Nuovi ragazzi di vita (stralci d’orrore)

21 luglio 2007
Pubblicato da

salo00.jpg

di Franz Krauspenhaar

12.745 (Torre Spaccata)

Mi cuggino Bella Bella è uno propio stronzo, lega le zampe al cane, se fà il cane e poi siccome il cane al collo c’ha pure una corda attaccata a una specie de carucola, quando ha finito, insomma quella cosa là, li comodacci sua, tira la corda e il cane s’impicca propio regolare.

12.746 (San Basilio)
Costringevo mi sorella a vedè i film porno. Ma mica quelli fichi, tipo per dire cò quei pezzi de sorca de Roberta Missoni, o de Elena Grimaldi, co’ ‘ste zinne enormi, no no, macchè, magara. Robba fatta nei tinelli tipo quelli de casa nostra, con la cicciona der piano de sotto che arutta co’ le carze a rete e robba così. Mi sorella frignava che c’aveva pure dieci anni e voleva vederse Candy Candy. Sti cazzi, dicevo io, te vedi er pornazzone e zitta o te meno brutto. Frignava più piano, allora, e poi, alla fine, sapete com’è, le prennevo la testa e me facevo fà un pompino, e ce sboravo pure in bocca, che se la guardi bene mi sorella sembra ‘na versione tascabbile de quella gran sorcona de Natalie Caldonazzo, daje tempo sei sette anni e me fà guadagnà minimo ducento euri ar giorno.

salo_or_120_days_of_sodom.gif

12.747 (Magliana)

Quando presimo quella cretina cò l’handicapp della cuggina de Sergio Cepollaro er monnezzaro al luna park che faceva freddo da cani  la portammo dietro le giostre. Er rommeno era robbusto e rideva coi denti gialli che pareva un limone. Silvietto er velletrano, quello che somiglia come ‘na goccia d’ acqua a Ciccio Cordova ‘ne l’anni settanta, per nun sapere nè leggere nè scrive sai che fà? Tiene er piede sur collo der gatto per tenerlo fermo, poi tira fori er seramanico e glie fà ‘no sgaro tanto così sulla pancia, li mortacci sua. Ce fà uscire tutte l’animelle e er sangue, ecco. Poi pure er core. Intanto er gatto ancora sembra vivo, miagola. Lui che fà, prende er core der gatto e nun lo ficca in bocca alla rincojonita che strilla? Poi se sbottona li pantaloni e le piscia pure addosso, ‘sto zozzo, ‘na gettata che sembrava doverebbe fà er giardiniere. E se nun lo fermo io glie starebbe buttando addosso pure un cerino acceso e ‘na bottigliata de arcol pè bruciarla viva, ‘sto matto.

pasolini_3.jpg

12.748 (Pietralata)

Quando si è regazzini a un certo punto uno se stufa de esse preso a maleparole lì giorni pari e pure quelli dispari dalla sorella più grande. E siccome che c’era ‘sto guardiano sfasciacarozze de nome Saverio Cepollaro, er fratello de Sergio, che c’aveva fatto ‘na malattia per mi sorella, che me stava a fà ‘na capoccia così da mesi co’ sta storia che se la voleva sderenà davanti e dadietro, che era tanto bona che era molto mejo pure de quella succhiacazzi de Pamela Prati, e allora glie dico tutto, dove la stronza annava a farse chiavà eccetera. Una sera che faceva un freddo tremenno annamo io e lui lì, fori de Fiumicino; c’è ‘sta Punto gialla ovo tra le fratte e drento ce stà ‘sto zozzo d’impiegato comunale co’ moglie e figli a casa,  co’ mi sorella mezza nuda affianco, che se stava a impugnà e a scote er piripicchio arissanguato de ‘sto zozzo fijo de ‘na mignotta, che lo possino ammazzallo. Entriamo de scatto come du solitignoti, a lui glie spacchiamo subbito la faccia e i conotati, a lei la tengo ferma io sur prato e Cepollaro tutto assatanato se la fà senza manco toglierse li carzoni, du colpi, ‘na sborata e via. Poi a lei le dico zitta o dico tutto a papà, che lo sapesse minimo minimo l’ammazzasse. Lei porella me sputa in faccia e io allora tanto pe’ gradì le tiro ‘na scarica de papagni che a ‘sta sparapippe glie viè ‘na faccia viola come ‘na melanzana bella pronta pe’ la parmiggiana, e se me girano i cazzi con tanto de cojoni domani sera me faccio fà ‘na pelle prima d’annà a dormì.

salo152_2.jpg

12.749 (Acilia)

Quella vorta che scopersi mi fratello che era frocio lo vedetti che lo prenneva ar culo in camera sua da du compagni de scola che ereno pure du compagni Noglobbal, che faceveno a turno, uno c’aveva la faccia propio sputata a quello che stà in tivvù co’ quella lesbica fracica de Maria De Filippi, come se chiama quello stronzo de merda? ah, sì, er milanese, Costantino Vitagliano, che stà pure nè la scuderia de zozzi e zozze de quer vecchio frocione de coso, Lelle Mora. E l’artro a quello de i film vecchi der coso, er romanziere reggista, Pasolini, vojo dì Ninetto, Ninetto Davvoli. Me misi le mani sui bellicapelli, te lo giuro, cazzo che scoperta de merda, propio da vomità la bile. Allora sai che c’è, vado da quer frocio de Giulietto Stracci, tutto aggonfiato che s’era appena comprato ‘a Ducati rossa nova, e glie racconto tutta ‘sta brutta storia. E lui me fà:”Glie serve ‘na lezzione, a ‘sto rottinculo”. Allora torna co’ ‘sti motociclisti fraciconi d’ estrema destra amici sua, tutti che stanno a ciancicà ‘sti sloganse pieni de Heil Hitler e viva il Duce, co’ le catene ar collo co’ le svastiche e i cosi, come se chiameno, ‘e croci celtiche, ecco,  e in breve menano quer culo sfondato de mi fratello e l’artri frocioni, ma de brutto propio, da sfondarle i crani. Poi nun contenti se fanno a turno nerr culo mi fratello. Allora io dico:”Embé, che state a fà? Fate uguale, la stessa zozzeria dell’artri?” E quelli zitti, co ‘ste facce che me pareveno animali feroci. Faccio a tempo a scappà, ma me pigliano subbito e me fanno er servizio barba e capelli pure a me, un male ar bucio der culo che nun te dico, ‘na decina de minuti d’orore, anche se tutto sommato pensavo peggio; e mò stà a sentì: tutte le sere mi madre me deve spalmà er Fissan tra le chiappe come quando ero un pupone, e tira su cor naso che piagne sempre, e semo però d’accordo che mi padre nun deve sapè gnente che già ha fatto n’infarto l’anno scorso, poraccio.

stuprobig.jpg

12.750 (Torre Spaccata bis)

A un certo punto com’è come nun è, er fidenzato de Clara, er Riccetto, quello co’ la faccia da cazzo tale quale a quella de Christian De Sica quando fà lo spot de la Tim e dice “e il ghiaccioletto no?”, me dice che Clara è tanto bella brava e bona ma doverebbe imparà anche a scopà come se deve, che a l’età sua nun sà ancora dove stà la destra e dove stà la sinistra, ‘sta smandruppata. Sai, io so’ er fratello, solo che stavo fatto come ‘na cucuzza. Io e ‘sto infame c’erevamo aggarganati quarcheccosa come ‘na litrata de Rosso Antico, o me pare pure la Vecchia Romagna, inzomma quella robba che teneva mi padre nella credenza dopo che mi madre era scappata co’ lo stagnaro e s’era messa a fà marchette a Torvajanica pè Tomaso Sparzani, er canaro de Artena. E prima ‘no cannolicchio de cannabbis grosso come la mazzancolla de Rocco Siffredi. Vabbè, alla fine ‘sto zozzo nun se mette a strappà la camicetta de cotone bianco de la Upim a Clara co’ ‘sti occhi da lupo mannaro de fori? E io gnente, te giuro, io a ride come un cretino, come coso, come se chiama, coso, quello che fà la spalla de Bonolis, ah sì, Luca Laurenti; proprio un infamone de gnente, nò stronzo cor botto e mezzo. Quello zozzo in breve la spoglia nuda, tira fori er coso tutto rosso sanguigno che sembrava n’anguilla e fà pe’ metterglielo drento a Clara. Quella urla, strilla, che te lo dico a fà, fà un casino tremenno, ecco, mica ce voleva stà. E sai che c’è? Ahò, c’è che io m’ ingrifo de brutto. A vedè mi sorella nuda come ‘na vermiciattola che strilla co’ sto energummeno cor mazzapicchio de fori come ‘n serpente m’è venuto un ingrifamento che lassame perde, er Sor Bega m’arivava dritto a le tonsille. E così, che te devo dì, me so’ preso pure io la mia razzione de fregna de famija e a ‘sta troia zozza ce so’ venuto pure drento, è stata ‘na sborata indimenticabbile, da Cempionsliggue.

speciale_pasolini_03.jpg

12.751 (Acilia bis)

Cor caldo infamone che faceva nun se sapeva che fà, allora uno, Corado Garuffi, che lavora ar mobbilificio Saporito & Figli su la Casilina, dice annamo a Ostia a fà er bagno, quell’artro, Gianni Biondacci, quello che fà er muratore pè Castrocani e su cognato Binaghi, er palazzinaro mezzo mafioso de Ladispoli, dice no, annamo a facce fà ‘na pelle da quella pompinara de Sonia, che ce prenne a tutti e tre pe’ venti euri, e io dico no, che noia, a ‘sto punto me attacco a la bottija e tante care cose, no? E me costa pure meno. No, no, robba fatta e strafatta, c’avevo voglia d’emozzioni forti, d’annà ar massimo, ecco, come dice quell’impunito de Vasco Rossi, possino cecallo. Mica uno sta a lavorà tutta la settimana pè dà da magnà ar pupo e a quella zozza tritacazzi de la moje pe’ arivà a la domenica e farse fà ‘na pelle da nà sgallettata fracica come ‘sta Sonia, te pare? Allora me viè l’ideona proprio geniale; tanto, me dico, se stamo a fà sta porcata zozza deveno stà zitti e mosca e ar limite ce devono anche ringrazià, e mannarce un gabbarè de paste cioccolato crema e co’ la glassa, e se me gira pure li cannoncini co’ la crema pasticera. Beh, io e coso, Ruggeretto detto  Notte Brava, annamo a stò cortile dove c’ho ‘o sapevo che staveno a giocà ‘sti due, fratello e sorella. De chi, me stai a dì? De ‘sta mignottona de Sonia, regolare. Che se c’ho ‘o veniva a sapè quer ricottaro energummeno der padre che lei fà ‘a vita ereno cazzi acidi come volatili per diabbetici. Così io tengo fermo er regazzino pè i polsi, Notte Brava se tiè ferma ‘a regazzina, e inzomma ce li siamo inchiappettati tutti e due, prima a turno e poi a mucchio, lì ner cortile, belli riparati dietro al garagge de coso, lì, de Franco Marotta er pappa de Giulianello, che se c’era s’aggiungeva regolare a fà er vagone der treno. De bocca, de fica e de culo, pure ‘a regazzina. Nà bella soddisfazzione. Poi, prima che i due bambocci annassero a raccontà l’esperienza scopatoria d’arto livello a quella troia smucinata de la sorella, io e Notte Brava semo annati a trovà Sonia, glie avemo racontato tutto, per regolarità, sai, e l’avemo minacciata coi controcazzi. E già che ce stavamo l’avemo sderenata in due, uno davanti e l’altro dadietro; e poi ce semo pure cambiati de posto, che uno, dico io, le cose o le fà bene o è mejo che nun le fà propio, me sembra chiaro, semo gente seria, semo gente de borgata nun potemo pagà semo ricchi de volontà… Solo che mentre Notte Brava la stava a inculà de brutto cò tutti i sentimenti e quella strillava come ‘na gallina pè fà er brodo, io nun te sò dì che m’ha preso, te sò solo dì che su stò prato maledetto ce stava tutta ‘sta monnezza, inzomma era ‘na discareca, così vedo st’asse de legno co’ i chiodi, lo prenno e pijo ‘a rincorsa e lo sbatto co’ tutta la forza in faccia ‘a ‘sta cazzo de Sonia. Che pure Notte Brava a momenti se sta a cacà sotto e se stacca cor cannolo a mezza crema tutt’ammosciato. Io ce prendo gusto e tiro n’artra mazzata sui denti a ‘sta zozza. Vabbè, pè fartela breve questa more ar terzo colpo. Così io e Notte Brava semo stati ‘n’ora  e più pè scavaje ‘na fossa e seppellirla, ‘na sudata da bestie mica no. Vabbè, l’importante sarebbe che i due mocciosi nun parleno, così semo tornati e l’avemo minacciati de raccontà ar padre che l’avevano preso ar culo, pè esse gentili. E quelli zitti, terorizzati. Vabbè, mo’ nun se po’ sapè, capace che quei due prima o poi parleno, vatte a fidà de li regazzini; per questo nun è che sò tanto tranquillo, sà? Ogni tanto così io e Notte Brava annamo a trovà i due fratelli de Sonia e glie famo un ripasso veloce ma aprofondito de tutte le materie, me pare pure giusto, no?

main.jpg

12.752 (Quarticciolo)

Cos’era, quer film americano, Hotel, Ostel, ‘na cosa così, ‘na robba de ‘na violenza ‘naudita, te giuro su ‘a testa de mi madre bonanima. Inzomma erevamo io e Rinaldo er fijo de Lucianone Freddi e Mario Forlani detto Scintillone. C’avevo ‘na rabbia drento che nun se potevà capì. Come quanno ero regazzino e me ricordo che erevamo annati a vedè l’Aranciata Mecanica e dopo avevamo menato a sangue quelli de la Vigor a la partita co’ le spranghe, ‘sti zozzi de rossi communisti. Allora annamo a bere la birra fori, du o tre litrate a cranio de ‘sta Peroni a doppio malto e traditora, verso la litorale, dove ce stà er canneto e lo stabbilimento “Er Ciafora”; poi Scintillò fà l’ inversione come se sarebbe coso, come se chiamava, ah sì, Maurizio Merli quanno faceva er commissario da à Mobbile, co’ sta Alfa dumila tutta smarmittata da zingaro arbanese a fà fischià ‘e rote, e tornamo a tutta velocità a Roma. A momenti annavamo a infrocià contro un Ducato de merda che esce de colpo da ‘sta stradetta der cazzo. Arivati imbriachi fracichi sotto casa de quer burino de Bussoletti, quello che lavora a l’Acotral, de FR, de Fori Roma, inzomma de Anagni che se nun porti nun magni, cantamo ‘a serenata a su fija, Linda. E daje de tacco e daje de punta è arivata la Sora Assunta che te canta fino fino perchè è trasteverino… Bona quella. Co’ du zinne toste come quelle de cosa, come se chiama, ‘a sventolona de Latina, Manuela Arcuri, ecco; che a Latina e limitrofi se sà che ce stanno le mejo fregne der Lazio. E ‘sto culo da Oscar a la cariera ‘ndò lo metti? Beh,  ‘sta Linda ce strilla de stà zitti e boni, allora sfonnamo er portone, saliamo su, sfonnamo la porta, quattro papagni a quer cornuto der padre, quattro a quella zozza de la madre, ‘na bella legatura contro er termosifone acceso e le mutande in bocca pè falli stà zitti e mosca; e c’avemo pure er lettone matrimmoniale e via, ce scopamo in tutti li buchi ‘sta puttanella de Linda ner lettone de li genitori. Diciassett’anni, un fiore de campo. Poi ce mettemo a bevere da la credenza, vino rosso, bianco; e poi ce ‘n po’ de pizza bianca co’ a cipolla e magnamo, ce scofaniamo propio. E dai co’ le salsicce de finocchio, er pecorino co’ le fave, ‘na cartata de supplì. Scintillò se mette pure a riscaldà sur foco la pentola co’ li facioli. E via pure quelli. Ruttamo, scureggiamo, e chissenefrega, famo come se stamo a casa nostra. Rinalduccio lo chiama su madre ar telefonino, ‘sto stronzo c’ha pure ‘sta madre rompicojoni, lui a trentanni ancora je risponne. Su padre è n’vecchio pensionato de la Telecom che glie frega ‘n cazzo de gnente, ‘sta tutto er giorno a legge er Mesaggero e  ar computere nun se capisce a fà che, magara cerca de rimorchià quarche mignotta, capace. Poi quer pervertito fracico de Scintillone se mette a menà la regazza, papagni, ceffoni, e via, tutto er repertorio che me sembra ‘n film de Dario Argento. Accende ‘na paja e se mette a brucialle i capezzoli. Quella strilla come n’oca, ma chi la sente? Allora prova pure Rinaldo, poi io. Che te devo dì, ce prennemo gusto. Botte, bruciature, ‘a testa contro ‘a cosa der letto, come se chiama? Nun sò come, me ritrovo a daje giù su la schiena de la regazza co’ ‘na sedia. Poi vedo Rinaldo, che de solito è tutto vergognoso come ‘no scolaro ripetente, che strilla come ‘n matto de cocainommane e tira ‘na padellata in faccia a ‘sta poraccia. E prima d’annà via propio quer cornuto de Rinaldo prenne ‘na bottiija de arcol, la butta addosso a li genitori, appiccia un cerino e fà foco. E i du vecchi a brucià vivi come polli arosto, te rendi conto? A la fine, quanno quella è svenuta de brutto co’ tutto ‘sto sangue dattorno pè tutta la cammera e i du vecchi so’ carbonizati, tornamo tutti a casa e l’indomani me viè a trovà er maresciallo siciliano co’ st’odore d’ascella commossa che sembra coso, come cazzo se chiama, Teo Mammuccari, e me dice de venì in caserma. Morale de la favola Gran Pavesi in tavola, semo tutti drento a Reggina Celi da ‘na quindicina de giorni perchè quella troia de Linda è pure morta stechita per le violenze subbìte. Tutta colpa de quello stronzo de Scintillone che nun se sa trattenere. E mò, come se dice, sò cazzi. L’avvocato però dice che ce possono dà l’attenuanti, basta che famo i bravi. Ma a me me rode er culo perchè se c’avevamo i santi ar paradiso come ‘no zio vescovo o er cuggino asesore a quest’ora ce scommetto venti sacchi ch’ erevamo fori co’ tante scuse e pure ‘na leccata de culo e tante belle cose.

10_06.jpg

(Le prime due immagini, la quarta e la terzultima sono tratte da “Salò o le 120 giornate di Sodoma” di Pier Paolo Pasolini. La terza, del 1961, ritrae lo stabilimento “Er ciriola”, uno dei posti in cui fu girato “Accattone”, sempre di PPP. Nell’ultimo racconto il personaggio di Scintillone è un modesto omaggio a lo Scintillone de “La notte brava”, di Mauro Bolognini – 1959, sceneggiatura sempre di Pasolini. Così, nel primo, il personaggio di Bella Bella, e nel settimo, il personaggio di Ruggeretto “Notte Brava”. Nel sesto il personaggio di Er Riccetto richiama quello del romanzo “Ragazzi di vita”. Nel quarto il personaggio di Giulietto Stracci richiama lo Stracci del cortometraggio pasoliniano “La ricotta”. L’ultima foto ritrae l’attore pasoliniano per eccellenza, Ninetto Davoli.)

Tag: , , ,

93 Responses to Nuovi ragazzi di vita (stralci d’orrore)

  1. valter binaghi il 21 luglio 2007 alle 12:26

    Freaks? In letteratura per me questa è una scorciatoia. Mi sembri l’ultimo Ammaniti, e non è un complimento.

  2. merisi il 21 luglio 2007 alle 12:36

    storie che fanno paura. minchia se sei andato giù pesante, franz.
    dimmi almeno che è tutto inventato, proprio tutto, e che ti sei allargato da piccoli spunti di cronaca.

  3. paola castagna il 21 luglio 2007 alle 12:59

    Non ho dubbi sulle invenzioni letterarie del nostro Franz, spunti che prende e che cazzo di storie imbastisce.
    E’ unico come scrittore, mentre riesce ad espellere nelle parole tutto lo schifo che soggiorna… riesce nonostante la crudezza, a farmi sorridere davanti alla sua capacità di scrittura.
    …e tante belle cose è da urlo.
    Bravòò!

  4. Alessandro Morgillo il 21 luglio 2007 alle 13:24

    Rantola.

  5. Francesca E. Magni il 21 luglio 2007 alle 14:04

    Grandioso. FK sta a prenne tutti pe’ il culo. Ma proprio tutti. Lì per lì non te ne accorgi, poi uno Sparzani messo così ti fa tornare indietro a rileggere (sì sì ha scritto proprio Sparzani) e poi gli altri e poi la mega parodia di tutto quello che c’è in giro adesso: della violenza, della volgarità, dell’osceno, del porno, dell’orrore, del monologo/cantato, dello slang de’ quartiere, di NI stessa e dei suoi commentatori.

    Però non riesce a non far ridere, è come quelli attori che basta che entrino in scena e scatenano risate (è un dono). Acilia, al di là dei contenuti nei quali non ci crede nessuno neppure FK (credo) è un’escalescion della risata (very very escalescion).

    Il discorso delle apparenze: ci sono le immagini, il contenuto e poi c’è quello che lui invece fa: variazioni sul tema.

    Ho equivocato?

    fem

    P.S: confermo il mio past comment che “con questa prosa puoi dire tutto quello che vuoi” pure in romanaccio.
    molto coraggioso, comunque.

  6. cristina il 21 luglio 2007 alle 17:08

    …già patetico in italiano e noioso in dialetto: prendi la donna picchiala e fottila, prendi la donna picchiala e fottila, prendi la donna picchiala e fottila…ammazza ecche variazioni sul tema aò! E SVEGLIA DONNE, SVEGLIA!! Solo così&co c’ha visto giusto?

  7. Mastro Geppo il 21 luglio 2007 alle 17:12

    Il teatrino dovrebbe essere comico? Il Sig. Binaghi gioca a fare la parte del bigotto tutto d’un pezzo facendo finta di disaprovvare il Sig. Krauspenhaar, gli altri tengono bordono a l’uno e all’altro. Ci manca quel balordo mentecatto di Iannozzo e il teatrino è completo.

  8. diamonds il 21 luglio 2007 alle 17:47

    istituendo un parallelo,se a Camilleri hanno dedicato un meridiano,questa eptalogia dell’orrore quotidiano merita perlomeno un applauso(e una prece di ringraziamento per non essermi mai perso nella periferia sbagliata.Solo sull’uscio di casa,che poi è sempre il posto più pericoloso)

  9. valter binaghi il 21 luglio 2007 alle 17:51

    @Mastro Geppo
    Il signor Binaghi gioca solo coi suoi figli. Tant’è vero che non si mette foglie di fico sulla faccia di cazzo come fai tu. Mastro Geppo, è un po’ che ti trovo in giro e m’hai rotto i coglioni. Comunque l’età mentale s’indovina: saccente e provocatore a tutti i costi. Ventitre al massimo, e scopi mai.

  10. Mastro Geppo il 21 luglio 2007 alle 18:22

    Lei, per essere un cattolico, usa un linguaggio parecchio sporco: quand’è stata l’ultima volta che si è confessato? Ricordi che l’onanismo è peccato per quelli come Lei. Lei gioca e gioca male. Siete un bel teatrino, divertenti, non fosse per il fatto che è la realtà che vi dà i punti: penosi. Il finto cattolico Binaghi, il teutonico Krauspenhaar, il mentecatto Iannozzo, l’illuminato Lumina-qualcosa, O.C., sicuramente un prestanome… Sembrate la banda bassotti. Giochi pure, Signor Binaghi. La famiglia prima di tutto: fa bene. Ho scopato abbastanza in vita mia: mi godo i nipoti, più selvaggi di come erano i miei figli. Manca l’educazione, Signor Binaghi. Ma sono i miei nipoti: i legami di sangue non si tradiscono ma tradiscono. Stia bene.

  11. franz krauspenhaar il 21 luglio 2007 alle 18:22

    <Quella vorta che scopersi mi fratello che era frocio lo vedetti che lo prenneva ar culo in camera sua da du compagni de scola che ereno pure du compagni Noglobbal,

    Lo so che dai tempi di Moresco Scarpa ecc. qui vige l’anarchia e noi della banda 2.0 siamo quasi tutti brutti sporchi e cattivi, ma almeno i detrattori gradiscHENO la finezza dei “Noglobbal” stupratori omosex?

  12. valter binaghi il 21 luglio 2007 alle 18:28

    Franz, lo so che è un vecchio problema della Rete e probabilmente di questo blog, ma proprio perchè i contributi sono molto vari e molto aperti, non prendereste in considerazione l’idea di escludere i nick irrintracciabili?
    Perchè uno che scrive e commenta, magari dicendo cazzate ma mettendoci la faccia, deve subire insulti a tradimento da chi è codardo nell’anima o esercita basso killeraggio per conto del cugino camorrista?

  13. franz krauspenhaar il 21 luglio 2007 alle 18:37

    Valterone, mi sembra che andate a pari. Per ora non vedo gli estremi per censurarlo. Mi dispiace. Ma torniamo sull’argomento (ora devo uscire, ho un paio di stupri di gruppo che mi aspettEno).

  14. inps il 21 luglio 2007 alle 18:59

    Osteria numero uno………..paraponzi …ponzi ..po’
    osteria numero due………paraponzi …ponzipo’

    e non aggiungo altro circolano molte versioni, non vorrei offendere qualcuno.
    buone vacanze anche al Franz

  15. cristina il 21 luglio 2007 alle 19:37

    no, no signor Krauspenhaar, non si nasconda dietro il gruppo, io non sono detrattrice del gruppo 2.0, solo ed esclusivamente sua, almeno relativamente ai suoi ultimi scritti, di cui ho preso visione, se poi è lei ad aspirare ad un paragone, non so ad esempio, con Moresco, o con Scarpa, allora… mi scappa veramente da ridere -non ha la minima cognizione dei suoi limiti? –
    Direi di no, infatti, se per disegnare le due macchiette di cui sopra, (con tanto di variazione che mi era sfuggita, certo, se di variazione si potesse parlare rimanendo sempre in contesti fascistissimi) ha scomodato nientemeno che Pasolini, solo lei possiede la chiave di questo paragone segretissimo col suo trash a tutti ignoto!

  16. Mastro Geppo il 21 luglio 2007 alle 20:19

    Il racconto, Krauspenhaar, è trash di bassa lega, anche per gli anni 70 in cui andava tanto di moda. Lasci perdere Pier Paolo, riponga la tastiera e la penna, torni a lavorare. Non ha la stoffa né il carattere per fare lo scrittore. Accetti il consiglio, non creda a quei quattro gatti suoi amici che la incensano e se la ridono sotto i baffi appena gli dà le spalle. E’ una pastafrolla: ma un tedesco come lei dovrebbe essere buono per i campi.

    Censura?! Potete censurare quel coglione di Iannozzo o quell’altro Lumina-qualcosa e chi vi pare. Questo spazio ci campa sull’anonimato, è evidente. Lo avete difeso il diritto all’anonimato. I fatti sono chiari, Signori: accettate gli anonimi se potete carpirgli informazioni personali. Che delusione siete! E quel Rovelli che ha mangiato nel piatto di Giuliani, quello sarebbe un anarchico, uno che accetta che i colleghi si nascondano dietro la vità della censura. Generazioni sciagurate.

    Cordialmente.

  17. valter binaghi il 21 luglio 2007 alle 20:43

    @Mastro Geppo
    Non mettermi nel mazzo, per favore. Per me l’anonimato è da vili, sempre. O peggio ancora da piacioni. Si sparano bordate o salamelecchi nascondendo la mano, per non dispiacere a chi conta e comunque per non rischiare la firma. Dopo meno di un anno nei blog, ho capito che dove prospera il nick non cresce la civiltà letteraria, solo la paraculaggine.
    Ne ho quasi abbastanza.

  18. matteo il 21 luglio 2007 alle 22:14

    Se posso permettermi, riportando la discussione ai testi, non ci trovo molto di coraggioso negli scritti di FK. Azzeccato il paragone con Ammanniti, il primo però, quello di Fango. Manieristicamente parlando mi sembrano una bomba, già pronti per il Museo Letterario Italiano degli anni ’90 (basta falsificare la data di pubblicazione).
    Insomma, se c’è parodia sul presente o su quel passato è troppo nascosta e non va a segno.
    Detto ciò, da cultore del genere, questi pezzi mi piacciono assai parecchio.

  19. Stefano il 21 luglio 2007 alle 23:34

    >dove prospera il nick non cresce la civiltà letteraria, solo la paraculaggine.

    E l’ipocrisia, assieme ad una certa sensazione di impunità, onnipotenza…
    Quoto in pieno Valter Binaghi.
    E questo non è un problema da sottovalutare, così non è leale… Vogliamo incontrarci da qualche parte e dirci queste cose in direttamente in faccia? Tecnicamente impossibile, finirebbe a bottigliate in faccia. Evitiamo quindi che questi spazi si trasformino nel surrogato scaduto delle nostre frustrazioni, nel simulacro stantito dei nostri tabù.

    >Perchè uno che scrive e commenta, magari dicendo cazzate ma mettendoci >la faccia, deve subire insulti a tradimento da chi è codardo nell’anima o >esercita basso killeraggio per conto del cugino camorrista?

    Non è la persona che commenta ma il suo avatar, una sorta di superego supereroe, un crocefisso che mantiene immacolata la coscienza e la faccia del suo alterego-padrone, una velina che filtra l’istantanea sempre aggiornata della coscienza, ma ripresa da una webcam.

    Io sono Io.
    Nomecognomeindirizzo.

    E codicefiscale

  20. Blackjack il 21 luglio 2007 alle 23:52

    Tanto per rimanere in tema, anonimo pure io e non ho alcuna intenzione di raccontare chi sono: non avrebbe senso e non son nessuno.
    Ciò non toglie che questo pezzo di Krauspenhaar, a differenza degli altri, non mi è piaciuto. Sa scrivere molto bene Krauspenhaar, senza ricorrere a sporchi trucchi e questo esercizio mi pare poco più che uno sfogo.
    Come quando ti siedi a un tavolo di provincia, che non ha interesse, e ti offri per accontentare l’auditorio e spennarli senza colpo ferire.
    Semplice come sparare alla Croce Bianca.

    Le altre polemiche mi paiono fuori luogo e pretestuose. E poi, detto da un illustre mentecatto della letteratura quale sono: il miglior libro di Scarpa è e continua a rimanere “Venezia è un pesce” e già il titolo è un programma; di Moresco non me ne viene nemmeno uno. Qualcuno mi fa l’elenco per favore? Lo so, sono un lettore anomalo e poco affidabile.

    Blackjack.

  21. valter binaghi il 22 luglio 2007 alle 00:31

    @Blackjack
    Nemmeno io sono nessuno, ma impedendomi di usare il nick mi obbligo a rispondere delle mie affermazioni, e soprattutto a non giocare su due o tre tavoli. Pensaci.

  22. franz krauspenhaar il 22 luglio 2007 alle 00:41

    Ah ecco, non toccate i “mostri sacri”, ho capito. Lei Cristina non ha capito il senso di quel che volevo intendere, quando li ho tirati in ballo. Per il resto, tutte le vostre critiche sono legittime. Anche alla mia mancanza di carattere, naturalmente.
    Mi permetto però un’osservazione, perchè, al di là del risultato, ho voluto comunque fare un’operazione abbastanza seria: se credete che simili cose non esistono, che sono solo frutto della fantasia del sottoscritto, allora siete o dei disinformati o degli ingenui. Pensare al trash e basta, quando TUTTE queste cose sono successe e succedono (per esempio il primo episodio mi è stato raccontato vent’anni fa da una persona fidatissima, e l’unica variante che ho apportato è stata quella dell’ambientazione romana) mi pare segno, se non altro, di leggera miopia.

  23. fior della francesca il 22 luglio 2007 alle 01:09

    del nick

    1. è divertente se lo si cambia spesso, fantasiosamente
    2. come ha detto black, se non sei nessuno che differenza fa?
    3. magari sei qualcuno in un altro campo e preferisci non esporti a terzi , non agli indiani (niente a che vedere con la vigliaccheria)
    4. non si nasconde , si maschera, per dire maialate, qualche volta
    5. se metti il tuo nome nessuno ti fila, il nick dà credibilità
    6. nick o non nick se sei una noce vuota sei una noce vuota
    7. l’uso del nick attesta che non sei un lacché, non sei in carriera editoriale,
    a meno che il tuo nick non sia per strategia
    8. Usi il nick perchè non ti va di essere messo in rete, contrariamente a chi ne fa un calcolo e scrive mortifere cose corrette
    9. il nick esprime le diverse faccette di sè, pessoa
    10. il nick si dichiara, il nome cognome è ambiguo
    11. i carbonari usavano un nick, gli austriacanti no.
    12. il nick non dice: si ricordi di me dottore, a meno che non sia un falso nick

  24. marco rovelli il 22 luglio 2007 alle 05:09

    mastro geppo, io ti [*************]. testa di cazzo. E’ questo che vuoi? eccolo.

  25. Mastro Geppo il 22 luglio 2007 alle 08:49

    Rovelli, lei è pericoloso per questo luogo virtuale. Per una minaccia del genere, ai miei tempi lei sarebbe stato processato e condannato. Nazione Indiana accetta che vengano avanzate simili minacce? Di questo passo un giorno potreste trovarvi il sito oscurato e saprete perché.

  26. cristina il 22 luglio 2007 alle 08:56

    Non posso crederci, l’ha fatto di nuovo! Sempre a nascondersi dietro qualcuno, ma è capace di ricevere una critica e rimanere in piedi senza spalleggiarsi di qua e di là?
    Io non ho mostri sacri.
    Lei ha istituito arbitrariamente un paragone, io le ho fatto notare che il paragone semplicemente non sussiste perché, prima che una questione di gusto è una questione di stile, e del suo, mi permetta, promana solo sciatteria. Oh, ma lei è liberissimo di aspirare, oltre che al Premio Strega con Ammanniti, anche al Premio Pulitzer, faccia, faccia pure.

  27. Chapuce il 22 luglio 2007 alle 09:25

    sono disgustata!

  28. Mastro Geppo il 22 luglio 2007 alle 09:45

    Krauspenhaar non accetta le critiche negative anche quando costruttive come le sue, Signorina Cristina. Comunque si può star sicuri: Krauspenhaar non vincerà mai niente. Se in futuro pubblicherà è ben difficile che lo si prenda sul serio. La sua scrittura è molto sciatta, non solo per questo racconto, tipica di un dilettante.

  29. inps il 22 luglio 2007 alle 09:53

    Franz wrote:
    TUTTE queste cose sono successe e succedono

    da nick mi permetto di dire (e non voglio offendere, solo invitare alla meditazione) che anche le famose canzoni dell’osteria raccontano cose vissute (di cronaca, se non altro). Il nonno che si in…la il/la nipote per esempio. eppure l’osteria numero x non mi è mai piciuta come canzone anche se ha un indubbio valore di lettura ‘popolana’ di certi tristi fenomeni.
    Nel testo non vedo neanche questa lettura e non si tratta di questione di nick impertinente, si tratta di mancanza di spessore del testo. Non venitemi a chiede quale…..sono un nick, arrangiatevi da nomecognomeindirizzocodice fiscale.
    augurovi serenità

  30. ettore malacarne il 22 luglio 2007 alle 09:54

    Chiedo scusa se arrivo così a dire due cose ma questa mattina ho un attimo di tempo.
    L’anonimato nei forum e nei blog, se è una garanzia di liberta, spesso si trasforma nella danza dei topi quando il gatto non c’è. Voglio dire che, tutelate dall’assenza di una faccia, le frustrazioni si mostrano nell’invettiva, nel parlare sconcio e nella slealtà intellettuale. Poi c’è anche la possibilità di dare sfogo al proprio desiderio di affermazione e vi sono forum dove, è evidente, dietro decine di nik si cela la stessa tastiera, che srotola fili di frasi per creare una base di consensi, ma più che creare simpatia, con le decine di opinioni autoespresse, si ottiene l’effetto opposto. Infatti il senso di fastidio che si prova si trasforma in rifiuto che può arrivare anche ad un esplosione legittima di- ma vai a fare in culo (adesso anche concesso e non più offensivo per legge). Questo per dire che, se l’anonimato è una tutela della libertà, molte persone non sanno cosa farsene della libertà tanto che appena si sentono non viste infilano le dita nella marmellata, fanno dispetti, offendono slealmente, giocano con il loro attributi, rompono le cose, ruttano o semplicemente compiono azioni per il solo gusto della provocazione. Grande libertà da tutelare. E’ che il bisogno di libertà nasce dalla coscienza di ciò che si è e soprattutto di ciò che è vitale e imprescindibile. Se non sai chi sei e cosa ti necessita veramente puoi passare il tempo della tua esistenza anche così, ad usare un nik per sporcare di cacca la sedia del vicino. Siamo molto lontani dai nomi in codice o dagli pseudonimi.
    La seconda cosa che voglio dire è che i testi postati da Franz sono scritti in un romanesco fasullo, quindi dal punto di vista linguistico li trovo privi di interesse. Le situazioni che descrive sono naif più che truci. Il fatto che sia stato scomodato Pasolini mi sembra da ignorare. Permettimi Franz di consigliarti di non cercare legittimazioni per questi tuoi divertimenti privati, ti risparmierai di essere considerato ridicolo. Cosa importa alla fine vero? Reso ridicolo un nik potrai sempre crearne un altro, facendo così perdere del tempo a tutti e soprattutto a te stesso.

  31. fk il 22 luglio 2007 alle 10:20

    Cara Cristina, ma chi si nasconde dietro chi? Non è che questo testo sotto sotto la disturba per questioni extraletterarie? (Il mondo è pieno di bacchettoni da bachettare, a mio immodesto avviso).

    Caro Malacarne, il romanesco usato è fasullo perche è una mia interpretazione del romanesco. Avrei potuto rivedere il testo con amici romani da generazioni ma non l’ho fatto per scelta. Non m’interessa che l’evocazione di un mondo impastato di celluloide, che a sua volta nasce dal mondo vero – di ogni tempo e luogo- della sofferenza e del degrado. E’ una lingua letteraria e cinematografica al grado zero; i riferimenti filmici sono chiari. Non credo che PPP da lassù possa sentirsi oltraggiato, sinceramente.
    Il romanesco è una lingua cinematografica. Inoltre si presta assai bene ad essere contaminato con innesti di neologismi ecc. Diciamo che è molto “plasmabile” per uno scrittore. Inoltre è perfetta per raccontare situazioni di violenza vere o verosimili sul filo del paradosso. Insomma, devo spiegarvi veramente tutto:-)

    Mastro Geppo, che le devo dire, me ne farò una ragione, non sempre si puo’ vincere, mandi lei un suo “elaborato” e ci faccia vedere cosa sa fare.
    Sulla finta minaccia di Rovelli, non sia lei, dal basso del suo ridicolo nome falso, a fare minacce di chiusura del sito a noi.

    Questione nick: è piacevole leggere il decalogo dei nick scritto da un (per noi) noto provocatore del web. Uno che è costantemente messo in moderazione.

  32. paola castagna il 22 luglio 2007 alle 10:22

    A mio avviso le storie qui scritte di Franz hanno volutamente mandato un messaggio, importante per l’autore.
    Tale messaggio sarà utile all’autore stesso per riprendere il filo di uno scrivere attuale, carico di poetica scansando le rabbie, tutelando un Io.
    E ricordo a tutti…
    Ragazzi la vita è più semplice, molto più semplice, parole sante dette da un bambino già qualche anno fa…
    buona domenica a tutti e fate bello!
    eventualmente Franz ti racconto cosa ha fatto fabèl

  33. Mastro Geppo il 22 luglio 2007 alle 10:48

    Krauspenhaar, lei difenda pure questo suo parto: fosse onesto con se stesso rinoscerebbe che è insignificante. Non è da lei ammettere: si arrampica sugli specchi pur di giustificare la sua scrittura nonché la sua presunzione. Tutto ciò al di là del finto romanesco, delle storie realmente accadute, delle citazioni a Pier Paolo. Come direbbero in osteria: è na boiata, ci facci il piacere, torni a magnà.

    Rovelli è pericoloso, per questo sito e non solo: non ha nessuna attenuante, non ha il tono dello scherzo. Quella è una minaccia. Che si arrivi al punto di minacciare di morte in Rete, questo, Signor Kraupenhaar, lo trovo inaudito.
    Rovelli dovrebbe come minimo chiedere scusa, alla Rete, pubblicamente: troppo comodo farlo fra i commenti. Ciò non toglie che LA MINACCIA DI MORTE AVANZATA DA MARCO ALDERANO ROVELLI è atto gravissimo e criminale, da condannare sotto ogni profilo. Difenderlo significa solo rendersi complici.

    Non vuole essere una minaccia la mia: ma prima o poi, di questo passo, Nazione Indiana finirà male. Una minaccia di morte rimane una minaccia di morte e non viene ignorata, nick o non nick del sottoscritto.

    Cordialmente.

  34. fior della francesca il 22 luglio 2007 alle 10:58

    siamo alla delazione
    coraggio, un altro passettino

  35. Annalisa Rocco il 22 luglio 2007 alle 11:04

    @Mastro geppo:
    lei si rende ridicolo!
    sta calcando la mano dove non necessita!
    Si passi una buona domenica, magari in montagna dove l’aria è più fina
    e soprattutto…
    SI RILASSI!

  36. Carlo Cafiero il 22 luglio 2007 alle 11:16

    “E quel Rovelli che ha mangiato nel piatto di Giuliani…”

    Disonorevole Mastro Geppo, lei è solo un miserabile omuncolo che da giorni si diverte a provocare e a sputare fango, in un modo o nell’altro, sulla memoria di un ragazzo di venti anni assassinato. Basta leggere uno solo dei suoi commenti ai post precedenti per accorgersi di quanto lei faccia letteralmente schifo.

  37. fk il 22 luglio 2007 alle 11:19

    Lei M.G. continua a minacciare Rovelli (che ha usato il mezzo in maniera solamente provocatoria, e lei lo sa) e ora anche me. Credo che la metterò in moderazione (grazie a Dio non tutto è permesso, in rete).

    Noto provocatore, da questo momento lei è bannato da questo thread, altro che delazione. Siete al riparo – siete nick – ma fino a un certo punto. Così la questione si chiude.

  38. fior della francesca il 22 luglio 2007 alle 11:36

    mabruk!

  39. fior della francesca il 22 luglio 2007 alle 11:37

    non ti funziona il banner?

  40. Blackjack il 22 luglio 2007 alle 11:39

    @Binaghi: la tua affermazione (relativa a nome-cognome vs nick) è solo parzialmente vera. Le motivazioni sono semplicissime e provo ad elencarne qualcuna:
    1) questo blog, come quasi tutti i blog, non ha alcun sistema di autenticazione dei commentatori in grado di garantire la reale identità del commentatore;
    2) inserire un simile sistema non sarebbe affatto semplice e, quasi sicuramente, porterebbe a un calo dei frequentatori;
    3) nessuno (dei commentatori) è in grado di capire se un nome-cognome a volte commenta con un nick diverso, magari per comodità;
    4) nessuno (dei commentatori) è in grado di capire se un nick a volte commenta con un nick diverso o magari con un nome-cognome;
    5) anche i gestori del blog possono solo fare delle ‘deduzioni’, partendo dall’indirizzo IP del commentatore a loro noto, sulla presunta identità;
    6) in caso di ‘diatribe’ vale comunque, per quel che conta e se utilizzabile, l’indirizzo IP di chi commenta. Il fatto che il commento sia ‘firmato’ con nome-cognome non ha alcun valore giuridico, ai fini dell’identificazione della persona, appunto perché non esiste un sistema di autenticazione certa del commentatore abbinato al blog;
    7) generare false identità è di una banalità disarmante.

    Rimane, a questo punto, solo l’onestà personale. Io mi firmo Blackjack perché mi piace e non utilizzo altri nick per il semplice motivo che non riuscirei a dare un senso logico alla discussione (quando c’è) e mi perderei. Non vedo motivi validi, non essendo né uno scrivente, né uno scrittore, né un aspirante scrittore, né una persona pubblica, per utilizzare il mio nome-cognome (che comunque non sarebbe garanzia di alcunché non utilizzando, il blog Nazione Indiana, sistemi che garantiscano l’identificazione e il non ripudio).

    Come puoi fare per essere certo che sia sempre lo stesso Blackjack a rispondere? Semplicemente puoi basarti solo sullo ‘stile’ e nemmeno gli IP possono aiutarti, sempre che ti sia accessibile, perché ora il mio IP arriva dall’Italia, ma fra un attimo potrebbe essere statunitense, o russo, o tedesco, o giapponese; eppure continuerei ad essere Blackjack.

    In pratica: nessuno impedisce a un nome-cognome di giocare su due o tre tavoli così come nessuno lo impedisce a un nick. E’ solo una questione di correttezza.

    Blackjack.

  41. Chiara Daino il 22 luglio 2007 alle 11:51

    La realtà descritta è.

    Lo squallido vero. E magari fosse: finzione narrativa. Non è la prima volta che uno scritto di Franz mi provoca pianto di rabbia e nausea per la violenza concentrata e senza filtri. Troppo sensibile? Sicuro. E temo chi – abituato al brutto – non ha più: reazioni.

    Quanto dipinto non ha più niente dell’essere umano. O forse è troppo umano perché io possa accettarlo – senza che lo schifo e l’orrore mi pervadano.

    E ritorno ai miei mulini e ai miei roghi: contro tutto. Questo e altro.

  42. Blackjack il 22 luglio 2007 alle 11:53

    Rovelli, ma uno sputacchio non poteva bastare? Chi ha visto la morte in faccia, o anche la sofferenza che può portare alla morte (e a te sono capitate entrambe le cose) non dovrebbe mai utilizzare la ‘morte’ in modo diretto: nemmeno per provocazione.
    E’ un macigno troppo difficile da gestire; per chiunque.

    A volte non sono d’accordo su ciò che scrivi, e ci mancherebbe (vedi la tua interpretazione sulla vicenda Carlo Giuliani), altre volte appoggio in toto quello fai e scrivi (vedi vicende con Giovanardi), ma in questo caso, anche se la provocazione può essere evidente, ma coglierla è solo in funzione della sensibilità personale, la frase mi pare esagerata.

    Avrei preferito, di gran lunga, uno sputacchio o un caro, vecchio e sano vaffanculo.

    Blackjack.

  43. s ciaruffoli il 22 luglio 2007 alle 12:09

    Cuccare una tipa in chat o fare dello spam sono due discorsi sui quali l’anonimato calza a pennello. L’ammiratore anonimo c’è sempre stato, anche su carta, anche al telefono. Mentre chi fa spam viola la legge, si mette la maschera di un presidente e entra in banca per rapinarla. Non gli si può chiedere di farlo a viso scoperto.

    Ma dire che l’anonimato, al di fuori di questi due esempi, e quindi nei forum e nei blog, è una garanzia di libertà, è come dire che sparare in testa a uno è garanzia di libertà.

    La libertà è esporsi col proprio grugno, guardare e essere guardati mentre si guarda. L’anonimato non è un diritto, è una concessione mercantile: molti anonimi, molti accessi.

    Te la fanno passare per vessillo democratico ‘sta storia dell’anonimato. Anonimi perché è pericolosa la rete, ci hanno detto. La strada invece non è pericolosa, perché se provi a nasconderti dietro un velo ti arrestano.

    A questo punto fa bene Raimo a non rispondere ai commenti.
    La democrazia è guardarsi in faccia, non è democrazia, invece, non offrire la possibilità agli altri di vederti.

    Solo diritti in rete? Se non vuoi farti vedere puoi leggere, ma se scendi in campo hai il dovere di presentarti con le tue generalità.

  44. fk il 22 luglio 2007 alle 12:10

    Abbi pazienza: basta leggere tutto lo scambio tra Marco e Mastro Geppo (ma un nick meno ridicolo non lo poteva trovare?) per capire le intenzioni dello stesso Marco;persona, per chi non lo sapesse, di specchiata eticità. E per me questa non è soltanto una parola. Quindi, se non vi dispiace, il discorso sulle presunte “minacce” si chiude qui. Grazie e buona continuazione.

  45. fior della francesca il 22 luglio 2007 alle 13:29

    ma via, ciaruffoli, l’anonimato sta nelle anonime cose che si scrivono.
    Se qui si esprimessero dei caratteri e delle competenze, non ci sarebbero paranoie e paranoici.
    Ci sono dei forum frequentati solo da nicks dove il dibattito è serio e proficuo, perchè?

  46. Pamela Canali il 22 luglio 2007 alle 14:03

    L’invocazione di misure poliziesche fino all’oscuramento del sito, non ha fondamenti logici né legali.
    Sotto il profilo legale, non mi risulta che il codice contempli il reato di minacce contro ignoti e credo che, qualora Mastro Geppo palesasse la sua identità, al solo fine di sporgere querela, la sua istanza non potrebbe essere presa in considerazione, in quanto la minaccia risulterebbe sempre precedente alla conoscenza della sua identità. Rimarrebbe quindi una minaccia contro ignoto, inesistente nel codice.
    Da un punto di vista non legale, questa minaccia mi sembra perdere ogni connotazione minacciosa, proprio per la mancanza di conoscenza dell’identità del minacciato. Rimane un semplice sfogo, una manifestazione di rabbia.
    Ricordo un episodio avvenuto su vibrissebollettino. Un nick femminile, che a me è sembrato un po’ fuori di testa, per il tenore strampalato degli interventi, ad un certo punto ha chiesto che qualcun altro si scusasse con lei, in quanto figlia di un appartenente alle forze dell’ordine, per certe cose che erano state scritte e le sembravano lesive del buon nome di non so che arma. In quell’occasione io ho protestato. Il nick era apparso dal nulla, conoscerne l’albero genealogico era possibile solo ad esperti veggenti. Che pretendesse le scuse per un’eventuale offesa fatta all’ignoto padre dell’ignoto nick, era assurdo. Mi sembra che questa sia una circostanza altrettanto paradossale.
    Non ho letto gli altri post, ma mi riprometto di farlo. Probabilmente negli interventi di Mastro Geppo soprastanti ci sono gli estremi per una querela. In questo caso, si, la polizia postale potrebbe intervenire. Riuscirebbe facilmente ad identificarlo. Lui, d’altro canto, non può querelare nessuno.

  47. The O.C. il 22 luglio 2007 alle 14:27

    Veramante qua stiamo perdendo la testa. Ti denuncio, l’arma di azzeccagarbuglio.

  48. The O.C. il 22 luglio 2007 alle 14:28

    Voglio dire, geppe’, lo riesci a vedere anche il gioco di questo blog? L’importante è che non diventi un giogo.

  49. Stefano_B il 22 luglio 2007 alle 14:55

    Questo racconto mi ha fatto venire in mente -più che Pasolini- quel trio di quel famoso delitto/stupro di Ostia di fine anni Settanta (credo). Non discuto la qualità letteraria perché non ho competenze specifiche per farlo.

  50. Stefano_B il 22 luglio 2007 alle 14:59
  51. fior della francesca il 22 luglio 2007 alle 15:19

    gli stralci di fk sono solo effetti speciali, visto uno visti tutti, non è trash, è marinismo manierato affettato ostentato marinato, orrore desta in chi è abituato al sobrio e reaziona

  52. cristina il 22 luglio 2007 alle 16:26

    FK: “Cara Cristina, ma chi si nasconde dietro chi?
    Non è che questo testo sotto sotto la disturba per questioni extraletterarie? (Il mondo è pieno di bacchettoni da bachettare, a mio immodesto avviso)”.

    Signor Krauspenhaar, lei ha la capacità di cacciarsi nei guai da solo, facendo tutto con le sue mani…dunque, vediamo un po’, se ho capito bene, nel suo scritto c’è qualcosa che dovrebbe disturbarmi sotto un profilo extra-letterario…hmmm…guardi, basterebbe che le domandassi perché proprio io dovrei rientrare nella categoria “bacchettoni da bacchettare” tanto da meritare il ludibrio di finire nel suo “raccontucolo”, e voilà il gioco è fatto.
    Mi ascolti, io non ho paura di lei, ma preferisco fermarmi qui e le consiglierei vivamente di fare altrettanto.
    Per me è sufficiente sapere che, come al solito, non ho raccolto da lei un briciolo di argomentazione di tipo letterario, ma l’ennesima risposta di stampo intimidatorio, com’è nel suo stile. Stia bene!

  53. linnio il 22 luglio 2007 alle 16:26

    Franz, io vorrei che per incantamento Victor Cavallo nostro fosse di nuovo fra noi e prestasse la vociaccia sua roca, fracicca d’alcol e robacce assortite, per gridacce o bisbigliacce due o tre di ‘sti frammenti che non si possono apprezzare se non a voce alta.

  54. fk il 22 luglio 2007 alle 18:05

    Grazie Linnio di aver ricordato il grande Victor!

    Grazie a Pamela per aver spiegato la questione sotto il punto di vista legale.

    Cristina, lei deve avere dei grossi problemi. Immagino. E se mi conoscesse cosa farebbe, mi farebbe picchiare a sangue dai suoi amichetti?
    Stia bene lei (che ne ha bisogno).

    Stefano B. ha ricordato a mio avviso correttamente il famoso delitto del Circeo. I cui autori però appartenevano alla classe medio-alta e avevano una forte connotazione politica.

  55. cristina il 22 luglio 2007 alle 20:51

    fk, lei cominci a pregare che io non abbia mai a conoscerla meglio di così, perché le assicuro che dovrà affrontare problemi molto più grossi dei miei.

  56. franz krauspenhaar il 22 luglio 2007 alle 21:01

    Ecco, sta minacciando. Brava. Si può sapere cosa si è messa in testa? non mi conosce, ha letto poche mie cose in rete. Se ha dei problemi si curi. Se ha dei problemi con me (strano, poichè non mi conosce) la ascolto. Ma eviti d’ora in poi di girare attorno alle cose, di alludere minacciosamente. Arrivi al punto.

  57. Stefano_B il 22 luglio 2007 alle 21:08

    @fk
    Tra le righe mi era parso di leggere dei riferimenti anti-comunisti, cosa che di certo non fa del narratore un fascista (ma invece è un balordo generico non così connotato). Mentre leggevo, comunque, ho immaginato che uno dei tre (quello che di recente ha compiuto un ulteriore delitto e di cui mi sfugge il nome) potesse arrivare a PENSARE esattamente così, questo al di là della differente provenienza sociale.

  58. Tino S. Fila il 22 luglio 2007 alle 21:53

    ‘Azzz!!! E chi se lo sarebbe mai creso!!! Qui il caldo ormai provoca effetti devastanti, con sinapsi in ebollizione in libera uscita permanente. Senza ritorno, presumo.

    Huè, guagliù, perché non venite a fare uno stage nella mia panetteria, c’è comunque uno sfilatino per tutti. Magari, a contatto per qualche settimana con temperature vicino ai sessanta gradi, qualcuno riesce anche a mitridatizzarsi, evitando di assistere in futuro allo spettacolo indecente dell’evaporazione del proprio patrimonio neuronale.

    p.s.

    Se la richiesta sarà, come temo, esuberante, anticipo a tutti che sarò io a fare la selezione. Niente contro gli altri, per carità, ma, sfilatino per sfilatino, preferisco prestare le mie cure a pazienti sine volatìlibus. Non so perché, ma sono convinto che la cura abbia una migliore e più duratura efficacia bene-fica.

    Vi aspetto in tante, ma senza esagerare, plìs.

  59. diamonds il 22 luglio 2007 alle 22:28

    questo posto sta cominciando a piacermi(forse perchè sembra di stare sul bounty nei prodromi dell’ammutinamento).Ma temo che a breve qualcuno invocherà un esorcista

  60. Tino S. Fila il 22 luglio 2007 alle 22:39

    Egregio signor diamanti, anche lei mi piacesse assai. Ma non fraintenda, la prego (cfr. mio post scriptum precedente). E’ che, quando ho visto quella finestra spalancata sul mare, mi sono sentito come un forno capace di produrre in un colpo solo centinaia di sfilatini. E tutti ben lievitati, tostati e dorati al punto giusto.

    Per l’esorcista non si preoccupi: qui ce n’è già parecchi in azione, mandati alla bisogna direttamente dal santuffizio in persona. Per saperne qualcosa in più sul bounty, si rivolga con coraggio e fiducia a tashtego: è lui l’esperto in materia.

  61. diamonds il 22 luglio 2007 alle 23:10

    vi aspetto tutti dallo zio allora,per discuterne in dettaglio.Non dimenticate nani(basta che siano frati trappisti con un buon bagaglio culturale in termini di viaggi interiori)e ballerine(che conoscano perlomeno l’autore della sinfonia pastorale)

  62. Caio Giulio Cesare il 23 luglio 2007 alle 06:47

    che sfigati. disprezzate i caramba e li mandate a quel paese e peggio, minacciate d’ammazzare uno sparandogli al volto, ma appena vi spettinano un pelo del cazzo chiamate a mammà e urlate come checche isteriche che ve l’hanno palpato e allora la legge tanto disprezzata la invocate per i comodacci vostri. ma non vi fate un po’ pena, non avete vergogna di voi stessi? come si fa a darvi credito…

  63. Pamela Canali il 23 luglio 2007 alle 08:44

    Caro caio ecc., qui l’unico ad invocare la legge è stato Mastro Geppo. Io, che non sono autrice di questo blog, ma una semplice lettrice e raramente commentatrice, mi sono limitata ad illustrare l’errore giuridico in cui era caduto e a considerare che quella che lei chiama “la minaccia contro uno”, essendo diretta ad un nick dall’identità sconosciuta, equivale alla minaccia contro nessuno, perdendo di conseguenza la sua connotazione minacciosa.

  64. Caio Giulio Cesare il 23 luglio 2007 alle 09:28

    quel rovelli lì ha fatto una minaccia pesante grave. qui voi la prendete a ridere, ma mica è così. nick o non nick, pamela, le minacce di morte sono minacce di morte. c’entra un calzino ciucciato che la minaccia è stata rivolta a uno che ha un nick. io rovelli non lo conosco e mi auguro di non conoscerlo mai, ci sono troppi spostati di testa in circolazione, anche in rete adesso. è la prima volta che mi capita di leggere di una minaccia di morte in rete. non so con che faccia tosta si difende la posizione criminale di rovelli, avanzare una minaccia di morte è reato. tutto il resto, pamela, incluso quello che lei ha detto non ha alcun senso giuridico, tanto più che quel mastro geppo non ha fatto altro che difendersi ma specificando che di questo passo… ma non ha detto adesso io vi faccio la denuncia. la denuncia l’avete invocata voialtri, che se poi la polizia da te invocata avrebbe da scavare in nazione indiana e solo l’iddio nostro sa che ci troverebbe, perché non è la prima volta che nazione indiana finisce nel mirino per cose che chiare non lo sono per niente. qui è pieno di anonimi che spaccano le palle e di brutto. no, la polizia postale, pamela, non farebbe niente a mastro geppo, per quanto irritante, perchè non ha fatto minacce, mentre rovelli le ha fatte e l’ha pure firmata in maniera che mica si scampa, e allora nick o non nick la figura sarebbe tutta di nazione indiana, non dico che l’oscurebbero, se qualcuno fosse così fesso di fare denuncia, però un bel provvedimento lo prenderebbero e allora sì che sarebbero cazzi amari per nazione, un ritorno di immagine che non so chi gliela fa fare. piuttosto se fossero un minimo furbi richiamerebbero all’ordine quel rovelli. pure io lo vedo pericoloso e non voglio saperne di più di questo tipo, perchè è la prima volta che una minaccia così la leggo in rete e sono scandalizzato e in un sito che dovrebbe dire di altre cose e non minacciare nick che sono persone e poi invocare chiusure lampo cerniere roghi e pistole d’ordinanza perché gli hanno torto un pelo del cazzo. ci vedo solo una figura di cacca qui, comunque una minaccia così mai letta in rete, per me è grave, non so se ci sono altri casi, ma nazione indiana farebbe bene a darsi delle regole invece di dare calci in culo come gli asini a chi non gli piace. si guardasse in casa gli elementi che ci ha invece di sventolare eticità supposte. eccheccazzo. arrangiatevi, però lo schifo rimane.

  65. fk il 23 luglio 2007 alle 10:01

    Un altro che fa finta di non aver capito… Senta, Nazione Indiana non è per cuori teneri, anche grazie a certi commentatori. Il problema è che qui si è sempre stati di manica troppo larga. Troppo disponibili con chiunque, nick o non nick. E questo si paga. L’indifferenza, la chiusura dei commenti, sono cose che invece preservano dai guai. Chissà, magari nel futuro anche qui verranno chiusi i commenti, cosa che, allo stato attuale delle cose, a mio avviso non guastarebbe. Ma all’interno di Nazione Indiana ci sono persone oneste. Se non le basta la mia parola (come immagino) non so che farci. Ma mi lasci anche dire che, al di là del discorso giuridico, chi si firma con un nick o col nome di battesimo e basta automaticamente si pone in una condizione di minore autorevolezza in una discusione, perchè manca – alla fonte – la presa di responsabilità piena di cio’ che si dice. Non è questione di CHI si è, ma di come si fa uso della propria identità. Buona continuazione.

  66. sergio garufi il 23 luglio 2007 alle 10:22

    mi sembra di avvertire un’escalation di efferatezze sia nei post che nei commenti. in entrambi i casi è inutile: nei primi perché il mattatoio del vicino è sempre più rosso, e nei secondi perché gli insulti e le minacce virtuali squalificano solo chi li pronuncia, e si fa miglior figura a ignorarli. lo dico soprattutto come promemoria a me stesso, beninteso.

  67. diamonds il 23 luglio 2007 alle 11:11

    magari era una pistola ad acqua

  68. noto provocatore il 23 luglio 2007 alle 11:39

    prova di interdizione

  69. noto provocatore il 23 luglio 2007 alle 11:43

    tira su un po’ quella corda (Toscanini)

  70. Tino S. Fila il 23 luglio 2007 alle 12:22

    Secondo me si sta ricamando sul nulla, ma non è un ricamo neutro da parte di chi l’ha imbastito e sta continuando a imbastirlo, cambiando nick e spostandosi magari su un altro computer.

    Il senso è chiaro, almeno ai miei occhi, e già da tempo: NI sta sulle palle a parecchia gente, persone, alcune delle quali facilmente riconducibili a identità reali ben precise, che non perdono occasione per entrare nei commenti e provocare fino all’esasperazione.

    Ed esasperazione è proprio la parola giusta, credo: vedere il prorio lavoro, offerto gratuitamente, non criticato, argomentando, come sarebbe giusto, contrapponendo punti di vista a punto di vista, ma letteralmente smerdato e infangato, al solo fine di provocare scomposte reazioni a catena, farebbe vedere rosso anche a un cieco.

    Faccio un esempio. Qualcuno di voi ha letto, veramente, tutti i commenti (sic!) che il signor mastrolindogeppetto ha disseminato nei vari post negli ultimi giorni? Volgarità malamente camuffate, apprezzamenti pesantissimi sulle persone e sui loro valori: su Rovelli ha imbastito una sorta di caccia all’untore, cercando di fare terra bruciata, con argomentazioni sospese tra il più becero qualunquismo e vocazioni nazistoidi appena appena controllate, tutto ciò che ha postato, coprendo di fango il ricordo di un ragazzo ucciso intorno al quale si cercava di imbastire una riflessione comune sul senso della nostra storia e della nostra memoria; Krauspenhaar è stato letteralmente aggredito, non è stato contestato nel merito del racconto proposto, ma insultato come persona (se qualcuno ha dei dubbi, dia pure un’occhiata in giro). E c’è pure qualcuno che lo difende, quel tizio mascherato da pirla, cioè da se stesso?

    Quanto all’eccesso che si rimprovera a Rovelli: ma a nessuno di voi è capitato di vedersi buttare letame in casa, ripetutamente, di uscire in strada e dire “o te ne vai, o ti ammazzo”? Non voglio giustificarlo, perché avrebbe dovuto comunque contenersi a livello verbale, prevedendo l’uso strumentale che di quelle parole, artatamente decontestualizzate, sarebbe stato fatto, come in effetti sta avvenendo. Ma ha tutta la mia solidarietà e comprensione.

    Non bastassero i mastrolindi d’accatto, l’attacco più subdolo, sempre a mio parere, viene da un’altra categoria di personaggini, che qualcuno, non ricordo più chi, con felicissima espressione, ha definito “ustionati psichici”. Sono quelli che, ad ogni commento positivo, su qualsivoglia testo, intervengono a dire che si tratta di una combriccola di amici, che ciò è vergognoso, che si cerca di accaparrarsi benevolenze e passaggi vari (sic!!!), che ci scambia inconfessabili favori, e via delirando… Conosco persone che, ormai da tempo, non commentano più, proprio per non vedersi accomunati, da questi minus habentes, in chi sa quale pastrocchio, o peggio…

    Ecco, io credo che vogliano, molto semplicemente, farvi chiudere; o, visto che non ci riusciranno mai, costringervi a chiudere i commenti, oppure a far ricorso a forme di controllo che, non solo sono contrarie a ogni forma di espressione e di libertà, ma scaverebbero comunque la fossa alla specificità etico-politico-culturale di questo spazio.

    Lancio un appello, a tutti i commentatori, a partire da quelli di solito più critici, nel senso più inteligente del termine: ci si contrapponga quanto si vuole nel difendere le proprie convinzioni, anche con accanito furore (ma sempre dialettico, e mai offensivo della dignità della persona con cui ci confrontiamo) e si ignorino, ma davvero!, coloro che, trolleggiando, hanno un unico scopo: quello di cui sopra. Si lasci che i loro sputacchi, ai quali nessuno risponde, stiano lì, inghiottiti lentamente dall’oblio della rete, come i loro legittimi proprietari.

  71. Pamela Canali il 23 luglio 2007 alle 12:46

    Sono d’accordo con Tino, ma rispondo brevemente per l’ultima volta.
    Sul codice penale caio ecc. ha le idee un po’ confuse. Gli consiglio un veloce ripasso, con particolare attenzione ai reati di ingiuria, calunnia e diffamazione.

  72. massinissa il 23 luglio 2007 alle 13:24

    consiglierei a tino di leggersi il thread musica a delfi in vasicomunicanti.
    Poi parliamo di combriccole e di che cosa è vergognoso e delirante.
    Specificità etico-politica-culturale? A me sembra un cartello, con qualche scartellato e una corte di groupies, precisamente.

  73. Tino S. Fila il 23 luglio 2007 alle 14:41

    Non l’ho seguìto, ma credo di capire a cosa alludi (appena ho tempo lo cerco), e, se è quello che penso, mi dai la possibilità di aggiungere un piccolissimo paragrafo a ciò che ho scritto sopra. sbagliando, lo davo per scontato.

    Trovo gli sdilinguimenti ad oltranza e le esaltazioni da dementi, a volte anche di fronte a delle poesiole o a dei raccontini insipidi, vomitevoli quasi quanto gli sputacchi. Ciò non riguarda, comunque, le tante persone che semplicemente, spesso, ma non sempre, motivando, vogliono esprimere il loro gradimento per quanto hanno letto.

    Ma questo, almeno credo, è un problema non addebitabile ai redattori. Voglio dire: se io posto una canzoncina fischiettata da me al mattino prima di radermi, e qualcuno arriva e mi dice che sono il nuovo Mozart, cosa faccio? Cancello? Semplicemente ne rido, sperando che la mia implicita risata arrivi all’orecchio attento degli altri lettori.

  74. Tullio il 23 luglio 2007 alle 15:04

    Gente, ho avuto il coraggio barbaro di leggermi tutto il thread abbandonando su di un divano un libro stupendo di Antonio Muñoz Molina che stavo leggendo in lingua originale. Mi avete fatto venire voglia di tornare di corsa al libro!

  75. marco rovelli il 23 luglio 2007 alle 15:20

    Tino, giusto per dire che hai capito benissimo. Forse che Breton è mai sceso in strada con la pistola? (Ed è ovvio che la sua frase sul scendere in strada e sparare a caso come gesto surrealista è stato decontestualizzato e rivoltogli contro, ma sono i rischi del mestiere).
    Ho voluto mostrare (e chi segue NI sa qual è sempre stato il mio stile) la verità del linguaggio del mio presunto interlocutore. Il quale era lì per provocare ad arte. Come ho già detto più volte, NI sta diventando un ricettacolo di infamità per colpa di alcuni commentatori. Evidentemente NI dà fastidio a molte persone, e il modo migliore per attaccarla è quella di rendere di fatto inutilizzabile lo spazio commenti.
    Io sarei per la moderazione a oltranza dei commenti. Nel senso che prima di comparire pubblicamente, qualsiasi commento dev’essere valutato da un moderatore, così come accade i numerosi forum. Si eviterebbe questo degrado, in cui un nick qualunque, che poi l’indomani si ripresenta in un misrabile gioco delle parti, può venire, dire le cose peggiori su ciò che tu hai di più caro, di più intimo, di vero, e poi restarsene impunito.

  76. Tino S. Fila il 23 luglio 2007 alle 15:22

    Scusa Tullio, ma solo un ‘pazzo’ può abbandonare la lettura di, mettiamo, ‘L’inverno a Lisbona’, per immergersi nei fumi urticanti delle pagine di mastrolindogeppetto. Intus rede, riprendi in mano il libro e l’autore. A proposito, di cosa si tratta?

  77. ? il 23 luglio 2007 alle 15:27

    Oh, ma tu guarda, il Krauspenhaar può pemettersi di delirare a oltranza, sottolineando ripetutamente che tutti i riferimenti sono precisamente mirati, che il suo scritto non ha alcun valore letterario, se non quello di “bacchettare i bacchettoni”… e poi appena si sfiorano i suoi favolosi scenari, appena qualcuno accenna da lontano al suo di “mattatoio”…improvvisamente si vogliono chiudere i commenti, ma che combinazione, che tempismo!

  78. Francesca E. Magni il 23 luglio 2007 alle 15:32

    Anch’io ho lasciato “Piano Meccanico” di Vonnegut per NI, ma questo è uno dei possibili rischi dei blog: che non tolgono spazio alla televisione ma ai libri.
    E’ vero che poi grazie ai blog si possono leggere nuovi libri, ma il problema della lettura da blog andrebbe analizzato da qualcuno di competente (lo fate un bel post? Magari c’è già).
    Io lo vivo da lettrice anonima, ma lo vivo. Nel suo blog tash diceva che non riesce più a leggere un libro per intero e io gli chiedevo se invece i blog li leggesse.
    Per me è molto più comodo leggermi una paginetta da schermo e poi avere la possibilità di commentarla. Più comodo anche dal punto di vista percettivo. Insomma, un blog ha sicuramente qualcosa di più di un libro, sull’immediato.

    Adesso però mi costringo a salutarvi perché devo lavorare (su un testo difficile e cartaceo: Bernard-Marie Koltes).

    fem

  79. beccalossi il 23 luglio 2007 alle 16:07

    avremmo tutti quanti bisogno di un lavoro. di quelli che ci obbligano a lavorare, pena il licenziamento.

  80. Tullio il 23 luglio 2007 alle 16:08

    @Tino S. Fila
    “L’inverno a Lisbona”, secondo il mio modesto parere, è un libro di pochissimo conto. Non così “El jinete polaco” (mi mancano dieci pagine ed è finito), quarto romanzo dell’autore spagnolo, dimenticato in maniera a dir poco CRIMINALE dall’editoria italiana che (che io sappia) non ha neppure provato a tradurlo.

  81. effeffe il 23 luglio 2007 alle 16:55

    io vorrei Pamela come avvocato
    effeffe

  82. fk il 23 luglio 2007 alle 17:15

    A voi manca l’educazione.
    Ho fatto una domanda a una signora (credo) che mi insultava, chiedendole di precisare: nulla.
    Altri ingiuriano forti (?) del loro anonimato.
    Non è così che si fa.
    Non ha senso tirare sberle in rete a dei fantasmi. Mi limiterò a cacciarvi idelmente fuori. Non imparerete l’educazione, ma almeno disturberete meno il prossimo, almeno qui.

  83. diamonds il 23 luglio 2007 alle 17:27

    coltivo una passione non indifferente per l’inverno a Lisbona.E come il protagonista del custode del segreto amo il delirio lievemente allucinatorio del digiuno concluso a tarda sera con frutti di mare(nel mio caso surrogati con tonno in scatola,per motivi scontati).Beltenebros è insieme a Tijuana mon amour di Ellroy uno dei migliori esercizi di stile in circolazione.

  84. Tullio il 23 luglio 2007 alle 17:37

    @diamonds
    Questione di gusti, non sto a discutere, figurati. Dell’autore in questione ho letto di tutto e mi sento di consigliare “Beatus Ille”, “El jinete polaco”, “Il custode del segreto”, “Ardor guerrero” (altra enorme figura da quattro soldi fatta dall’editoria italiana al completo) e “Carlota Fainberg”.

  85. Tino S. Fila il 23 luglio 2007 alle 18:11

    “Beatus ille” e “Il custode del segreto” li ho letti anch’io, insieme al succitato inverno lusitano, per il quale stravedo. Comunque, gusti o non gusti, stiamo parlando di un grandissimo scrittore e (oh miraculum retis!), magari, abbiamo incuriosito qualcuno che non lo conosce. E questa è cosa buona e giusta.

    Saluti, e tanti sfilatini di grano duro, integrali, per tutti: meglio macrobiotizzarsi.

  86. Tullio il 23 luglio 2007 alle 19:16

    @Tino S. Fila
    A proposito di sfilatini: da provare quello napoletano inzuppato nel sugo di pomodoro durante la cottura. Non è una metafora splatter, è un consiglio gastronomico.

  87. Tino S. Fila il 23 luglio 2007 alle 19:31

    Tullio, sei un sadico, hai deciso di farmi piangere: tu non hai idea di quante centinaia di volte, nel corso degli anni, mia madre ha dovuto ripiegare sugli spaghetti aglio e olio o al burro, perché si ritrovava col tegame letteralmente prosciugato…

    Una volta, avrò avuto una decina d’anni, stava andando tutto in fumo, letteralmente, perché mi sono portato via il contenitore in un angolo, senza spegnere il gas, e ho lasciato sulla cucina, tra i fornelli, l’involucro cartaceo del pane. Pardon, degli sfilatini.

    O tempora, o more!

  88. maria (valente) il 23 luglio 2007 alle 21:27

    Allora, Fk, se posso dire la mia, qua l’unica cosa veramente squallida è il tuo post, non c’è nessuna intenzione di fare arte o letteratura, puro sfogo di bile, se voleva essere uno scherzo, credo sia stato di pessimo gusto e credo che l’unico a cui manchi l’educazione sia tu.

    Credo che dovresti delle scuse a molte persone e ammettere che tutta questa fanghiglia aveva lo scopo di bacchettare solo me, perché ti ho fatto recentemente notare che avevi delle precise responsabilità, che continuavi ad ignorare, riguardo ai troll nei tuoi post che offendevano pesantemente le donne.
    Invece di sputare il tuo risentimento a destra e manca, facevi prima a prendertela direttamente con me, senza nasconderti, come al solito, dietro al gruppo.
    Non sono forse io la “bacchettona” che ha ha preteso rispetto per le donne?
    E infatti il tuo scritto “trasuda” di rispetto per le donne, non è vero?meno che oggetti, brutalmente maltrattati, non c’è una sola figura umana…era questo che volevi dimostrare? Ed è inutile che anche stavolta tu prenda a pretesto capolavori letterari che hanno inscenato uguale violenza e brutalità, perché non ne hai la tempra, i tuoi non hanno spessore, non c’è la più pallida idea di arte, solo marciume di istinti.

    Dopo quello che ho letto (post & commenti da te sottoscritti) da parte mia spero di non avere assolutamente mai nulla a che fare con te, sei una persona di cui non ho alcuna stima, che abusa del potere di redattore per questioni personali, che non si rende nemmeno conto di quanto tutto ciò lo renda ridicolo. Firmato con nome e cognome, contento?

  89. franz krauspenhaar il 23 luglio 2007 alle 21:42

    Maria Valente, il tuo scritto trasuda odio personale. Affari tuoi. Non l’ho neanche letto tutto, è pieno di stupidaggini, d’un infantilismo che non credevo tu avessi nel “repertorio”. Mi conosci molto superificialmente, e hai dimostrato un’immaturità sulla quale rifletterei a lungo. Ma se ti va di fare questi scherzi, ovvio che non lo farai. Ti manca l’umiltà e l’intelligenza per capire dove sta la fantasia e dove la realtà. Io non te lo devo spiegare. Và a giocare con le Barbie, và.

  90. franz krauspenhaar il 23 luglio 2007 alle 21:44

    E poi scusa, se davvero pensi che io abbia scritto questo post PER TE, beh, allora proprio non mi conosci!

  91. Tino S. Fila il 23 luglio 2007 alle 21:48

    Tullio, non me n’ero proprio accorto, voi teroni avete questa capacità innata di distrarre dall’essenziale… Devo correggerti: il verbo giusto non è ‘inzuppare’, ma “azzuppare”.

    Azzùpp’ ‘a palatèll’ ‘nd’ ‘o sùuc’, ch’ è quas’ cuòtt’. Però lass’ sta’ ‘e p’zz’ttìn’ ‘e lard’, ca ‘e criatùr’ ce fann’ mal’, e nun s’ ‘e ponn’ mangià. E’ capìt’, uagliò?

    Sì, ma’, nun t’ preuccupà…

    Sì, aspiètt’ e spièr’, ca chist’ s’ha f’ttùt’ pur’ ‘a caccavèll’!

  92. franz krauspenhaar il 23 luglio 2007 alle 21:52

    Ah Maria Valente, resta inteso che le scuse le devi tu a me, semmai.

  93. franz krauspenhaar il 23 luglio 2007 alle 22:54

    Messa in moderazione la sig.ra Valente, chiudo qui i commenti.



indiani