Articolo precedente
Articolo successivo

Fatti diversi 3

Fratello Ferrara, Sorella cultura (Trobadori Vari remix)

grosz2.jpg

Volentieri trasmettiamo

Serpeggia lo scontento
Al gran ricevimento:
S’ascolta Ceccatty
Raccontar l’ Italy,
Ma l’ausonio istituto
Intanto ha l’oste muto

Via studio “sonnolento”,
Ricerca, sogno lento
Via libri ch’eran qui
Subentri Yes al sì!
Ma l’italo istituto
Intanto ha l’oste astuto.

Venga di Parma il vento!
Viva l’investimento!
Scaccino euro e bobò
La cultura del “no”.
Ma intanto l’oste muto
Si frega l’istituto…. Hélas

da il manifesto (22-01-2004) : « I corsi di lingua dell’Istituto italiano di cultura di Parigi, che conta circa 850 iscritti, sono stati sospesi di punto in bianco: così il secondo semestre non avrà luogo. Gli studenti hanno ricevuto una lettera, datata 12 febbraio, dove il neo-direttore Giorgio Ferrara informa che alla fine del primo semestre, all’inizio di febbraio, i corsi saranno sospesi e riprenderanno solo nell’ottobre 2004. »

libenter enviamme

L’est com nu me cùntentàr
et prinzeas et cunti de li cunti podestà
la skiumme de la tête pour la fête
gossip de lu stival sinon si’ bête
ke l’Estens de l’Ostens n’da lu stand by
seria sina palabra et diz hallo good bye

Ka futte et futte d’estudiar lenteza
recherche -c’est du tiemp perdu- nespa’
ke la cave lu vin devria tenir en freza
et lu papier et lu plombo loin de là
ke l’Estens de l’Ostens curria da ka e da la
seria cum la furbeza à dir voilà

Ke la vaca c’est magra et lu tiemp l’est trist
tenia lu Bot et c’è rimaste kiste
quel veulent ceux qu’ils disent allez resiste
comme pour ir aux toilettes quan ce scapa
ke l’Estens de l’Ostens nun tena capa
et portes à l’nstitut lui kiure et nun arapa
-ohi maro’

da il manifesto (22-01-2004) : « Gli insegnanti denunciano dunque la rottura del «contratto morale» che esisteva tra l’Istituto e gli insegnanti. Il sospetto è tale, rispetto ai progetti di Giorgio Ferrara – che vuole abolire i tradizionali programmi culturali per sostituirli con «eventi» puntuali – che corre persino voce che anche la biblioteca Italo Calvino (40mila volumi, in parte lasciati dalla vedova dello scrittore, più una videoteca e una raccolta di cd musicali) verrà spostata. C’è chi sostiene che al suo posto verrà costruita una cucina, per i ricevimenti. L’ambasciata smentisce categoricamente.»

Disinfestazzione

C’era ‘na vorta ‘n posto de prestiggio
pé’ ‘mparà de la lingua nostra l’arte
la ggente ce veniva da ogni parte
avanti che sbottasse sto litiggio

« Fôra tutti i batteri de curtura ! »
sbraitano li nôvi caporioni
« Sterilizzamo tutti li saloni
dai parassiti d’aa letteratura

vermini e bacarozzi d’aa poesia !
via tutto sto vecchiume da l’ambiente
fâmo largo a la classe intraprendente
ch’er dio mercato facci pulizzia !

venghino arfine i nani libberali,
deregulesci e parmalattivisti
saltimbanchieri & stokopzionisti
pe la rinascita dei vecchi locali ! »

Davanti a st’argomenti de gran moda
l’opposizzione cià la vita dura
maneggia finemente la scrittura
n faccia a sti bestioni senza coda…

Richiama all’arte, tradizzione e storia
chi è annato a scola de furtoaggravato :
dïalogo coi sordi assicurato
che sanno solo baccajà la bboria.

La morale, mannaggia, è mi conzenta !
la mejo ggente rischia d’esse muta
Socrate s’aribbeve la cicuta
e forza itaglia i capitali aumenta.

(Pariggi, dumilaequattro)

da una lettera-petizione di Francesco Forlani, professore all’Istituto Italiano di cultura « Ce changement d’orientation nous promet-il une programmation événementielle, où l’on retrouvera l’éternel cercle restreint des parvenus, mafieux, nouveaux riches et intrigants, réunis autour d’un riche buffet préparé – qui sait? – dans les locaux mêmes où il était possible de trouver tout le cinéma de VISCONTI et ROSSELINI, les matériaux de RAI International et tant d’autres traces de notre histoire que l’on voudrait oublier? Quelle “radicale réorganisation” est-on en train de nous préparer ? »

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Bravo Andrea, mi sei proprio piaciuto! Sarcasmo, vis polemica (a parte la bravura del poeta, ovviamente)capacità d’inventarsi una lingua… Bei versi poetici, ultimamente su Nazione Indiana!!!
    Complimenti.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Autenticità e poesia contemporanea # 3

di Marilena Renda
...Personalmente trovo molta più verità poetica nei saggi e nei romanzi che nella poesia, e più ancora nella forma del saggio narrativo; ci trovo spesso una verità al grado zero, non inquinata dagli sfarfallii e dalle sovrastrutture estetiche che spesso usiamo per raccontare la verità con il risultato a volte di evitarla, di nasconderla.

Il contenitore è il suo contenuto: su “Stellare nero” di Alessandra Greco

di Antonio Devicienti
...tale caleidociclo si [chiama] "Stellare nero" (Benway Series, Colorno, Tielleci 2023), autrice Alessandra Greco, solido geometrico complesso, ma di pochi grammi di peso, capace di caricarsi, nello sguardo e nella mente di chi guarda e legge, d'una densità concettuale ed estetica particolarmente suggestiva...

Il voto francese che interessa tutta l’Europa

di Andrea Inglese
A sentire qualche amico italiano, la situazione francese è davvero preoccupante, perché l’estrema destra francese non è come quella italiana, in fondo moderata e “bonacciona”, come il nostro popolo che sembrerebbe intrinsecamente inefficace anche nel fare il male.

Su “Scritture verticali. Pizzuto, D’Arrigo, Consolo, Bufalino”

di Mariano Baino
Riguarda la prosa di quattro grandi “irregolari” della letteratura italiana contemporanea questo studio di Gualberto Alvino: quattro autori «d’eccezionale competenza linguistica e consapevolezza estetica», i quali «lavorano al trivio fra prosa, poesia e speculazione lato sensu filosofica...

L’antologia di RicercaBO

di Leo Canella
E' in uscita l'Antologia di RicercaBO (2007-2023) da Manni Editore a cura di Renato Barilli e Leonardo Canella. Che io Barilli so chi è ma l'altro? Canella c'ha due sopracciglia pelose due bruchi bellissimi che vatteli a vedere su Google. Metti Canella.

La caduta

di Walter Nardon
E così arrivò anche la caduta. Del tutto inattesa, simile a una perdita d’attenzione che non si può recuperare e che poi, vista da vicino, si mostra spaventosa. Una messa in minoranza nel consiglio di amministrazione del Comitato Promotore di Sviluppo lo aveva indotto a presentare le dimissioni.
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Il rumore è il messaggio, Diaforia, 2023. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Stralunati, Italo Svevo, 2022. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: