Anna Politkovskaya (1958-2006)

aut-62.jpg

Per poter leggere tutti gli articoli di Anna Politkovskaya apparsi su Internazionale collegarsi qui.

Mirumir traduce oggi l’inedito “una condannata” della Politkovskaja apparso ieri sul Guardian.

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. Luisa, non facciamo i funerali in anticipo, aumenta solo l’insicurezza dele persone che vengono minacciate. Redeker vive sotto protezione in una località segreta, Saviano è vivissimo e conduce una esistenza normale.

  2. E va bene… quelli che lavorano e si fanno il cu*o muoiono più o meno in pace senza troppi disturbi, li piangiamo quando non ci sono più – uno tra tutti Pasolini – vogliamo le inchieste, documentazioni, prese di posizione… ma quando sono ancora vivi li lasciamo soli… Roberto Saviano cammina e si guarda intorno… racconta quello che vede… non lascia nulla in sospeso… conosce i nomi e li indica… altro che eroi e medagliette. E’ un uomo!

  3. @ jan
    certo non voglio fare funerali in anticipo, solo osservare che per un motivo o un altre en europa la liberta di espressione e gravemente colpita. So che non e nuovo ma non e un motivo per stare zitto anche per redeker nonostante la sua protezione.

  4. @jan
    Il Tg5, la stampa e la comunità accademica hanno stigmatizzato le intimidazioni a Roberto Saviano. Ma non basta sensibilizzare l’opinione pubblica. Prima o poi i giornali abbasseranno la guardia. Per questo va bene la scorta, ma non basta. Lo Stato deve mettere Saviano nella condizione di continuare a svolgere il suo lavoro.

    I politici e le Forze dell’Ordine devono proteggere chi vive inseguito, braccato, minacciato. Non bastano il coraggio della cittadinanza e la mobilitazione del Branco, è lo Stato che deve fare la sua parte.
    Il messaggio deve essere chiaro: questo non si tocca. Un’altra telefonata e scatterà la ritorsione: magari un bel sequestro preventivo di ville abusive e cocaina. Qualche tonnellata di euro in meno. Sappiamo chi siete, conosciamo nomi e cognomi. Verremo a prendervi nella Jacuzzi mentre la pupa vi spupazza il pupo. Palle mosce. Omini ‘e merd’.

    Aspettiamo che la notizia si sgonfi, che la campagna stampa faccia il suo corso, poi avanti nel sottobosco camorrista. La Pula attivi la sua rete di pentiti, pappa e spacciatori, vediamo dove ci portano gli informatori. Mettiamo le manette al corvo che si diverte a gracchiare per telefono. Uno uscirà, basta pescare nel mucchio e pestare con qualche trucco.

    Nell’ombra, qualcuno sta osservando, aspetta una reazione. Forse teme il pugno della legalità. Non deve semplicemente temerlo, deve essere certo di prenderlo, possibilmente in piena faccia. Circondate i Casalesi. I diritti civili Sandokan se li deve guadagnare. E un’altra cosa. Visto che ormai si parla di bestseller, l’editore di Gomorra pensi a difendere i diritti dei suo autore (security, agenzie investigative, intelligence privata). La legalità prima delle letteratura.

  5. Segnalo a chi interessato che Claudio Napoli ha tradotto per http://www.sguardomobile.it uno degli articoli più importanti della Politkovskaja sulla questione cecena (di cui Internazionale aveva pubblicato le conclusioni propositive) e un pezzo di commento di Oleg Kashin uscito su “Vzgljad” nei giorni successivi all’omicidio.

  6. Perchè per la Sgrena, per fortuna viva e vegeta, si è mobilitato l’impossibile e per la Politkovskaja si è detto così poco? Mi riferisco alla tv e alla politica. Spero sia solo questione di tempistiche televisive e che presto arrivino anche a noi corposi reportage su quello che cercava, ha trovato e per cui è stata uccisa. Ho la sensazione che politica e televisione siano sempre più colpevolmente in ritardo rispetto alla testa delle persone.

  7. @ dominique
    penso che la tempistica televisiva c’entri poco, è di indifferenza che si tratta. ad esempio, mi domando, come mai il blog di NI sulla giornalista russa sia così povero di commenti? vedi, siamo noi i primi a fare e dire poco, non imputiamo ad altri colpe nostre…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Racconti del postmitologico

di Romano A. Fiocchi
L’eleganza del linguaggio di Santoro, che è la sua cifra, contribuisce a proiettare questi brevi e brevissimi racconti – che variano da un massimo di sette pagine a un minimo di mezza paginetta – in un tempo tra il mitologico e il postmitologico.

Soldi soldi soldi

di Romano A. Fiocchi
Poema sinfonico, inteso quale intreccio di liriche di varie misure dove le parole si ripetono come motivi musicali, ogni volta modellati diversamente e sempre più vicini al perfezionamento dell’immagine.

L’orgoglio della modestia

di Gianni Biondillo
Per i razionalisti il tema era, a parità di risorse a disposizione, progettare una casa decorosa per tutti. Indipendentemente dal censo o dalla classe sociale. Era una questione etica non estetica.

Lo spettro della solitudine

di Romano A. Fiocchi
Qual è il tema portante di questo romanzo psicologico? Credo sia la nevrosi di colui che è poi il protagonista assoluto, Paolo. Nevrosi causata dall’episodio terribile a cui ha assistito da bambino.

Le ripetizioni

Gianni Biondillo intervista Giulio Mozzi
Ne "Le ripetizioni" c’è un episodio di reviviscenza della memoria che si dimostra fallace. Mario, il protagonista, ricorda perfettamente una cosa falsa: è una metafora della letteratura? Vero e falso non hanno significato, sono solo scrittura?

Ci vogliono poveri, Momar

di Romano A. Fiocchi
La scelta della forma ‘romanzo’ e la collaborazione di due autori dalle origini culturali differenti è la formula ideale per coniugare caratteristiche altrimenti in contrasto tra loro, come ad esempio il rigore della ricostruzione storica degli anni Settanta – periodo in cui si svolge la vicenda – con la semplicità quasi primordiale del linguaggio.
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Ha vinto il Premio Scerbanenco (2011), il Premio Bergamo (2018) e il Premio Bagutta (2024). Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: