Le scimmie… (52)

16 novembre 2004
Pubblicato da

di Dario Voltolini

Depps.jpg

[Immagine dedicata a G.F. cara amica. D.V.]

(mentre invece quando ha le scarpe appoggia di lato
esterno e consuma tutte le suole
sghimbesciamente ma simmetricamente)
e sente il colpo del terreno
propagarsi su fino all’anca e gli sembra un gesto salubre
ogni tanto bisogna andarsene in giro scalzi
e quella volta al ristorante?
dove lei parlava di quei nuovi mocassini high tech
come?
non li conosci?
ma eppure tutti sanno che
(il nome era strano e con una k)
poi per propagazione
ci sarebbero sicuramente stati calzini high tech
e pantaloni
e mutandoni high tech
tessuti che sparano fuori gli umori e trattengono gli aromi e
incamerano profumi di fiori
climatizzandoti per bene
che non lo sai nemmeno tu
ah be’ se solo fosse vero (pensaci un momento
magari dietro ogni consiglio per l’acquisto può per
caso nascondersi una vera qualità
della cosa)
che una fibra costruita da noi
secondo i nostri calcoli e progetti
potesse funzionare con questi complessi lasciapassare
in barba alla dinamica del calore
e a quella dell’odore
del sudore
ma restando ai mocassini
poi li abbiamo visti in una vetrina
ti ricordi?
e ci è venuto in mente tutto quanto il ristorante
in cui discorrevamo
fra un antipasto e un primo
dovete sapere che è un ambiente (due stanze)
stipato di orologi (di tutti i tipi
pendole cucù padelle tutto) lungo e largo le pareti
e a me piace l’acqua mescolata
all’aria quando scende nel lavello
che ci si china per lo sciacquo della bocca
e che mi fa venire in mente la materia
tutta indifferenziata ai box della partenza
tenuta in sospensione da tutta la pressione
che poi la spara in ogni direzione prima ancora
che dell’esistenza della stessa direzione
qualcuno potesse dire qualche cosa
ben prima (molto prima
di ogni specifica situazione)
dell’organizzazione in foresta dei fusti degli alberi
tesi al cielo come ciminiere
sparsi in aria come i bronchi dei polmoni
in calco negativo
fuori contro dentro

Tag:

10 Responses to Le scimmie… (52)

  1. gabriella il 17 novembre 2004 alle 01:36

    Dài, non pensavo l’avresti messa!
    Ora che la par condicio è stata ripristinata, posso continuare nella lettura…oh mio caro pescator dell’onda! ;-)

  2. Lucio Angelini il 17 novembre 2004 alle 09:03

    Cristo santo Fuschini, possibile che lei si innamori di un babbeo come Johnny Depp? Un po’ di tregua e di stile per favore! Si legga Il capro espiatorio e Il sacrificio di René Girard, magari trova spunti per uscire dall’impasse. Guardi glielo dico con profondo rispetto.

  3. gabriella il 17 novembre 2004 alle 12:14

    :-p Vede Angelini lei è un po’ pesante ma in fondo è simpatico! Ho riso di gusto per due minuti. I libri che le ho consigliato sono attinenti al suo problema di vittima del bullismo editoriale…non sto scherzando lo credo seriamente. Ovviamente li ho già letti, se no come potevo consigliarla? Ora giunta alle soglie della maturità, non sono certo innamorata del Depp, però vede voi maschietti siete andati in estasi per due foto di femmine messe lì da Scarpa e Voltolini e io mi sono detta e perché mai non dovrebbe starci una foto di maschio piacente e belloccio? Abbia pazienza, ma cosa vuole che mi stuzzichi vedere una donna seminuda? Molto meeeeglio così… non trova caro Angelini? In realtà sono innamorata del Voltolini ma lei non lo dica a nessuno, ché è un segreto! ;-)

  4. Lucio Angelini il 17 novembre 2004 alle 12:37

    Cara Gabriella, l’essere rimasto vittima di una Grande Diabolica Congiura da parte del MUER (Megere Unite Editoria per Ragazzi) non è una mia fantasia. Pensi che la Fatucci, nella sua FURIA talebana e devastatrice, oltre che nella sua PROSOPOPEA, è arrivata persino ad espungere TUTTI I MIEI TITOLI dal catalogo EL/Emme/Einaudi Ragazzi, affinché non restasse più traccia di me come scrittore.
    Le copertine dei volumetti da me pubblicati sopravvivono solo in fondo al sito:
    http://www.librimoltospeciali.com
    Detto ciò, voglio che tu sappia (ma sì, ti dò del tu, visto che potresti essere mia nipote) che tale INCREDIBILE MA REALE disavventura NON E’ PIU’ UN PROBLEMA per me, visto che ora mi occupo più che altro di traduzioni e di alpinismo. Non serve, quindi, che legga i libri da te suggeriti.
    Quanto a Johnny Depp, l’ho visto al Lido di Venezia in carne e ossa, vestito da cowboyone e con una melensissima faccia facciosa. Niente di che, credimi. Fai bene a preferire Voltolini, anche se, darwiniano com’è, vede scimmie dappertutto. Bisogna difendere il prodotto italiano.

  5. Lucio Angelini il 17 novembre 2004 alle 12:39

    chiedo scusa per le ripetizioni (visto, visto, visto)

  6. gabriella il 17 novembre 2004 alle 13:11

    Guarda Lucio, che io non penso affatto che sia una tua fantasia, non l’ho mai pensato. :-)
    Sì, bisogna difendere il prodotto italiano, soprattutto in letteratura!

  7. Franz Krauspenhaar il 17 novembre 2004 alle 14:13

    Si, la letteratura metodo champenois…;-)

  8. me' coglioni il 17 novembre 2004 alle 16:19

    A Voltolì, Ionnidep è mejo de Zorro, ma lo trovi quarcuno mejo de Pulcinella?

  9. Lucio Angelini il 17 novembre 2004 alle 18:40

    Scusi, Me cojoni, lei è un troll di bassa o di alta lega?

  10. dario il 18 novembre 2004 alle 02:37

    Non capita spesso di fare innamorare di sé donne come la Fuschini utilizzando immagini del Depp. Grazie Johnny, sei un amico.



indiani