L’educazione dei cinque sensi

4 ottobre 2005
Pubblicato da

Nell’ambito di
Absolute Poetry
October Poetry Festival
Monfalcone 2005
www.absolutepoetry.org

8 ottobre

17,30
Galleria d’Arte Contemporanea

Xadrez de Estrellas : Luciana Stegagno Picchio, Daniela Ferioli e Massimo Rizzante presentano la prima antologia italiana dell’opera di Haroldo de Campos
L’educazione dei cinque sensi
a cura di Lello Voce e con note di Umberto Eco e Augusto de Campos
Metauro editore
Lettura bilingue di Arnaldo Antunes e Lello Voce.

*

Haroldo de Campos (São Paulo, 1929-2003) è stato uno dei protagonisti della poesia del secondo Novecento. Fondatore agli inizi degli anni ’50 con il fratello Augusto e con Pignatari della poesia concreta e della rivista Noigandres, poeta, traduttore, critico e storico della letteratura, de Campos ha inciso profondamente sulla cultura brasiliana, grazie soprattutto alla sua instancabile esplorazione delle tradizioni e delle avanguardie di tutto il mondo. Da Stockhausen a Caetano Veloso, da Roman Jakobson a Jacques Derrida, da Octavio Paz al Gruppo 63, da Pound alle nuove leve della musica brasiliana, sono moltissimi gli intellettuali, gli scrittori, i poeti e gli artisti con cui de Campos ha collaborato, lasciando sempre una traccia indelebile della sua poesia, sospesa acrobaticamente tra eccesso barocco e geometrica essenzialità. Questa antologia, che contiene testi che vanno dal 1949 al 2000 – comprese alcune “transcreazioni” dantesche – è la prima raccolta poetica pubblicata in Italia e colma un vuoto sorprendente, visto l’amore che Haroldo de Campos ha sempre rivolto alla poesia italiana. Il libro è accompagnato da due brevi ricordi di Umberto Eco e Augusto de Campos e da un saggio introduttivo di Lello Voce.

One Response to L’educazione dei cinque sensi

  1. zangrando il 5 ottobre 2005 alle 16:09

    Questo mi sembra il post adatto per ricordare che anche a Bolzano, la settimana prossima, si terrà una manifestazione poetica: un “poetry slam” patrocinato da Lello Voce e ravvivato dalla presenza, tra le altre, del nostro Francesco “effeffe” Forlani – il quale non mi ha neanche avvisato che sarebbe capitato “en tournée” nella mia città natale, il cattivone.
    Più notizie in merito alla pagina http://www.parolemigranti.org



indiani