Articolo precedenteTRE DIALOGHI CON LA MORTE
Articolo successivoTre studi per Abu Ghraib

Emily Dickinson: 5 poesie

ARTEF0103-5-6.jpg
traduzione di Massimo Sannelli

1

Troppo vile la morte
Per te: un Greco lo può.
Vivere, Amore, è peggio –
E ti offro anche questo –

La Morte scarsa è morta,
Ma nella vita esiste
La Morte in molti modi,
Senza il Sonno dei morti.

*
Too scanty ‘twas to die for you,
The merest Greek could that.
The living, Sweet, is costlier –
I offer even that –

The Dying, is a trifle, past,
But Living, this include
The dying multifold – without
The Respite to be dead.

2
And this of all my Hopes
This, is the silent end
Bountiful colored, my Morning rose
Early and sere, its end

Never Bud from a Stem
Stepped with so gay a Foot
Never a Worm so confident
Bored at so brave a Root.

*
Di tutte le Speranze
Questa è la fine muta:
Molto ben colorata
Esplose la mia Alba;
Fu precoce e brutale
La fine – a lei. Un Fiore
Su Stelo non si apriva
Con un Atto migliore;

Né Verme fu più aspro
Incontro a una Radice
Che era così abile.

3
If Blame be my side – forfeit Me –
But doom me not to forfeit Thee –
To forfeit Thee? The very name
Is exile from Belief – and Home –

*
Se il Torto è mio – abbandonaMi –
Ma non dire «abbandonaMi» –
AbbandonarTi è il verbo
Che scaccia Fede – e Patria!

4
Elysium is a far as to
The very nearest Room
If in that Room a Friend await
Felicity or Doom –

What fortitude the Soul contains,
That it can so endure
The accent of a coming Foot –
The opening of a Door –

*
L’Eliso non è più
Diviso dalla Stanza
Vicina: oggi un Amico
Attende in questa Stanza
Il Piacere o la Pena –

Quanta fortezza
Contiene l’Anima
Per sopportare
Nel Passo il ritmo –
Nell’Uscio l’aria –

5
It’s like the Light –
A fashionless Delight –
It’s like the Bee –
A dateless – Melody –

It’s like the Woods –
Private – Like the Breeze –
Phraseless – yet it stirs
The proudest Trees –

It’s like the Morning –
Best – when it’s done –
And the Everlasting Clocks –
Chime – Noon!

*
È come Luce,
Delizia informe –
E come l’Ape –
Melodia eterna –

E come i Boschi
Intimi e l’Aria
Muta che agita
Gli Alberi alti –

Come il Mattino
Bello – alla fine –
E gli Orologi
Danno immortali

Il Mezzogiorno!

(immagine di Robert Rauschenberg, Memorandum of Bids, 1956)

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. traduzione e telepatia (attraverso i secoli)… mi ha sempre colpito la perizia metrico/ritmica di sannelli, è bello vederla esprimersi anche nelle sue traduzioni. magari ne abbiamo qui, in e. dickinson, un antecedente possibile.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

22 dicembre 2015: silvia tripodi al teatroinscatola, blitzvorlesungen / gammm

2006—2016 BLITZVORLESUNGEN PER I PRIMI DIECI (e i prossimi cento) ANNI DI GAMMM BLITZVORLESUNGEN = letture lampo  _  in un numero imprecisato di date PRIMA DATA : martedì 22 dicembre, h....

Proprio qui, tra stato di natura e stato di grazia

di Giuseppe Zucco Un'intervista-dialogo con Nicola Lagioia su La Ferocia Al contrario dei tuoi precedenti romanzi, Occidente per principianti (Einaudi, 2004)...

Poeti degli Anni Zero a Milano

giovedì 21 aprile 2011 ore 21 alla Casa della Poesia di Milano Palazzina Liberty Largo Marinai d'Italia 1 Poeti degli Anni Zero (un’antologia) serata...

Poesia fuori del sé, poesia fuori di sé

Poesia fuori del sé, poesia fuori di sé / Vincenzo Ostuni Nella premessa collettiva a Parola plurale, senz’altro la migliore...

Poeti degli anni zero all’Esc

POETI DEGLI ANNI ZERO Venerdì 25 febbraio 2011, alle ore 18:00, Walter Pedullà, Massimiliano Manganelli, Francesco Muzzioli, Tommaso Ottonieri e Vincenzo...

Emily Dickinson «Ho sentito la vita con entrambe le mani». Firenze 10-18 dicembre

180° anniversario dalla nascita Venerdì 10 dicembre • 15,30-19,30 Palazzo Medici Riccardi, Sala Luca Giordano Via Cavour 1 IL CERVELLO È PIÙ...
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: