Articolo precedenteIntervista a Giacomo Sartori
Articolo successivoPrimum vivere

R.V.P /*! Marcos Saya

l-interruttore2.JPG
immagine di Davide Racca
La tecnología

Un mouse
Un keyboard
Un modem
Un monitor
Un floppy
Un cd-rom
Una workstation
Los miro
Los utilizo
Los exploto
Tengo compasión por ellos…
Sí…el retorno a los orígenes…
Pero…dónde está la gente?
Se ha perdido entre los cables?
Tragada del propio silencio?
Gente ruin…tiene miedo de hablar!
De encontrarse cara a cara
De comunicar con los ojos
Terror de una boca que te responde
Gusanos roídos por la indiferencia ajena
siempre más solos golpean las habituales teclas

De…
A…
CC…
Subject…
Envia

www.poesiaoggi.splinder.com

* Riceviamo e Volontieri Pubblico (RVP)

12 Commenti

  1. “Encontrarse cara a cara” me gusta mucho. Gracias.

    p.s.

    Pero tengo miedo de la boca de db que me responde hablando.
    Solo quiero de comunicar con los ojos.

  2. Amada sea F-(eder)-ica que sola me entiende y vuelve a mi corazon. No hay un instante que no pueda ser el paraìso bajo la pulsaciòn de su sangre. La carne tambien busca el fin aquì.

  3. Questa mia riflessione è nata ,qualche anno fa , sul mio posto di lavoro, triste, un mega openspace dove si sente solo il ticchettio dei tasti…non si sente una parola, si comunica con il proprio collega distante 50 cm con una mail…, ogni tanto squilla il telefono, una rara occasione di sentire una voce al di là dell’etere…. Sembra quasi che l’umanità si stia “assemblando” con le macchine. Quale il futuro per la comunicazione? Che tipo di comunicazione, poi, oggi già così clonata? Un caro saluto a tutti. Marco Saya

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LETTERA AL PRESIDENTE DELLE FERROVIE

di Paolo Codazzi
Caro Presidente, mi conceda il tono affettuoso e confidenziale apprendendo di recente che pure lei è originario della mia terra nella quale ancora serenamente vivo

Etty Hillesum: rose malgrado tutto

di Lorenzo Orazi I Una fede totale nei maestri Amsterdam, 1942: ottenere un impiego presso il Consiglio Ebraico rappresenta, per molti, la...

Il revival del teatro dell’assurdo nell’Italia contemporanea

di Giorgio Mascitelli Attualmente il dibattito pubblico del paese è saldamente incistato in una situazione nella quale una minoranza definisce...

Inavvertita luce

di Annachiara Atzei Dopo aver tentato tutto simulare la neve – essere neve. L’unico tuo segreto è fare a pezzi, asportare fegato rene cuore: qualcuno verrà a riconoscerti.

Luigi Ballerini, teorico e critico della poesia

di Giorgio Patrizi
Questo saggio è tratto da Il remo di Ulisse. Saggi sulla poesia e la poetica di Luigi Ballerini, a cura di Ugo Perolino, Marsilio, 2021.

Dioniso e Adorno. La musica e il dominio

Di Daniele Barbieri. Ho comperato La vendetta di Dioniso. La musica contemporanea da Schönberg ai Nirvana, di Marco Maurizi (Jaca Book 2018), non tanto un libro di musicologia, quanto un libro di filosofia nella tradizione di Adorno: perché mi ha dilettato, perché mi ha irritato.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux