Inedite poesie: Annalisa Teodorani

scultura_rubinetto-thumb.jpg
scultura di Gary Guydosh

Al spousi zòvni

Al spousi zòvni l’è pavaiòti
Ch’a l perd l’arzént pr’una fulèda ad vént
Gòzli d’aqua
Ch’ a l roiga un voidar
La matòina prèst.

Le giovani spose

Le giovani spose sono falene/ che perdono l’argento per una folata di vento/ gocce d’acqua/ che rigano un vetro/ al mattino presto

L’ Amour

Fa’ còunt e Vajont
Una muntagna ch’la va zò tl’ aqua.
L’amour l’ è un invarnèda
Ch’ la giàza al tubatéuri
L’è una diga
Senza gnenca un rubinèt.

L’ Amore
Fai conto il Vajont/ una montagna che cade nell’acqua/ l’amore è un inverno/ che gela le tubature/ è una diga/ senza nemmeno un rubinetto.

***

Al Zéi

Te schéur dla voita
Sla curouna tal mèni
A gli à fat la vègia
M’un dispiasoir a la volta.
A l cnos la radga d’ogni fiour.
Al zéi a gli à la scórza di arzipréss
E quant al pienz
Resna e mél.

Le zie

Nel buio della vita/ con il rosario tra le mani/ hanno vegliato/ un dolore alla volta./ Conoscono la radice di ogni fiore./ Le zie hanno la scorza dei cipressi/ e quando piangono/ resina e miele.
***

Un furminènt

E se ta m zènd
A dvént un furminènt
Che fóil ad zèndra
Ch’ e’ sta so par mirècal.

Un fiammifero
Se mi accendi/ divento un fiammifero/ quel filo di cenere/ che sta su per miracolo.

***

Cmè la léuna
Ta n pu dmandè
D’andè dalòngh da te.
Euna cmè la léuna
tal nòti
Ad me u s vàid
Una fitina stóila.

Come la luna

Non puoi chiedere
Di andare lontano da te.
Una come la luna
nelle notti
Di me si vede
Una fettina sottile.

***

La dóta

I cavéll pulóid
I arléus te sòul
Cavéll ad ragàza da imbastoi curéd.
Che la nona e la ma a l s’aracmànda.
La mi dóta
L’è un fas ad spoin.

La dote

I capelli puliti/ brillano nel sole/ capelli di ragazza da imbastire corredi./ Che la nonna e la mamma si raccomandano./La mia dote/ è una fascio di spini.

***

Sudisfaziòun

Ta m dé la sudisfaziòun
D’ una puràza svóita.

Soddisfazione
Mi dai la soddisfazione / di una vongola vuota.

***

Un pèl

Dal vólti t’ arvènz
Cmè éun ad chi pèl
Ma la bòca de pòunt.
Quand la voita la n t lasa i segn
la t lasa agli òmbri.

Un palo
A volte rimani/ come uno di quei pali/ alla bocca del ponte. / Quando la vita non ti lascia i segni/ ti lascia le ombre.

Print Friendly, PDF & Email

22 Commenti

  1. La scultura sarà anche sublime ( :-) ) , ma le poesie sono sbalorditive.
    Da riaprire, se mai s’è chiuso, il discorso sulla cosiddetta poesia dialettale, in quelle lingue del cuore che nessun basic o standard english riuscirà mai a sfrattare.
    Un caro saluto,
    Roberto

  2. Scultura sublime e poesie per fortuna uscite dal rubinetto. Grazie Francesco per averlo aperto. Un saluto Smaniz

  3. i dialetti come lingue letterarie, quando riescono a superare i rischi di manierismi e/o birignao vernacolari (sempre in agguato), credo diano risultati davvero notevoli, come in tal caso – complimenti
    P.S.
    durante ‘ste vacanze ho riletto un autore siciliano del tutto dimenticato, Santo Calì, dell’altezza di un Tessa o di un Marin

  4. Sono d’accordo, i dialetti hanno sicuramente possibilità espressive notevoli. Premesso che le poesie del post mi sono piaciute davvero molto, aggiungerei che mi piacerebbe vedere la lingua dialettale alle prese con la modernità, con l’oggi. Il soggetto e le poetiche della poesia che conosco sono, in gran parte, legate ancora troppo ai ricordi di una civiltà contadina ormai scomparsa, ad una lingua che vive nel passato e che pochi parlano ancora nella sua purezza. Basterebbe osare un po’, provare ad uscire da questo paesaggio. I risultati, per conto mio, sarebbero sicuramente notevoli….

  5. Una tradizione che dice la nobiltà, la purezza delle donne; una lingua delle nozze, della verginità offerta, un lungo amore con i corpi fatti nella terra, si parla di muntagna, chiara lingua che assomiglia al “patois” du Sud, dimenticato in Francia, Langue oc che parlava gli antenati, lingua che vorrei parlare ma che ho lasciato come il paesaggio dell’infanzia, tra cipressi e citadelle. Allora queste poesie sono una meraviglia di sapienza, di vita simple nella natura, le gusto.

    Grazie, grande Francesco!

  6. la scultura la vedrò al mio prossimo passaggio da queste parti. adesso porto via con me il lampo abbagliante di questi versi di carne, sangue e terra. echi di un desiderio che attraversa i giorni e si fa voce, nell’umiltà della vita che il suo sguardo abbraccia fino alle radici. grande, grandissima poesia. se ancora un aggettivo significa qualcosa.

  7. vi consiglio caldamente di leggere i libri ad oggi usciti di annalisa, cioè ‘Par senza gnent’ del 1999 e quello credo estremamente più facile da trovare cioè ‘La chèrta da zugh’ uscito nel 2004 per le Ed. Il Ponte Vecchio di Cesena.

  8. A me sono piaciute molto: trovo che siano delle poesie limpide e belle… Soprattutto quella delle giovani spose (come falene che perdono l’argento, come gocce d’acqua che rigano un vetro…): è bellissima.
    :-)

    [nm]

  9. E sì che sono belle.
    E’ dialetto delle parti di Cesena o Santarcangelo oppure verso il mare, Rimini…

    Nell’ultima poesia non è?:
    “Dal vólti t’ arMènz

    A la bòca de pòunt.”

    e in “Cmè la léuna” dovrebbe essere:

    “IN tal nòti”

    e in “La dóta”

    “I cavéll pulóid
    I arléus IN te sòul”

    però non so eh, non è proprio il mio dialetto e comunque il dialetto lo mastico poco.

  10. Ho fatto una ricerca autarchica e in altre poesie “IN” non c’è, si vede che non è un errore di battitura nel pubblicarle su NI.
    Poi ho scoperto che Annalisa Teodorani è di Rimini, quindi (a questo punto faccio un’apostrofe rivolgendomi direttamente a lei) ti volevo dire se passi da qui, che sabato primo settembre a Marina di Ravenna c’è la festicciola di Fernandel al bagno 72 – Hana Bi dalle 18,45 in poi… magari ti interessa.

  11. belle queste poesie.
    le loro forti immagini impressionano la mente.
    credo che sapendole leggere in dialetto assumano ancora più lunghe risonanze una più magica evocazione:

    …Al zéi a gli à la scórza di arzipréss
    E quant al pienz
    Resna e mél.

    Le zie hanno la scorza dei cipressi/ e quando piangono/ resina e miele.

    ***
    Al spousi zòvni

    Al spousi zòvni l’è pavaiòti
    Ch’a l perd l’arzént pr’una fulèda ad vént
    Gòzli d’aqua
    Ch’ a l roiga un voidar
    La matòina prèst.

    Le giovani spose
    Le giovani spose sono falene/ che perdono l’argento per una folata di vento/ gocce d’acqua/ che rigano un vetro/ al mattino presto
    ***

    complimenti ad Annalisa Teodorani

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Eppure, tutto ciò mi sembrava banale e normale: a lungo la scambiai per fortuna, ma avrei potuto giurare che non sempre era stato così; tuttavia, non saprei dirvi quando ho cominciato a notare che al mio passo, qualsiasi direzione io prendessi, i semafori diventavano verdi: solo di recente ho cominciato a notare gli anelli di quella catena che mi facevano essere inesorabilmente al posto giusto al momento giusto.

Te Diegum, Bolaño

di Giovanni di Benedetto
Nella sala d’attesa, mentre stavo consultando un catalogo, ricevetti un messaggio di mio padre in cui mi annunciava la morte di Diego Armando Maradona.

Radio days: Mirco Salvadori, Arlo Bigazzi & Vittorio Nistri

di Mirco Salvadori
Non c'è gusto in Italia ad essere felici ovvero come parlare e scrivere di musica, perduta indipendenza, tenebra e rivoluzione Pt. 2. facendo finta di esser sani. Mirco Salvadori in conversazione con Arlo Bigazzi e Vittorio Nistri

Diario di Saragozza: forever Jung

di Francesco Forlani
In queste nuove pagine, un valzer in tre tempi, si racconta di una magnifica impresa nata nel cuore della periferia della città grazie a due compagnie “Teatro del Temple” e “Teatro Che y Moche” che nel 2012 inventarono un progetto ambizioso e sociale, Il Teatro de Las Esquinas di Saragozza. E di Don Carlos liberador de las mariposas

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Latin Connection

di Gigi Spina
La lettura del testo di Apuleio in traduzione, con confronti continui con l’originale, mi portò a ricordare quasi automaticamente Fuori orario di martin Scorsese, per nulla in particolare se non per le numerose peripezie e forse per qualche metamorfosi del protagonista.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: