Il sindaco di Gela

gela

[pubblico questa intervista uscita sul Manifesto del 25 aprile a Rosario Crocetta, sindaco di Gela (Caltanissetta); un personaggio che sembra una perla purtroppo rara nel panorama dei sindaci, non solo siciliani. a.s.]

Palermo, Intervista di Alfredo Marsala al sindaco di Gela Rosario Crocetta

Titolo: “”Crocetta: «La mafia? Mi fa più paura la politica»””

Quando sei anni fa si insediò in municipio Rosario Crocetta come primo atto dichiarò guerra alla mafia. Gela, avvolta tra i fumi del Petrolchimico e martoriata da mafiosi e stiddari, non poteva immaginare che quel sindaco in poco tempo avrebbe davvero cambiato la storia di quella città fino ad allora maledetta. E col tempo chi non aveva capito voltandogli le spalle e chi lo dileggiava per la sua dichiarata omosessualità ha dovuto cambiare idea. Crocetta per molto tempo è stato quello che in Sicilia si dice un morto che cammina. Solo contro la mafia. Oggi il contesto è cambiato. Cosa nostra vuole ucciderlo. La Procura ha sventato il terzo progetto di attentato, arrestato due persone pronte ad agire con un arsenale. «L’ho saputo dalla radio – dice Crocetta – e la prima persona a cui ho pensato è stata mia madre, ho chiamato mio fratello e gli ho detto di raggiungerla, non volevo che lo sapesse dalla tv. Poi ho pensato alle madri dei poliziotti, in particolare a una donna che ho incontrato a Palermo davanti la Focacceria San Francesco di Vincenzo Conticello; mi si è avvicinata, mi ha abbracciato, dicendomi che i suoi due figli sono agenti della catturandi, aveva gli occhi rossi. Ho sentito il dolore di questa madre. Ecco, oggi quel dolore l’ho risentito.

Sindaco, ha paura?
Non si ha paura quando si è in guerra. Io sono in guerra, qui a Gela. Il mio nemico è la mafia. Sono arrabbiato, mi chiedo ma che paese è l’Italia, che chiama sbirri i poliziotti e uomini d’onore i mafiosi. Se Cosa nostra mi vuole uccidere, perché è la cupola che lo vuole non due mafiosi qualunque, significa che le scelte che ho fatto sono giuste. Mi passano in mente tutti questi anni. Ricordo quando nel 2003 dissi che avrei lottato la mafia e i mafiosi chiamarono il mio avvocato dicendogli che mi avrebbero ucciso.

Da allora non si è più fermato, e adesso?
Vado avanti. Non sono più solo come allora, anche se ho subito tante minacce e ho avuto qualche momento di scoramento.

In che occasione?
Quando la mia coalizione, il centrosinistra, mi voleva sfiduciare. Sono stati giorni bui, intensi, ma ho resistito.

Cosa le è rimasto di quello scontro così aspro?
Ho più paura della politica che della mafia. La politica a volte tira agguati, soprattutto con il sistema della delegittimazione. La mafia mi fa meno paura perché la conosco di più. Abbiamo bisogno di una svolta morale, questo paese ne ha bisogno.

Eppure ha rischiato di non essere candidato alle Europee dal suo partito
Adesso capisco perché Beppe Lumia ha così tanto insistito che il Pd mi candidasse. Franceschini alla fine ha fatto una scelta di solidarietà. Se il partito non mi avesse candidato, oggi, alla luce dell’inchiesta della procura che ha svelato il progetto di omicidio, sarebbe passato il concetto che la politica di Roma mi aveva scaricato, lasciandomi da solo contro la mafia.

Domani (oggi, ndr) è il 25 aprile, ma la Sicilia non è stata ancora liberata da Cosa nostra.
Sarò in piazza tra la mia gente. Ci andrò da militante, da combattente per una nuova resistenza. Farò i nomi dei mafiosi, griderò forte i loro nomi in piazza come è giusto che debba fare un amministratore. E’ assurdo non potere celebrare la liberazione della Sicilia dalla mafia, ma sono convinto che con l’impegno ce la faremo, grazie soprattutto a quanti considero come dei partigiani, penso ai ragazzi di Addiopizzo, agli imprenditori che denunciano il racket delle estorsioni e ai politici che invece del compromesso hanno scelto la battaglia contro la mafia, una battaglia di libertà in una terra dove l’80% delle imprese paga il pizzo, dove si traffica la droga, dove molte gare d’appalto sono in mano alle organizzazioni criminali. Questa battaglia è una battaglia di resistenza democratica.

Il procuratore Grasso dice che a rischiare la vita è chi l’antimafia la fa sul serio, come Crocetta
E’ vero, sono molti gli amministratori che fanno un’antimafia con le bandierine durante le commemorazioni e poi fanno affari. Questi amministratori si lavano la coscienza con l’antimafia delle targhe.

Print Friendly, PDF & Email

11 Commenti

  1. Massimo rispetto al sindaco Crocetta e per il suo coraggio in una terra così complessa.
    Qui al nord siamo in tanti ad amare questo tipo di sud, gente come lui, gente che si schiera in maniera palese contro la mafia.
    La mafia è preistoria, non futuro. La mafia è morte, non vita.
    La mafia fa schifo. Farabutti che senza violenza non saprebbero che cosa fare nella propria vita, già di per sé misera.
    Una battaglia dura, ma spariranno i mafiosi prima o poi, sono l’immondizia d’Italia.

  2. Un mio collega d’ufficio, che è siciliano, dice che il sindaco di Gela è un grande, che con amministratori come lui salveremmo questo paese. Sento l’ammirazione nelle sue parole, nel tono di voce, nel suo sguardo. E la condivido in pieno.

  3. questi sono i veri eroi… che coraggio, che forza…. sono dei piccoli-grandi che guevara che mettono l’idea di giustizia davanti alla loro stessa vita… purtroppo hanno a che fare con delle bestie senza coscienza… speriamo di non dover mai pensare a lui con lo stesso magone con cui pensiamo ad altri eroi come peppino impastato, rosario livatino, pino puglisi e via e via…

  4. certamente, e in modo più o meno pubblicamente noto in vari cerchiamo di farlo nel quotidiano, sempre e in ogni gesto, puntigliosamente e pedissequamente, ma avendolo già detto tante volte mi sembrava ridondante ripeterlo, mentre forse è necessario.

  5. @ Ares
    essendo davvero a momenti molto tonta ti ho riletto e credo di aver capito, scusa la confusione

  6. carissimo sindaco mi fa molto piacere che va avanti la legalita.pero mi sconforta il fatto che non ce lavoro io ho 45 anni è mi ritrovo senza un lavoro. pero sono contento di essere cittadino gelese malgrado questa realta che vivo non mi resta che salutarla complimenti.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Visti dall’Oltre

di Fabrizio Centofanti
In potenza siamo molte cose: un’energia allo stato puro che tende verso una realizzazione. Ma è l’atto che ci definisce. È l’idea di progetto: chi siamo veramente? Conosciamo il nostro destino, ciò per cui siamo al mondo? Ci interessa?

La follia dei numeri #2

di Antonio Sparzani
Dove siamo arrivati con la follia dei numeri: siamo arrivati a costruire una classe di numeri che sembra li contenga tutti, visto che possiamo scrivere un numero qualsiasi di cifre prima della virgola e una successione qualsiasi di cifre dopo la virgola, anche una qualsiasi successione infinita, cosa vogliamo di più folle ancora?

La follia dei numeri #1

di Antonio Sparzani
In tutta la mia vita adulta i numeri e la scienza che li tratta, la matematica, mi sono stati piuttosto familiari, e spesso necessari, data la mia...

M’è venuto un sospetto. . . .

di Antonio Sparzani
Spero abbiate tutte e tutti notato come e in quali efferati e rivoltanti modi la polizia italiana (comprendo in questo termine carabinieri, polizia, urbana e non, e qualsiasi altro cosiddetto tutore dell’ordine) stia, come dire, alzando la cresta, ovvero il livello della brutale repressione dei “diversi” in qualsiasi modo essi si presentino: i fatti di Verona e poco prima i fatti di Milano, quattro agenti che pestano di brutto una transessuale ecc. ecc.

Le parole della scienza 3: da Tito Livio alla terribile “formula”

di Antonio Sparzani
La prima puntata qui e la seconda qui. Che cosa hanno in comune una Ferrari e il censimento della popolazione nell’antica Roma? Non molto, sembrerebbe, salvo che c’è una stessa parola che è implicata in entrambe. Nell’antica Roma, due millenni prima dell’epoca delle Ferrari, Tito Livio, storico di età augustea, scrisse un’opera immensa, cui si conviene di dare il titolo Ab urbe condita – dalla fondazione della città–per–eccellenza

Le parole della scienza 1: la Donzella crea l’insieme

di Antonio Sparzani
Una delle prime parole che compaiono nei manuali di matematica è la parola insieme. E il primo capitolo è spesso dedicato alla “teoria degli insiemi”. Io mi sono chiesto sia da dove salta fuori questa parola insieme sia poi come abbia fatto a diventare un vero sostantivo, da avverbio che era all’inizio. Per soddisfare la mia curiosità sono andato a guardare alcuni sacri testi e naturalmente ho capito che, come spesso accade, occorre scavare nel latino.
antonio sparzani
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: