Gradazioni di Viola


À gauche il s’agit d’un violet saturé RVB composé de 100% de bleu et 75% de rouge. À droite c’est ce même violet séparé en quadrichromie, ce qui donne 51% de cyan et 65% de magenta. Comme on peut le voir, la séparation quadri ne parvient pas à restituer un violet pur.

( Una fra tante)
di
Viola Amarelli

Fard. Terra. Rimmel. Matita, per gli occhi e per le labbra. E stretti i capelli lucidi, cortina nera di arabie e medioriente. Maschera tribale, jeans improbabili su fianchi, pancia e cosce, chili di carne e grasso che strabordano, gonfiando un bomber arancio, lo stesso del rossetto. E nelle feste, parenti e capitoni, in motoretta, cacciarla la pistola, una fra tante a casa, premi il grilletto. Sparando, all’aria, al mondo, rumore di casino come un tamburo rituale a richiamare sorte, dire son io son qui venite, soldi e. Nessun ragazzo, nessun uomo da un pezzo. E ritrovarsi con uno morto ucciso. Sfortuna nera. Io non volevo, no, gesù, davvero.

Print Friendly, PDF & Email

13 Commenti

  1. Viola, ti facevo più una Viola d’amore che di guerra.
    T’arrabbi (e mi spari) se ti dico che prefrisco le tue poesie?

  2. A me pare che non ci sia definizione più giusta:
    “gradazioni”.
    Non c’è alcun stacco dalla poesia.
    Il mondo si presenta con la stessa intensità di luce.
    Variano le componenti al cambio delle situazioni.
    Ma noi restiamo avvolti nella nostra coperta, viola.

  3. Cara Viola, a proposito di gradazioni, questa ricorda ‘Quartieri Spagnoli’, la vedo quasi come una continuazione:
    Magro il palazzo pigiama, la cannottiera/ nera su nero lungo i quartieri/ spande eleganza/ alto, le spalle larghe/…

    ti dona molto comunque sia anche questo bel viola sangria
    Abele

  4. Fard. Terra. Rimmel. Matita, per gli occhi e per le labbra.

    parenti e capitoni

    E ritrovarsi con un morto ucciso.

    …intravedo il volto di manuela terracciano, e di tante altre donne come lei, in una notte di fine d’anno in cui ogni inibizione cessa e a tutti i costi bisogna divertirsi…

    viola, parole forti
    crudelmente reali

    v

  5. anche a me ha ricordato l’episodio dei quartieri spagnoli.

    la “maschera tribale” e la morte , accostamento potente.

    un saluto

  6. Qualche riga di descrizione. Una scena di teatro. Lotta dei colori. I vestiti sono di guerra. Molto crudele, la maschera tribale, perché si appica al fiato. Un garofano carmin fiorisce sulla pelle incisa.

    Bellissimo Viola.

    I nomi dei colori di pittura indovinano l’universo ampio dell’immaginazione. Chi si rammenta la magia di mescolare i colori di pittura in un bicchiere?

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’isola di Giorgio

di Francesco Forlani
Giorgio è stato per molti di noi memoria viva delle avventure letterarie del dopoguerra, non soltanto meridionale, con una infinità di rapporti, corrispondenze, storie d'amicizia, particolarmente quella con Goffredo Fofi, Dario Bellezza e Anna Maria Ortese, per l'appunto.

Buena Vista Social: Alessandro Trocino

di Alessandro Trocino
Janek Gorczyca è uno scrittore. C’è il suo nome in calce alla copertina di «Storia di mia vita», appena uscito da Sellerio. Che effetto t'ha fatto? «Boh». È uno scrittore ma anche una persona che ha vissuto per anni per strada, dormendo nelle tende, sulle panchine, nelle strutture abbandonate.

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: