Articolo precedenteL’afferramento
Articolo successivoVicino a Parma

La via lattea 4

di Franco Arminio

Galassia.jpg

Dentro il corpo non ci sono parole.

Le prendiamo fuori.

Costano moltissimo

le migliori.

*

La magnifica onestà delle cose

certe volte mi coglie all’improvviso

nonostante non dica niente

e non mi faccia un sorriso.

*

Io vengo dalla spina dorsale

delle farfalle

e oggi, sedici marzo,

ho piccoli pesci

nelle tasche

usciti dalle prime vene

che si scongelano.

*

Forse sarà questo lo sbaglio:

camminare con le scarpe nel bagaglio.

*

Questa è la prima volta

che finisce l’inverno

e dovrà finire molte volte ancora

prima di finire veramente.

*

per a.p.

1.

Se tu fossi vicino a me

come io sono vicino alla morte

immediatamente mi avresti aperto

la porta.

2.

Non c’è una sola finestra

in questo universo,

a parte i tuoi occhi.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Costano moltissimo ma a noi le regali. La loro magnifica onestà ci coglie ogni volta di sorpresa.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Antenati a Costantinopoli: come il Risorgimento italiano è sbarcato in Turchia

Antenati a Costantinopoli ricostruisce le reti di relazioni, spesso dimenticate, tra Risorgimento italiano e riformismo ottomano, permettendoci di fare paralleli continui tra la recente attualità politica in Turchia e in Europa...

Su “Memory Box” di Joana Hadjithomas e Khalil Joreige

di Roberto Todisco
Il giorno della vigilia di Natale, a Montreal, a casa di una famiglia composta di sole donne (nonna, madre e figlia) arriva una misteriosa scatola. [...] Il pacc arriva da Beirut, la città da cui Téta e sua figlia sono fuggite durante la guerra civile libanese degli anni ottanta.

Note a margine della ferita

  di Lorenzo Orazi   Lucio Fontana, Concetto spaziale. Attese   I Detesto avvicinarmi all’arte per un senso del dovere che intende costringermi alla conoscenza. Non...

L’intellettuale marxista Franco Fortini

di Velio Abati
Eppure, le parole pacate di Muraca generano attrito; irrompono da un altro tempo. In effetti la critica intervenuta ci ha via via consegnato approfondimenti filologici, meritori studi accademici che mentre valorizzavano e precisavano la figura di poeta e di letterato fino alla posizione di classico, sfuocavano la funzione intellettuale e segnatamente militante, politica di Fortini.

Il romanzo enciclopedico

di Marco Drago
Il 26 maggio sarà in libreria "Ferrovie del Messico" di Gian Marco Griffi. Il romanzo, ambientato nel febbraio del 1944, racconta l’avventura di Cesco Magetti, un milite della Guardia nazionale repubblicana ferroviaria che riceve l’ordine di compilare una mappa delle ferrovie del Messico. Riproduciamo qui la postfazione di Marco Drago.

Post in translation: Rim Battal

di Rim Battal
tradotte dal francese da Angelo Vannini
e tratte dalla raccolta L’eau du bain, Éditions Supernova, 2019.
Puzza di bruciato
Sono giorni che puzza di bruciato ma non c’è alcun fuoco. Puzza di bruciato e non nella mia testa e non un’immagine.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: