Domani sarà peggio

di Tommaso Giagni e Christian Raimo

No, non hai proprio capito, quello ha scapocciato. Dovevi starci, non è ’r fatto der sangue, l’ha sfranto sul lavandino, io sono entrato al cesso a buffo, pe’ piscià, e c’era Emir per terra. Ma non sai che scena. Come Emir chi? Er Paglia, er Paja. Che te stai a sentì? Damme ’na cuffia. Insomma oggi la tengono in questura. Quella non è una pischella, te lo dico, cià ’na forza che: fermati, è ’na macina. L’ha chiuso, quello coi denti in mano, tutto ’r sangue. Poraccio, ’n finale mi dispiace pure, ma i cazzi tua te li devi bada te. Che stai a aspettà? Che vie’ l’angioletto a risorvete i casini? Con me, cedadillo, con me è sempre stato preciso. Offrime ’na sigaretta, fa’ ’r bravo… Marlborone, te tratti bene.

Che poi mio padre ’nsisteva co’ la cosa che tutti gli zingari so’ ladri, che vogliono fregatte e basta, però con me è sempre stato preciso. A posto. Sì però secondo me se l’è cercata. A Iaia non je dici quelle cose. Non je dici quelle cose alle spalle e poi quando ce l’hai davanti fai er più vago: non hai fatto, non hai detto, ahoo, me voi cojonà? Quella sta già de fori de suo, cià i cazzi a casa e tutto. Se l’è cercata, dai. Ma che è ’r Sandrino? Sandro! Dì a tu’ fratello che gli ottanta famosi non me li so’ scordati. A ’sto giro. Che poi non me va de rincorrelo, de mandaje r’ Mauretto co’ tutti l’artri. È tuo fratello, sarebbe amaro, però carcola che domani devo prende’ ’n venticinquino e i soldi me servono. Non te scordà. Apposto, ciao Sandrì. Che dicevo? Poi Emir stava per terra e lei strillava, giù a daje calci, quello stava rovinato. Che poi, dico, Er Paglia sta ammanicato coi peggio boss zingari, lo zio non è uno tranquillo, insomma non finisce qua: quelli appena Iaia esce la vanno a cercà, e a quelli non gliene frega un cazzo che è ’na pischella: zero, te lo dico.

Perché è regazzina, è regazzina, ma poi non se po’ dì che è proprio ’na pischella. Cià lo stesso veleno del fratello, Patrizietto. Sì quello col gas di Hitler tatuato dentro al labbro. ’O Ziclo Vvu, ’o Ziclon Bi.. non Bi, come cazzo se chiamava..?… ’Nsomma ’n artro che sta de fori. Ma che piove? Mettemose da Fabio ar bar, ’sti cazzi der Gambina, stai con me: non te dice ’n cazzo. Fa’ ’r serio, almeno stamo al coperto e me pijo pure ’n caffè. Che poi Patrizietto sta a Rebibbia da ’n par de mesi. Madonna se sta rovinato. Spaccio e detenzione d’armi, j’ha detto proprio male, poraccio. A Fabie’, tutto a pposto? Famme ’n caffè macchiato. A scola? Boh, a scola ce vado ’na vorta ogni tanto, come se dice: giusto pe’ fa’ presenza. Quand’era, l’artra settimana… Fabie’, proprio un dito de latte. L’artra settimana m’ha interrogato quella de storia. Me so’ tajato, ha’ da vede come je la imbastivo, me incastravo a parlà, ’n macello. Ma a quella basta che je dici “cheneso cheneso”… Cose tipo, “professoressa guarda non ho potuto studia’ fino ’n fondo precisamente perché te ’n sai che è successo”, io me stavo davero a tajà, perché quella ’nsisteva: “Perché che è successo?”, e io dicevo: “No, te non sai, non poi proprio capi’”, e quella diceva: “No, fammi capire”, e pure in classe tutti a tajasse. Ciao Loris, hai risolto poi? Te dico, per me è ’l variatore. Fa’ come te pare, se vedemo domattina.

Ieri m’è presa proprio male. Che poi m’ha preso inaspettato, m’ha chiamato Francesca, io stavo mezzo a dormi’. ’Na regazzina, ma piccola Cristo, quanto c’aveva… sei mesi. Ma, me chiedo io, puoi lascia’ da sola ’na creatura? Ho sentito in giro della gente. “Il destino ha voluto. Il destino de quà, il destino”. Ma che stamo a gioca’? Me state a di’ davero? ’Sto cortocircuito è stato ’na cosa casuale, so’ d’accordo, ma la madre ndo’ stava? Cioè, dove? E vabbè che è annata come è annata e tutto quanto, però c’è ’na responsabilità. ’A bella, che fai ’n me saluti? Allora? Io che te dico, sto co’ ’st’amico mio, che è svario che non lo vedevo. Carletto, Michela. Michela, Carletto. Che hai dormito su ’na padella?… Ciai le recchie rosse a brace. Ma te domani ce vieni al funerale?… Alle undici, là a san… come cazzo se chiama.. alla chiesa quella… pora creatura. Aho, già te ne vai? M’ha fatto piacere, ma facciamo che ripassi no? Alla chiesa, sì, salutame Duccio. Che fa mo’? Che ha smesso, sì? Ha smesso de piove’?

No, no, Duccio è er fratello, lo conosco da regazzini. Ma che ciai , te sei innamorato? Guardalo, fa’ ’r vago, mica è reato, è ’na pischella che è ’no spettacolo, ma pure come carattere. Ciai l’occhio bono; che poi ho visto che pure lei… no, rallenta, non te fomenta’, però ’no sguardo un po’ ardito je l’ho pizzicato. Fabie’ io vado, segna che poi famo i conti. Te ringrazio, sei ’n amico. Uscimo, va’.

Quant’è… è un par de mesi che non se vedevamo. Finisce sempre così, lo sai pure te, nun è cattiveria, è che c’abbiamo tutti i cazzi da sbrigacce. Ma te ricordi quell’anno che stavamo sempre insieme, ar campetto a giocà, pure a scola.. insomma, ’a scola pe’ di’. Tempi d’oro, lascia sta’, tempi d’oro davero. Ma che stanno a fa’? Boni regà, boni, che state a fa’?… Tu’ madre cià già i cazzi de suo, te ce metti pure te, mica l’aiuti… e sbrigatevela, fate come ve pare, ma me gioco quello che ve pare che tra ’n attimo qui è pieno de guardie; si, questi cor cazzo che te sentono, stanno rovinati già adesso, pensa che quello è ’r fratello del Mauretto, c’avrà undici anni. Damose, che non vojo avecce cazzi pe’ sti regazzini. E poi che è successo? E poi ’r gruppo è morto, m’è dispiaciuto perché ce stavo affezionato, però lo sai che pure quoo stronzo de mi’ padre me lo diceva: “Le commitive se sciorgono, pe’ le donne se sciorgono sempre”, e infatti? Come diceva Fabiano… è ’na stronzetta, che me ce diverto, niente de più. ’Tacci sua, niente de più, intanto Er Paglia se farà ’n mese d’ospedale pe’ la “stronzetta”. Fabiano non l’ho visto più e non lo voglio vedè, sinnò finisce che m’arestano.

L’infame è peggio dell’assassino, io ’a vedo così. Che Fabiano è stato ’n infame vero, uno che preferisce la donna agli amici è davero inguardabile… e quello che incula ’r Paglia pe’ ’na mignottella che ce sta insieme da ’n mese scarso. Ma te lo sai da quanto se conoscevano Fabiano cor Paglia? See, beato a te, troppo prima. Er Paglia j’è stato vicino come ’n padre, quando je serviva, je dava i consigli boni… e quer bastardo lo ripaga così: no, non se fa e deve pagà. Che a pagà paga, io so’ sicuro: i buffi se pagano sempre. E i buffi d’amicizia so’ quelli che devi pagà subito, e peggio. Ma che ciai ’n fronte? Che cazzo t’è uscito? Er Vesuvio. Madonna, fai schifo, sembri alien sette, sembri. Ma sai che te vojo di’? Sai che ho ’mparato io, da tutta ’sta storia? Che non te poi fida’ de nessuno. Che devi sempre mantene’ ’no spazio de’ sospetto pe’ chiunque. Perché magari ’n bona fede, magari pe’ sbajo, uno che pensi che te poi fida’ assolutamente, te sveji la mattina e te ritrovi che te l’ha messo ar culo. Che cazzo ciai da ride? È na cosa seria, no.

Ho conosciuto ’a fija de n’amica de mi’ madre che sta a Bologna. Chiara, se chiama. Purunbernome. See, come la birra, bravo, ma vaffanculo, va’. Insomma ’gni tanto capita che ce chiacchiero ar telefono. E proprio ieri je raccontavo ’sta storia. Je chiedevo un parere, che ne pensava, no. E lei m’ha detto che secondo lei ’a comitiva nostra s’è sfasciata co’ sto bordello che è successo, che è inutile che uno mo’ tenta de’ ricuci’, de mettece le pezze, ma do’ le metti le pezze che è tutta ’na pezza? E inutile che fai ’sta faccia. Er probblema, er vero probblema de’ ’sta gente sta più affondo. ’Sta qua è gente che ce l’ha nell’animo la voja de ’inculatte. È la mancanza de curtura che crea ’sti impicci. La mancanza che non te sai immaginatte un futuro da quarch’arta parte. Te stai qua, e finisci che te comporti come ’n animale. Raggioni in termini de’ territorio, de competizzione, de chi scopa de più, de chi rimedia più sordi. Ma stai a raggionà in un circoletto der cazzo. Mo’ vedi appena esci da qua, quali sono i cazzi veri. Mejo er gabbio. Er carcere è mejo. Che armeno quarcuno che te viene a trova’ o trovi.

Oh, squaja, va’. Tiè, prova a toccamme er pacco: senti quanto me girano. Pure er fumo de merda, doveva capità. Prova a odorà, smella d’ammoniaca. Mo’ se scopre che c’è quarcuno che avvelena pure er fumo. Stai sicuro. Fumobomber, esatto. Bella questa. L’artro giorno ho fatto er carcolo de quante canne me so’ fatto qua, che se semo fatti insieme. Te carcola ’na media de, pe’ tenette basso, de dieci canne ar giorno, no? Da quant’è che se conoscemo, che passamo er tempo insieme qua? Tipo sei anni. Sei anni so’ sei per trecento giorni, sei per tre diciotto, centottanta, anzi che cazzo dico: milleottocento giorni. Fai dumila, no?, coi resti. Dumila giorni, dieci canne ar giorno: fanno ventimila canne. È ’n botto, eh? Non te vie’ un brivido pure a te? Poi pensace che se semo fumati de tutto. Libanese, pachistano, marocchino, arbanese, spagnolo… Se semo fumati er monno. Io tipo manco lo so ’ndo cazzo sta er Pàchista. Perché te lo sai? In Africa, in Asia…. O, che cazzo stai a fà? Te serve ’n firtro? E che usi la cosa der lutto de ’a ragazzina? Sei proprio ’r peggio. Sei ’na merda. oh. Te fai le canne co’ ’n pezzo de carta che c’è scritto condojanze, ’a ragazzina morta. Ma come cazzo stai! Cioè. Tiè, prendi questo. È ’n bijetto der treno. Sì, so’ nnato a Bologna ’na settimana fa, a trovà ’sta Chiara. Sì è caruccia sì. Studia. Me fa rosicà certe vorte che me coregge ’e cose che dico, infatti all’inizio j’avevo pure scritto quarche mail, ma lei scrive tutta in italiano preciso, e a me me dava ar cazzo, allora je telefono, no, che è mejo, se capimo.

L’hai sentita che pare che je danno le case nuove a artri zingari qua? Ma dimmi te Vertroni che cazzo cià in testa? Mo ce vado io a casa sua co’ certi che conosco io e gli rubbo a casa, come se la rimagna ’st’idea de mettece artri zingari qua, ma stai a scherzà. Ma che cazzo stai fa’ co’ st’accendino? Stai a giocà? Madonna, se la vojo fa finita co’ ’sta situazione der cazzo. Me rode er culo per uno svario di motivi. Me rode troppo er culo per quello che è successo… Io cor Paglia l’anno scorso, d’estate, ce stavo tutti i pomeriggi a parlacce. Cioè era tipo mi’ fratello. Cioè mejo de’ quoo stronzo de mi’ fratello. L’hai fatta ’sta canna, sì o no? Che stai a giocà coi messaggini? Ma porca troia. La cosa che mi fa più rodererculo è che se non voj smerdatte come se so’ smerdati loro, devi tajà i ponti. Non li devi più sentì. Devi fa finta che so’ morti. È l’unica. Passamela ’n attimo. Che merda. Dimmi te che se non è ’n segno che mo ce tocca ’sto fumo de merda.

Pubblicato su “Accattone – Cronache romane”, gennaio 2004.

  2 comments for “Domani sarà peggio

  1. mamma marcia
    28 gennaio 2004 at 22:34

    parlano come celentano parlava in “er più” (storia d’amore e di coltello). lo stesso romanesco fasullo.

  2. non è "romanesco"
    30 gennaio 2004 at 13:07

    a ma’,
    pensi che il romanesco sia quello del Belli oppure (cosa del tutto diversa) dei personaggi di ppp? fatti un giro a Quartaccio.
    per me, bravi Giagni e Raimo

Comments are closed.