A Gamba Tesa / Giovanni Papini

27 giugno 2007
Pubblicato da

tema-astrale-papini.png
tema astrale di Giovanni Papini in http://www.astrotheme.fr

Sospetto che Papini sia stato immeritatamente dimenticato
(Jorge Louis Borges, pref. a Giovanni Papini, Lo specchio che fugge, Parma-Milano, Franco Maria Ricci, 1975)

Tag: ,

21 Responses to A Gamba Tesa / Giovanni Papini

  1. mariapia il 27 giugno 2007 alle 12:32

    Il sole a medium coeli, in caprocorno,….

    LA LUNA IN PESCI PUò INIZARE IL DELIRIO ASTROLOGICO, che era la mia pscoa nalisi da povera, da ragazza
    povera in piene ideologie, ma mi divertivo molto
    si può aprlare di Papini anche da qui, dal cielo natale perché no?

    da ragazza alle medie mi proposero “Il muro dei gelsomini”, dopo tenni sempre la sua foto, tra le mie carte..avevo presentimenti

    MPia Q

  2. valter binaghi il 27 giugno 2007 alle 13:14

    Ho una vecchia edizione del suo libro “Il diavolo”.
    In realtà la concentrazione di pianeti in Toro, Vergine e Capricorno indica una prevalenza razionale. Irrazionalista per compensazione?

  3. Francesca E. Magni il 27 giugno 2007 alle 13:46

    Forse e’ un OT forse no: ho appena letto ASTROLABIO qui: http://tinsuac.wordpress.com/

    fem

  4. Chapuce il 27 giugno 2007 alle 15:52

    ‘El amor es como el fuego, que si no se comunica se apaga.’

    (Giovanni Papini)

  5. magda il 27 giugno 2007 alle 16:33

    io sono gemelli-ascendente scoprione luna pesci
    è grave?
    lo voglio anche io il quadro!
    13-6-63 ore 16 mentre passava il corpus domini, giorno di S. Antonio ubiquo.

  6. véronique v il 27 giugno 2007 alle 17:14

    @Magda,

    Non penso que sia grave: lo scoprione è un segno segreto, bello.
    Sono cancro/ Leone e capra(astrologia cinese), non è grave, spero?
    Anchi’o vorrei il quadro.
    Chiedo il segno zodiacale di effeffe.

  7. giuseppe panella il 27 giugno 2007 alle 17:16

    quello che Borges ha scritto di Papini è semplicemente vero… aggiungo un altro giudizio su di lui: “Conosco un solo vero anarchico, Giovanni Papini”
    (Henry Miller, Tropico del Cancro – cit. a memoria)… Al confronto Prezzolini era un picclo borghese avaro e patetico…

  8. magda il 27 giugno 2007 alle 17:27

    però leggete il tema in questione e commentatelo dai che non conosco tutti i simboli.

  9. effeffe il 27 giugno 2007 alle 17:37

    E’ necessario leggere questa prefazione
    di
    Giovanni Papini

    Questo non è un libro di buona fede. E’ un libro di passione e perciò d’ingiustizia – un libro ineguale, parziale, senza scrupoli, violento, contraddittorio, insolente come tutti i libri di quelli che amano e odiano e non si vergognano né dei loro amori né dei loro odi.

    Posso permettermi questo cinismo intellettuale in quanto credo che il mio libro sia ciò che molti altri, più sapienti e più garbati, non sono: cioé un’opera di vita. Io non ho voluto fare né una storia della filosofia moderna néuna serie di saggi sui filosofi moderni. Il mio libro non ha l’intenzione né di informare i miei lettori di ciò che hanno pensato precisamente i filosofi di cui parlo né di fare dei commentari dotti o delle interpretazioni rigorose delle loro filosofie.
    Questo libro è un pezzo, o un insieme di pezzi, di un’autobiografia intellettuale. (…)
    E’ un libro, insomma il cui valore sarà segnato dal futuro (…)
    A questo modo è venuto fuori un libro che è un massacro, un macello, una strage, un pubblico mattatoio. Mi son mostrato pieno di una volontà di uccidere, di annientare, di sbranare, di accoppare tale da far torcere tutti i musi dei legittimi mariti della storia seria, diligente e obiettiva.

    So benissimo senza che me lo ripetano gli altri che tutta questa foga ha nociuto alla solidità del libro. Sarebbe stata necessaria una maggiore preparazione, una maggiore cautela, una maggiore freddezza. Il libro, forse, sarebbe riuscito più efficace. ma avrebbe perduto certo quell’odore di polvere e di giovinezza, quell’andatura un po’ spavalda e un po’ donquijotesca che io amo tanto con grande mio danno. (…)

    per questo mi son deciso a farlo stampare e son certo che ad onta dei disdegnosi silenzi dei filosofi altolocati e delle smorfie degli studiosi seri, ci sarà qualche sconosciuto giovine amico che troverà in queste affrettate pagine delle gioie e dei sentieri.

