Juke Box : Squallor

9 febbraio 2007
Pubblicato da

juke-box4.jpg

Ti ho conosciuto in un clubs

(Pace, Bigazzi, Savio)

Ti ho conosciuta in un clubs
Eri bellissima, ma…avevi un solo difetto
Non c’eri

Nel Millenovecentoquattromilatre, a San Gregorio
Una località che era nel giardino di casa nostra
Ti ho rivista
Non avevi un capello
E nemmeno un po’ di orgoglio
L’incontro ebbe luogo in una giornata di sole
Con il cielo coperto
Spettatori circa tre, molto severi

Quando ti ho visto in bocca
Ho capito che non avevi i denti
Ma un banco di nebbia che vagava
Ho comprato anche i fari

Ma tu non collaboravi
Mi hai morso un dito, una mano
E anche i miei capelli, per invidia
E allora ho pensato:
Chi sei?
Da dove vieni?

Otite, sei una donna o un semaforo?
Sei una donna o sei Acapulco?
Sei una donna o sei una pulce?
Rossa, con la scarlattina, con il catarro bronchiale
Anche con un po’ di febbre a 46
Sei una donna malvagia
Io non ti amo, ti odio
Ti ooodio!

Tag: ,

11 Responses to Juke Box : Squallor

  1. bruno esposito il 9 febbraio 2007 alle 18:38

    Che nostalgia. E Daniele Pace, che riposi in pace…

  2. sitting targets il 9 febbraio 2007 alle 20:01

    grandissimo daniele pace…
    ma dimme che t’aggia fa, pe fatte nammurà…

  3. Barbara il 9 febbraio 2007 alle 22:52

    Gli Squallor sono stati mitici.
    Fuori gli schemi alla grande, e troppo forti.
    Come il povero Rino Gaetano.
    Accidenti all’impianto frenante di quella Volvo 70 (o quale altro numero) che se lo portò via.
    Vediamo cosa ci combinerà Paolo Rossi a Sanremo.
    Seppure, Sitting, quel tuo napoleggiare mi ha fatto tornare alla mente anche ‘A canzuncella’ degli Alunni del Sole, che mi piaceva tanto.
    Vabbè, sì, ho capito, vado a infilarmi sotto le coperte che è meglio….:o)

  4. effeffe il 10 febbraio 2007 alle 11:14

    Gli squallor traducevano in poesia (ritmo, frasi musicali, rime) le profonde angosce della nuova società dei consumi. Curnutone, Famiglia Cristiana, e le due politiche, che seguono, la leghista

    Berta 2 il cambiamento
    Cerruti, Bigazzi, Savio

    Berta, cazzo, ti ricordi di me? Sono Umberto.
    Dieci anni fa avevo la seicento, con le cassette di Little Tony.
    Scendi giù, che me la dai, cazzo.
    C’ho un toro nelle mutande, che t’aspetta ancora.
    Guarda la seicento cos’è diventata, un’auto blu, con l’autista.
    Son della Lega

    Senti, Umberto, m’hai rotto il cazzo, che gridi con questa voce strana,
    a me che tu sei diventato senatore me pass’ manc’ p’o cazz’,
    io c’ho un uomo qua dietro di colore che fa paura,
    c’ha una cappella che quella dei funghi è ‘na mmerda,
    c’ha messo pure l’aglio sopra, che non mi piace…
    Che vuo’, che strilli, e fai, e dici?
    Che me ne ‘mporta a me che te c’hai le televisioni, a me che me ne fotte, ah…

    Vieni giù, cazzo, che sto morendo.
    Mi stanno scoppiando i pantaloni.
    Come vado in parlamento, a fare il cambiamento?
    Vieni giù… c’è anche il mio amico, Forchettini…
    Insomma, un amico… c’ha un fiatone…

    Ma che vuo’, tu e Forchettini… Jatevello ‘n culo tutt’e due!…
    Vi voglio vede’… ‘A Lega Nord, ‘a lega sud, ‘a secessione,
    ma che so’ ‘sti strunzat’e mmerda?
    Vi siete montat’ a testa? Pù! All’anima ‘e chitemmuort…
    Te e Forchettini. Ahhh… Me so’ sfogata…
    Pasqualo? Pasqualo? Mettimi giù gli spaghetti.
    Pasqualo? Pasquà? Pasquà? Chist’è pure surdo…
    C’ha il cazzo grosso ma è un po’ sordo.
    Metti gli spaghetti, com’è lung’, quest’acqua non bolle mai…
    Eh… Sì… Fai entrare il trenino del bambino. Fenino…
    Gatto…. Vai giù, vai giù a mangiare, vai giù a mangiare, vai giù a mangià…
    Amm’ fa’ chiù lung’ Totò, ‘sta base…
    Eh, ancora… Sì, a ‘faccia d… ancora?
    Sì, mo’ sta entrando il Bolscioi qui, nella stanza.

    A Taranto uno, Villoresi zero. Novantesimo minuto.

    Spegni la radio’ all’anima ‘e chitemmuort…

    Berta! Berta, Berta, Berta… T’ho sognato per dieci anni,
    cosa c’hai in mezzo alle gambe, l’Etna?
    Io per te vado via dalla Lega e vengo al sud,
    fondo il primo movimento Fica Unita Pigliatevella.
    Non so che dire per farti convincere, t’ho portato i Mon Cherì Ferrero da Parigi…

    Miettetell’ n’ culo…

    Grazie…
    Che devo fare, allora vado via, vado in comune.

    Ma a Taranto, Taranto uno Venezia zero.
    Milano, Milàn è ‘n gran Milan, ma ce l’ho un po’ in man.
    Bossi è passato, è tutto finito.
    Ci vediamo al prossimo ellepì. Arrivederci.
    Qui da Woodstock vi salutiamo.
    Ed ecco gli ultimi giornali, il giornale del giorno dopo.
    Qui, sullo spallone a destra, c’è scritto fine.

    Babba bia che brutta gente in Italia.
    Scappare in Eritrea un’altra volta. Troppo casino qui, gatti, trenini, Bossi…
    Mamma mia, vado via, va… ci vediamo prossimo ellepì.
    Facciamo giù nella giugla, co’ Tarzan. Ciao. Ciao.
    Ciaooo. Spegni questa base, Totò. Totò? Spegni, spegni.
    Spegni base, ho paura io, questa gente in Italia, troppi bianchi, mamm’ d’o Carmine…
    Cos’è questo? Io sono un povero negro, una grazia ti prego,
    dillo alla pecora bianca, fa’ sparì ‘sta mutanda.
    Fine. Chiuso.

    e la comunista dandy

    Mi ha rovinato il 68
    Cerruti, Bigazzi, Savio

    Domani compio quarant’anni
    e la cambiale dei ricordi mi riporta al ’68
    quando ero amico di Capanna
    e avevo dato quattro esami con la media del 18.
    Il mio paese era lontano in un pezzetto di provincia
    e non me lo ricordo mica
    la nostra meta era Milano
    spinti da una fame antica
    di notti luci e un po’ di fica.
    Era l’autunno del ’68
    quasi vent’anni a cazzo dritto.

    Quante illusioni occupazioni e cortei
    e lacrimogeni e botte per star con lei
    finché una notte al fuoco dei falò
    sorrise e con un altro se andò.
    Del ’68 siamo stati gli eroi
    ed era tutto più grande, più grande di noi
    quanti bulloni in testa mi beccai
    perché, per chi non so e non lo saprò mai.

    Quanti ingegneri ed architetti,
    parrucchieri e cantautori
    ha partorito il ’68
    alcuni santi e qualche dio
    stilisti, uomini d’affari
    l’unico stronzo sono io
    e non mi pento del mio passato
    ma il ’68 mi ha rovinato.

    E ora mio figlio mi fa il culo perché
    a scuola gli altri hanno tutti le timberland
    ed io ripenso con tenerezza ormai
    al sacco a pelo dove la chiavai.
    Il ’68 lo passammo in trincea
    gridando forte giù le mani dal Vietnam
    era la storia che apriva strade nuove
    e finalmente fu il ’69.
    e non mi pento del mio passato
    ma il ’68 mi ha rovinato.

    Generazione maledetta la mia
    noi siamo ancora l’Italia che scia
    verso il domani, verso il non si sà
    perché fa rima con la libertà.

  5. dalsudconfurore il 10 febbraio 2007 alle 15:55

    e vai!

  6. Barbara il 10 febbraio 2007 alle 18:59

    Beh, anche la Berta che doveva scendere giù per soddisfare il ‘toro’ era mitica..:o)

  7. mario il 11 febbraio 2007 alle 16:13

    posso lasciare l’alone di una lacrima?

  8. pallapesante il 13 febbraio 2007 alle 16:12

    commosso, lascio il mio primo post su nazioneidiana, dopo anni di muta osservazione. altre volte indeciso, ho lasciato poi perdere. stavolta non un dubbio.

  9. funiculì funiculà il 13 febbraio 2007 alle 22:29

    38 Luglio
    Savio, Bigazzi, Pace

    Là dove finisce il fiume comincia il film:
    la storia tremenda di un elettrotecnico che seppe inventare la pila
    non pochi ci riuscirono, ma fu lui che la inventò.
    Quattro giorni dopo scoprirono la luce elettrica,
    fu un grosso errore per l’elettrotecnico,
    ma lui volle insistere e si fece male,
    si fece male pensando a lei,
    lei che veniva da lui, lui che veniva da lei.
    Non fu un incontro ma un bombardamento
    si aprirono i cieli si aprirono le strade,
    e i due camminarono senza vergogna.
    Quanto amore, quanto amore fu sprecato dall’elettrotecnico.

    Era il 38 luglio e faceva molto caldo
    ed era scoppiata l’afa, quando all’elettrotecnico le venne una grossa idea:
    si sdraiò per terra e si fece camminare su un camion con rimorchio,
    ma non si fece male perché aveva in tasca un portafortuna
    un portafortuna che gli aveva regalato sua zia Woller
    un piede di porco a pila.

    Il capo indiano che si chiamava: Mo’ vengo anch’io,
    non venne mai e non si fece vedere perché era un timido.
    L’arbitro severo ma imparziale dettò la vittoria all’elettrotecnico
    per una ferita sopraccigliare del polipo
    e così dove finì il fiume incominciò questo tremendo film.

  10. Svegliami il 15 febbraio 2007 alle 21:31

    O tiempo se ne va
    Pace, Bigazzi, Savio

    ‘Sta luna pare ‘na scorza ‘e limone,
    e comm’è blu stu cielo ‘e cartone.
    ‘O mare me sciacqua ‘e ppalle Mariù,
    cu ‘nu vasillo se sceta ‘o cardill e vulesse cantà, bella ‘e papà .

    ‘O tiempo se ne va,
    e tu nun vuò chiavà,
    ma quanno ‘e chist’ammore sulo ‘o turzo restarrà,
    allora scoprirai la differenza che ce sta
    tra un morso e ‘nu bucchino.
    E almeno ‘o vuò capì,
    ca ognuno addà campà
    si comme ‘o cappuccino pe ‘sta coppola ‘e babbà
    si ‘o pennacchio ro’ Vesuvio, si ‘na cozza ‘e pediluvio
    e si t’o mettesse n’culo ch’ vuò fa?

    Ma ‘o tiempo se ne va,
    dimane nun s’ sa,
    si ‘a mazza m’ s’arrizza,
    si nun t’ car ‘a zizza nun s’ sa,
    la vita è un varieté
    e ‘o cazz è cumm ‘o rré
    e io ca so’ guaglione,
    t’o ronco ‘stu bastone sott’ ‘a luna
    puttana comm’a ttè.

    Stanott ammu fatt’ ‘e cinche ‘e matina,
    e a chi la do ‘sta specie ‘e banana?
    è inutile ca me dici di no,
    ma t credisse ca arapo ‘o cazone pe te violentà,
    aggia piscià.
    ‘O tiempo se ne va, e te ne pentirai,
    tu tieni ‘mmiezo ‘e coscie ‘na Ferrari e non ci vai,
    i te voglio ben ‘o stesso, perciò scusami se insisto,
    i si t’o mettesse ‘nculo che bbuò fa?

    Ma ‘o tiempo se ne va,
    dimane nun se sa,
    si ‘a mazza me s’arrizza,
    si nun te care ‘a zizza nun se sa,
    la vita è un varieté
    e ‘o cazz è cumm ‘o rré
    e io ca so’ guaglione,
    t’o ronco ‘stu bastone sott’ ‘a luna
    puttana comm’a ttè.

    Ma ‘o tiempo se ne va,
    dimane nun s’ sa,
    si ‘a mazza m’ s’arrizza,
    si nun t’ car ‘a zizza nun s’ sa,
    ma ‘o tiempo se ne va
    la vita è un varieté
    e ‘o cazz è cumm ‘o rré
    e io ca so’ guaglione,
    t’o ronco ‘stu bastone…

  11. Svegliami il 15 febbraio 2007 alle 21:35

    Imperdibile anche la saga di Pierpaolo:


    – C’è stata una scossetta di terremoto “pum pu pum pu”
    – Mercalli?
    – Ma quella era una scossa del 6° grado della scala Richter.
    – Ah; no mercalli?
    – No: qui non si calcola in Mercalli, ma Richter: te lo dico in inglese
    – Ah, dimmi, dimmi!
    – RICKCESSTEASS
    – Alla faccia del cazzo: come lo pronunci bene!

    (Pierpandi il Guru)
    http://www.squallor.com/testi/



indiani