Articolo precedente1945-2005
Articolo successivoIl lavoro capovolto

La luna dei Borboni

di Vittorio Bodini

muro.jpg

Quando tornai al mio paese nel Sud,
dove ogni casa, ogni attimo del passato
somiglia a quei terribili polsi di morti
che ogni volta rispuntano dalle zolle
e stancano le pale eternamente implacati,
compresi allora perché ti dovevo perdere:
qui s’era fatto il mio volto, lontano da te,
e il tuo, in altri paesi a cui non posso pensare.

Quando tornai al mio paese nel Sud,
io mi sentivo morire.

da Foglie di Tabacco (1945/47) in La Luna dei Borboni ed altre poesie (Milano, 1952)

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. non dovrebbe essere necessario venire nel salento per conoscere Bodini.. non trovate?!
    terribile il fatto che sia “quasi” un caso vedere un post del genere in un contesto del genere…beh quanto meno è un inizio…

  2. 1)Chi? Who?
    2) Cosa? What?
    3) Quando? When?
    4) Dove? Where?
    5) Perché? Why?

    1) Un tizio migrato al nord
    2) a) Capisce perché debba perdere qualcuno/a b)Si sente morire
    3) Quando torna al sud
    4) Appunto nel sud dove si è fatto il suo volto
    5) Perché il volto dell’altro/a si è fatto altrove

    Commento: ah, sì, moglie e buoi dei paesi tuoi.

  3. “La Luna dei Borboni col suo viso sfregiato tornerà sulle case di tufo, sui balconi”.
    …Tutto cambia perchè nulla cambi…

  4. comunque, attualmente, l’intera opera di Bodini è edita dalla “coraggiosa” Besa editrice di Nardò…
    scrivo questo visto che l’edizione citata credo non sia proprio una delle ultime … (foglie di tabacco ’45/47)…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

‘O paese

di Giorgio Sica
Ispirato dalla poesia che canta il ritorno al paese, al selvaggio borgo natio che assurge a luogo di purezza ed eroico furore, dove poter amare davvero la donna, liberata dalla retorica stilnovista e tornata finalmente femmina, ho composto un piccolo ciclo di componimenti

Willy e luglio

di Arjuna Cecchetti
Okay, vederla tuffarsi dal pontile non era da mozzare il fiato, le mancava qualche curva nei punti giusti, per lo stesso motivo non mozzava il fiato nemmeno quando risaliva spingendo con le braccia sulle tavole di legno.

Giamaica e malinconie

di Nick Casini
A Winnifred Beach c’è una signora che prepara zuppe bollenti. Non è Cynthia - la ristoratrice che compare con Anthony Bourdain in un episodio di Parts Unknown - ma un’altra signora. Gestisce un chiosco a dieci metri dal mare

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

Vasyl’ Stus e Marina Cvetaeva

di Ornella Tajani
Nella collana DieciXuno di Mucchi dedicata alla traduzione poetica [...] è uscito stavolta un volumetto dedicato non a uno ma a due poeti: l'ucraino Vasyl' Stus insieme a Marina Cvetaeva

Jova Instant City?

di Alberto Giorgio Cassani
Non so se qualcuno l’abbia mai notato o scritto, ma Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, col suo Jova Beach Party ha realizzato l’ultimo degli iconici progetti utopici usciti dalla mente megastrutturale degli Archigram: mi riferisco al celebre progetto di Instant City.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: