Photoshopartizan #19

francesco forlani

Vive a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman e Il reportage, ha pubblicato diversi libri, in francese e in italiano. Traduttore dal francese, ma anche poeta, cabarettista e performer, è stato autore e interprete di spettacoli teatrali come Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, con cui sono uscite le due antologie Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Corrispondente e reporter, ora è direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Con Andrea Inglese, Giuseppe Schillaci e Giacomo Sartori, ha fondato Le Cartel, il cui manifesto è stato pubblicato su La Revue Littéraire (Léo Scheer, novembre 2016). Conduttore radiofonico insieme a Marco Fedele del programma Cocina Clandestina, su radio GRP, come autore si definisce prepostumo. Opere pubblicate Métromorphoses, Ed. Nicolas Philippe, Parigi 2002 (diritti disponibili per l’Italia) Autoreverse, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli 2008 (due edizioni) Blu di Prussia, Edizioni La Camera Verde, Roma Chiunque cerca chiunque, pubblicato in proprio, 2011 Il peso del Ciao, L’Arcolaio, Forlì 2012 Parigi, senza passare dal via, Laterza, Roma-Bari 2013 (due edizioni) Note per un libretto delle assenze, Edizioni Quintadicopertina La classe, Edizioni Quintadicopertina Rosso maniero, Edizioni Quintadicopertina, 2014 Il manifesto del comunista dandy, Edizioni Miraggi, Torino 2015 (riedizione) Peli, nella collana diretta dal filosofo Lucio Saviani per Fefé Editore, Roma 2017 

Tags:

  7 comments for “Photoshopartizan #19

  1. soldato blu
    25 aprile 2009 at 07:07

    Quando conobbi Nazione Indiana, l’hanno scorso, eravamo vicini al 25 aprile. Quel giorno trascrissi alcuni brani dalle ultime due pagine di “Senza tregua. La guerra dei GAP” del comandante Giovanni Pesce.

    *

    Di tanto in tanto mi alzo e spio dalla finestra la strada. C’è del movimento. Fascisti che fuggono o fascisti che si preparano a difendersi!? Verso il mattino mi addormento. Mi sveglia il trillo del telefono, all’alba. È Vergani. Pronuncia le parole che aspetto ormai da tanto tempo. Il momento è giunto. Tutte le pene, i lutti, le persecuzioni stanno per finire. Mi pare impossibile. Non avrei mai immaginato di ascoltare al telefono quelle parole dalla voce di Vergani: “La città insorge, agisci con la tua brigata secondo il piano stabilito.” Forse mi ero figurato che le parole fossero gridate da un altoparlante alle folle nelle piazze.
    Scendo in strada. È il 25 aprile. C’è gente. Ci sono operai armati, squadre di giovani che corrono verso le caserme abbandonate nella notte dai fascisti. Vogliono anch’essi, questi ragazzi, impugnare un’arma. Il nemico non è ovunque battuto: asserragliato nei fortilizi e nei punti strategici, tenta la fuga su mezzi corazzati.

    È un grande giorno. È il grande giorno.
    C’è tutta la città che corre che grida, che risorge. Per ore e ore le squadre dei GAP e dei SAP, degli operai, dei giovani, in attesa delle formazioni di montagna in marcia verso Milano, corrono da un quartiere all’altro per eliminare un nido di resistenza fascista, per arrestare un gerarca, per costringere alla resa un reparto tedesco.
    Quarantotto ore prima eravamo pochi, ora siamo folla. Però, dietro di noi a sorreggerci, ad aiutarci, a nasconderci, a sfamarci, a informarci, c’è sempre stata questa massa di popolo che ora corre per le strade, si abbraccia e ci abbraccia, e grida: “Viva i partigiani.”

  2. 25 aprile 2009 at 09:15

    grazie, V.

  3. 25 aprile 2009 at 09:24

    meraviglia, effeffeffeffe, grazie.

  4. 25 aprile 2009 at 09:36

    Questa è anche una buona versione di oltre il ponte:
    http://www.youtube.com/watch?v=7-Kfr57Zhy0

  5. 25 aprile 2009 at 10:16

    una parola sola: Fenoglio.

  6. véronique vergé
    25 aprile 2009 at 16:11

    Magnifico e commovente.
    Oltre il ponte,
    con la speranza di libertà,
    grande effeffe
    che l’ha la giovinezza,
    l’impegno, oltre il ponte,
    con l’omaggio per tanti ragazzi
    partisans ( Ciao Bella).

    La musica ha la belleza
    della storia ritrovata
    in malinconia
    in momento dove si gioca
    la vita e la libertà.

    Ciao Bello

    véronique

  7. carmine vitale
    27 aprile 2009 at 12:09

    bellissimo
    c.

Comments are closed.