Articolo precedenteMeditazioni joxiane #3
Articolo successivoLampi orizzontali

25 aprile

di Giuseppe Caliceti

25apr.jpgFare un giro in bicicletta…. E’ un modo serio di festeggiare i nostri martiri, questo? Mah. E’ come se durante una messa si cominciasse a giocare a nascondino davanti all’altare!

Ma questo non è un giro in bicicletta qualsiasi, Ivan. Il percorso tocca i cippi partigiani della provincia… I cicloturisti rimangono fermi un minuto ai bordi della strada…

Per me è solo un giro in bicicletta… A una vera manifestazione politica non c’è bisogno di distribuire medaglie e panini a tutti!

Il fiume colorato di cicloturisti passava otto lo striscione del XXI Trofeo della Resistenza e piazza Zanti si riempiva di colori e grida che si inseguivano nell’aria primaverile. Calzoncini neri aderenti, cappellino con visiera, i cicloturisti smontavano dalle loro biciclette e prendevano d’assalto il Caffè Centrale.

In Italia ormai non c’è più nessuno che insegna veramente ai giovani come sono andate le cose in passato… Nessuno parla a mio nipote dei sacrifici, delle lotte, dei morti seppelliti per raggiungere la libertà e l’uguaglianza! Nè i genitori né gli insegnanti!

Ci sarebbe bisogno di nuovi educatori comunisti, Palmiro. Hai ragione. Gente capace di insegnare le conquiste positive dell’umanità! Invece ai ragazzi si fanno studiare i fatti e le persone peggiori. Guerre! Dittatori! Re! Regine! Bombe! Traditori! Pestilenze! Pazzi criminali come Hitler o Mussolini che hanno procurato morte e dolore a migliaia di persone!

I compagni pensionati erano seduti in un tavolino d’angolo della distesa del Caffè Centrale. L’altoparlante chiamava squadre e partecipanti sul palco. Vennero premiate le squadre arrivate più numerose al traguardo, quelle che venivano da più lontano. Vennero premiati i corridori più veloci, più lenti, più giovani, più anziani, i non vedenti sui tandem gialli, arrivati al traguardo con la loro guida. E per tutti c’era comunque la medaglia ricordo.

Terminate le premiazioni agli sportivi, iniziarono quelle ai partigiani. Poi salirono sul palco il giovane sindaco di Cavriago e un pezzo grosso dell’Anpi nazionale che cominciò a parlare di pacificazione nazionale tra antifascisti e fascisti e invitò la folla di cicloturisti a chiudere per sempre la parentesi della Resistenza e a ricomporre un’unica storia nazionale, fascismo compreso. Libero e i suoi amici protestarono.

CHI NON HA FATTO LA GUERRA NON SA COSA VUOL DIRE FARE LA PACE! I FASCISTI ESISTONO ANCORA!

E COI FASCISTI NON C’E’ NESSUNA PACIFICAZIONE DA FARE!

LA REVISIONE DELLA RESISTENZA E’ SOLO FANGO GETTATO SU TUTTI I PARTIGIANI!

STATE RIMETTENDO LA CAMICIA NERA ALL’ITALIA! VERGOGNA!

____________________

Dal romanzo Il busto di Lenin, Sironi, 2004.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

LINA MEIFFRET partigiana e letterata, amica del giovane Calvino.

di Daniela Cassini e Sarah Clarke
Tra le tante storie incontrate, in un campo largo che ha unito intenti e percorsi diversi, abbiamo voluto approfondire con curiosità e passione la storia di una figura rimasta ai margini...

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.

25 aprile 2021 Canteremo ancora… [tracce di un’altra vita]

di Orsola Puecher
La piccola targa di ottone è ancora là, incastonata nel marciapiede, lo è stata nel silenzio e nella solitudine delle strade deserte e del lockdown. Testimonia lo stesso e rende onore a chi tomba e sepoltura non ha potuto avere.

Partigiani d’Italia

E' online e consultabile dal 15 dicembre 2020 lo schedario delle commissioni per il riconoscimento degli uomini e delle...

La Parigi occupata di Sartre

di Diana Napoli

Ripercorrendo l’evoluzione del pensiero di Sartre, tutti gli studiosi hanno sottolineato il ruolo centrale, il significato di vera e propria svolta, costituito dall’esperienza della guerra

Radio Londra: Il mio nome è Gesuà sive Salvadori Moisé chiamato Marco

La faccia nascosta della luna di Mirco Salvadori racconto pubblicato sulla rivista Sud n°69 Giungevano dalla faccia nascosta della luna, non perché lì...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: