Per Anna Politkovskaja

Dies Irae per Anna Politkovskaja

Oratorio piccolo di parole e suoni

Giovedì 9 ottobre 2008

ore 20,30

MUSEO DIFFUSO DELLA RESISTENZA

C.so Valdocco 4/a

10122 Torino

011.4363470

di/con Claudio Canal

e Simona Colonna [violoncello e voce], Vesna Ščepanović

Dies Irae per Anna Politkovskaja è una relazione drammatica costruita con parole, suoni e immagini.

Un oratorio di voci per testimoniare l’intelligenza e la dedizione di Anna Politkovskaja.

Risuonano in scena le sue parole lucide, taglienti e commosse. Parole insostituibili.

“Io vivo la vita e scrivo di ciò che vedo”.

La sua liquidazione è raccontata da un interprete di eccezione, Vladimir Putin.

In una inedita polifonia vociferano Puškin, Lermontov, Tolstòj, un certo Mansur, Anna Achmatova, Giuseppe Giugasvili detto Stalin, a scandire i tempi lunghi e profondi del rapporto Russia/Cecenia.

Violoncello, flauto, tastiere, percussioni, canto dal vivo, immagini, segnano il ritmo dell’oratorio piccolo.

Non un monumento ad Anna Politkovskaja, piuttosto una postilla al nostro impoverimento per la sua assenza.

  6 comments for “Per Anna Politkovskaja

  1. giovanni
    8 ottobre 2008 at 17:27

    complimenti..perché certi ricordi non svaniscano mai…

  2. 8 ottobre 2008 at 17:44

    coraggiosissima

  3. gianni
    8 ottobre 2008 at 18:08

    bellissima iniziativa…

  4. gianni
    8 ottobre 2008 at 18:10

    …da noi in Italia, a parte Travaglio e pochi altri, di Politkovskaja non ci sono neppure i lacci delle scarpe…in Italia non ci sono giornalisti liberi ma servi del potere…proprio quello che un giorbnalista dovrebbe criticare e controllare!!!

  5. 8 ottobre 2008 at 18:30

    Purtroppo la libertà di parola non è mai abbastanza consolidata…

Comments are closed.