    Firenze, 21 settembre 1905

    In Giovanni Papini, il crepuscolo dei filosofi, ed. Vallecchi

    ps
    je suis verseau
    Verò
    ascendent verseau
    descendant verseau
    aussi
    effeffe

  10. hag reijk il 27 giugno 2007 alle 18:15

    Di Papini mi parlò la prima volta l’arciprete di un piccolo paese della Presila, in Calabria. Avevo vent’anni, viaggiavo con un paio di libri di Borges nello zaino e l’incontro fu dovuto al fatto che mi ero messo al riparo dal sole sotto un albero, in una piazzetta grande quanto bastava per contenerlo tutto e cercavo di far trascorrere le ore e la sbornia presa la notte precedente. L’arciprete vide il mio “Altre inquisizioni” e si fermò per chiacchierare un poco, incuriosito; venne poi, chi sa come (pensai allora), fuori il nome di Papini e lui si dilungò in una vera e propria recensione della sua opera.
    (Ecco compiuta la quotidiana madeleine del tempo proustiano…).

    Capra e secondo il caldendario tibetano una pecora di legno ;-)

  11. marco rovelli il 27 giugno 2007 alle 18:28

    Anni fa lessi Un uomo finito, in un’edizione Vallecchi 1920, e mi catturò davvero quest’uomo che si strappava le carni e le dava in pasto al lettore. Mi piacque pure nel gesto paradossale, impossibile, di mostrare impudicamente, oscenamente, le proprie vergogne, dove questo gesto intimo era in realtà concepito esteticamente: come scriveva Cocteau, Je suis une mensonge qui dit toujours la verité.

  12. MarioB. il 27 giugno 2007 alle 18:34

    Come disegno è carino,
    i segni hanno pure le ombrette riportate,
    magari Papini ci avrebbe dato un calcio,
    o no?

    MarioB.

  13. Beba il 27 giugno 2007 alle 20:46

    Oui!

  14. Giangio il 27 giugno 2007 alle 21:10

    e così NI ha infine la sua trimurti:
    PAPINI | MALAPARTE | SAVIANO

  15. Giorgio Di Costanzo il 27 giugno 2007 alle 21:49

    “Vi sono libri immeritatamente dimenticati: nessuno immeritatamente ricordato”, W. H. Auden, Saggi, Garzanti, Milano, 1968, L. 3000, tr. it. di Gabriella Fiori Andreini, prefaz. di Enzo Siciliano

  16. Bartolomeo Di Monaco il 28 giugno 2007 alle 00:08

    Un anno fa ricorreva il 50° anniversario della morte di Giovanni Papini.
    Il 15 aprile 2006 ricordavo qui il suo Un uomo finito:

    http://www.vibrissebollettino.net/archives/2006/04/giovanni_papini.html

  17. véronique V il 28 giugno 2007 alle 09:51

    @effeffe,

    Tu sai? le verseau è molto creativo e originale?

    Ho letto su Wikipedia il riassunto della vita di Giovanni Papini, a parte la sua passione per la letteratura, la sua solitudine, non mi sembra simpatico, non mi piace.

  18. antonio sparzani il 28 giugno 2007 alle 17:33

    effeffe, non ho capito la citazione del sito di bovina propaganda astrologica
    http://www.astrotheme.fr, dove non ho trovato traccia di Papini, che mi sembra un personaggio con spessore tutto diverso. Ciao a.

  19. mario il 29 giugno 2007 alle 08:58

    mah… secondo una mia amica:
    sole in capricorno ascendente toro: terra da vendere, troppa
    mercurio in capricorno: difficoltà nell’essere capiti
    venere in pesci: sensualità marcata sensibilità esagerata
    marte in sagittario: tenacia
    giove in ariete: intelligentiss ma poco realista
    luna in toro: lato femminile sviluppato
    urano in vergine: cambiamenti lenti e non amati

  20. elogiodelleccedenza il 4 luglio 2007 alle 13:01

    @ Valter B.

    Sì tema apparentemente razionale, ma non il nettuno all’ascendente sconvolge ogni misura.

    @ Veronique

    Incredibile, ma abbiamo la medesima composizione astrologica: Cancro – Leone.

  21. elogiodelleccedenza il 4 luglio 2007 alle 13:04

    Mancava il ‘che’: il nettuno all’ascendente ‘che’ sconvolge ogni misura.



indiani