha spigolato fogliami fracidi

per la metagenomica

io misuravo con Brad

gli abeti schiantati Continua a leggere »

les nouveaux réalistes: Olga Gambari

Pubblicato da
2
26 agosto 2014
les nouveaux réalistes: Olga Gambari

Sophie Calle, Exquisite Pain, Countdown – 67, 2000

 

I peli nel letto

di

Olga Gambari

 

 

Sta nel letto, è sveglia, a occhi chiusi. Lentamente, in punta di polpastrelli sfiora le lenzuola, la federa del cuscino, la lana della coperta.…


Leggi il seguito »